Rai Way corre dopo conti e piano. Rumor su M&A

Rai Way catalizza gli acquisti grazie a un mix di fattori: ecco quali.

Prosegue in maniera pimpante la seduta di Rai Way che anche oggi guadagna terreno, salendo per la terza giornata consecutiva.

Rai Way in rally

Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di ieri con un progresso di oltre un punto e mezzo percentuale, si spinge in avanti anche oggi, riuscendo a fare ancora meglio.

Negli ultimi minuti Rai Way si presenta a 5,03 euro, con un rally del 3,07% e volumi di scambio molto vivaci, visto che fino a ora sono transitate sul mercato oltre 1,5 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 300mila.

Rai Way: i risultati del 2023

Rai Way guadagna terreno dopo aver presentato i risultati operativi del 2023, che hanno restituito un utile netto in rialzo del 17% a 87 milioni di euro, mentre i ricavi sono saliti dell’11% a 272 milioni e l’Ebitda adjusted del 19% a 180 milioni di euro.

Le spese per investimenti sono state pari a 62 milioni di euro, di cui 46 milioni di sviluppo, mentre l’indebitamento finanziario netto si attesta a 105 milioni di euro.

Sulla base dei risultati conseguiti nel 2023, che gli analisti di Equita SIM definiscono in linea con le attese, Rai Way ha deciso di proporre la distribuzione di un dividendo di 32,2 centesimi di euro, in crescita del 17% rispetto all’anno precedente, con un rendimento di quasi il 6,4% rispetto alle quotazioni correnti del titolo.

Rai Way: il piano strategico 2024-2027

Rai Way ha presentato anche il piano industriale 2023-2027, i cui target includono capex di sviluppo nel business tradizionale e investimenti di sviluppo in Edge ed Hyperscale data centers, con 15 milioni di euro di contributo di EBITDA oltre l’orizzonte di piano.

Il dividendo è atteso sostanzialmente flat, con la stima di un tasso medio annuo composto di crescita nell’ordine del 2%.

Quanto ai principali elementi del piano, si segnalano capex di sviluppo a 240 milioni di euro, di cui 100 milioni nel business tradizionale e 140 milioni per lo sviluppo.

Il tasso medio annuo composto di crescita dei ricavi è del 3,8%, con un contributo delle attività diversificate pari a 10 milioni di euro, in linea con le stime di Equita SIM.

Il tasso composto di crescita annuale dell’Ebitda è del 3,5% a 207 milioni di euro, con un impatto marginalmente negativo delle attività diversificate e un maggiore contributo dallo sviluppo delle attività tradizionali rispetto alle stime per circa 15 milioni.

L’utile netto è atteso sostanzialmente flat a 92 milioni di euro per maggiori ammortamenti. È confermata la politica del dividendo pari al 100% di payout, con cedola sostanzialmente stabile nell’arco di Piano.

Gli investimenti di mantenimento sono pari al 6,5% di ricavi ed il recurring free cash flow a fine piano è atteso salire da 114 a 130 milioni di euro, leggermente superiore ai 123 milioni attesi.

Rimane da verificare il peggioramento del debito netto. Al 2027 peggiora di circa 180 milioni a 286 milioni, ben superiore alle stime, in parte a causa dei maggiori investimenti di sviluppo.

Rai Way: rumor su fusione con Ei Towers

Infine, il comunicato stampa non parla esplicitamente di consolidamento nel settore broadcaster, ma sottolinea che M&A rimane un pilastro della strategia del gruppo.

Secondo Repubblica il governo dovrebbe approvare questa sera, o subito dopo Pasqua, un DPCM che elimina la soglia di controllo Rai del 30%, inserita dal governo Draghi nel febbraio 2022, che potrà quindi ridurre la partecipazione in Rai Way, confermando la volontà politica di portare avanti la fusione con Ei Towers.

Secondo il Sole 24 Ore, invece, il consolidamento sarà valutato dopo la cessione di un pacchetto del 15% di Rai Way ad investitori istituzionali.

Sia Rai che Rai Way avrebbero nominato gli advisors per studiare l’operazione, che dovrebbe concludersi entro fine anno.

Rai Way: il commento di Equita SIM

Se confermata, secondo gli analisti di Equita SIM, la volontà del governo di procedere con la fusione Rai Way-Ei Towers sarebbe positiva, perché permetterebbe un re-leverage dell’entità che nascerebbe dalla fusione, che gli esperti si attendono possa avvenire anche attraverso un dividendo straordinario.

Non cambia intanto la strategia della SIM milanese, che su Rai Way ribadisce la raccomandazione “hold”, con un prezzo obiettivo a 6,3 euro.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate