Elezioni, Berlusconi: ”Altre coalizioni centriste scelta senza senso”. La replica di Renzi

Elezioni, Berlusconi attacca il Terzo Polo: ”Altre coalizioni centriste che guardano a sinistra e che non avranno influenza nel prossimo Parlamento sono una scelta senza senso”. Replica Renzi: ”Voto a noi utilissimo”. Tutte le notizie nell'articolo.

Image

Silvio Berlusconi ha preso parte alla puntata di Controcorrente su Rete4. Ha dipinto alla trasmissione di Veronica Gentili le elezioni del 25 settembre come un referendum tra chi vuole cambiare la situazione attuale e chi no. E che Forza Italia sarà il cuore del prossimo governo.

E' stata anche la giornata di Matteo Renzi, Terzo Polo Italia sul Serio che ha parlato a Roma a conclusione dell'incontro Renew Roma e in serata è stato ospite da Bruno Vespa a Porta a Porta. Ecco le loro parole.

Elezioni Politiche 2022, Silvio Berlusconi: ”Il 25 settembre sarà un referendum”

Silvio Berlusconi ha preso parte alla trasmissione di Rete 4 Controcorrente in collegamento da Arcore. Berlusconi ha evidenziato che il "centro sinistra farebbe meglio a parlare dei suoi programmi, se ne ha, invece di tentare senza riuscirci di gettare allarme in Europa ai danni dell'Italia”. 

Il 25 settembre sarà davvero un referendum, ma non certo sull'Europa ma fra chi accetta che le cose in Italia non cambino mai e chi è pronto a scommettere su un governo che sia per la prima volta dal 2008 espressione della maggioranza degli elettori.

Elezioni Politiche 2022, Silvio Berlusconi: ”Non vogliamo eliminare il Reddito di Cittadinanza”

Berlusconi ha spiegato come ”ogni singolo capitolo del nostro programma è orientato alla crescita”.

E ha sottolineato che ”non vogliamo eliminare il Reddito di Cittadinanza ma riformularlo e dare di più a chi ne ha bisogno. Nel governo noi saremo i garanti del profilo europeista, saremo motore dell'attività di Governo, noi mettiamo esperienza di Governo. Saremo il cuore del Governo”.

A sinistra remano contro Italia e il Paese. Vanno in Europa e parlano male del centrodestra. Paradosso, gesto inutile perchè in Italia non convince nessuno ma gli speculatori internazionali trovano ottimi argomenti per screditare l'Italia. Al contrario quello che abbiamo fatto noi. Nel contesto internazionale non abbiamo mai fatto mancare appoggio a governi non nostri anche da opposizione. 

Elezioni Politiche 2022, Silvio Berlusconi attacca gli avversari: ”Altre coalizioni centriste che guardano a sinistra sono una scelta che non ha senso”

Berlusconi interpellato da Veronica Gentili ha anche parlato delle altre coalizioni in particolare del Terzo Polo Renzi-Calenda ma non solo e senza nominarlo:

”Altre coalizioni centriste che saranno ininfluenti nel prossimo parlamento e che guardano a sinistra sono una scelta che non ha senso".

Su Salvini e Meloni in futuro nel Ppe Berlusconi ha risposto: ”Ne parleremo, si vedrà. Saranno loro magari a chiederlo un giorno”.

Invece sul futuro di Mario Draghi, Berlusconi dice: ”Occorre ricordare che ho indicato lui come Governatore della Banca d'Italia e della Banca Centrale Europea superando resistenze. Anche per il Governo di emergenza. Sono assolutamente convinto che Draghi possa e debba avere ruolo significativo in Italia e in Europa".

Nel pieno della pandemia - prosegue Berlusconi - ancora con il Governo Conte scrissi un articolo sul Corriere della Sera e chiedevo che tutte energie migliori del paese e delle università si mettessero a disposizione del paese in un momento così difficile. Quelle riflessioni sono ancora valide. Il nostro prossimo governo che avrà una chiara connotazione politica di centrodestra cercherà un rapporto costruttivo con le opposizioni. Spero che minoranza abbia un ruolo.

Elezioni 2022, Matteo Renzi a Porta a Porta: ”Conte, Salvini e Berlusconi hanno mandato a casa Draghi per affidarci all'ignoto”

Matteo Renzi nelle stesse ore era a Porta a Porta e ovviamente ha parlato di voto per il Terzo Polo utilissimo. E che si è mandato a casa Draghi per affidarsi all'ignoto.

”Siamo – evidenzia Renzi -  in una situazione di caro bollette, con una guerra vicino ai confini e si manda a casa Draghi per affidarci all'ignoto. Scelta di votare anticipatamente è stata una follia, colpa di Conte, Berlusconi e Salvini. Con Carlo Calenda e con Azione, noi di Italia Viva abbiamo deciso andare da soli ma coerenti con le nostre idee e non fare alleanze finte e ammucchiate.”

Conte è il primo colpevole di questa situazione, spiega Renzi, lo ha fatto per il suo interesse, fa campagna elettorale con tessere Rdc in tasca.

"Salvini e Berlusconi avrebbero dovuto non votare la sfiducia. Letta poi non ne sta azzeccando una, ho smesso di parlarne male, sta facendo campagna elettorale per Giorgia Meloni. Ha iniziato a parlare di imposte di successione, di non volere più il Jobs Act. A sinistra c'è chi come Di Maio che ha creato i navigator, creazione anche di Salvini e Di Maio. Noi siamo invece quelli di Industra 4.0".

Elezioni Politiche 2022, Matteo Renzi: ”Il voto per noi è utilissimo”

A domanda diretta del giornalista Alessandro Sallusti, presente nello studio di Bruno Vespa che chiedeva se Draghi sia informato del fatto che il Terzo Polo lo vorrebbe ancora premier e con quale maggioranza nel caso questo sarà possibile, Renzi risponde così:

A destra si dice che chi vota Renzi e Calenda vota Pd, lo dice Berlusconi. A sinistra dicono che chi  vota per noi vota per la destra. Io penso che chi vota Italia sul Serio, vota Calenda e il sottoscritto. Non abbiamo mai detto che chi vota per noi vota per Draghi. Noi, quando tutta Italia, diceva quanto è bravo Conte, abbiamo detto che non sta andando bene, i vaccini sono in ritardo e tante altre cose. Lo abbiamo fatto, Mattarella ha chiamato Draghi che ha detto che sono al servizio delle istituzioni”.

”In Italia – continua Renzi - non esiste un Presidente del Consiglio eletto direttamente, io lo vorrei, ho perso Palazzo Chigi per una riforma costituzionale, per un governo scelto dai cittadini. Ma ora , rivolto ai telespettatori, non eleggete un presidente consiglio ma dei parlamentari. Se la destra va molto bene allora sarà Meloni ad andare al Governo come è giusto e normale che sia e io sarò all'opposizione. Se noi andiamo bene, e andiamo in doppia cifra più del 10% è possibile anzi probabile che servirà una figura autorevole che metta insieme pezzi di vari schieramenti perchè non ci sarà una maggioranza”. 

Il voto a noi è un voto utilissimo - argomenta Renzi -. Col 2% siamo riusciti a mandare via Conte e portare Draghi. Col 10% possiamo fare la differenza. Sarà poi Draghi a decidere se lo chiameranno. Io tra Meloni e Draghi preferisco Draghi.

"Il nostro percorso è chiaro, siamo lineari vogliamo il voto dei delusi del centrodestra e del centrosinistra. Puntiamo a fare quello che ha fatto Macron in Francia. Ma non pensiamo che con Meloni è a rischio la democrazia".

"Per me con Meloni sono a rischio i conti pubblici. Non la attacco sul fascismo, l'attacco sull'idea di Europa che ha e che non è la nostra. Il suo programma, il programma del centrodestra rischia di fare andare in default il Paese e l'ultima volta il paese ha rischiato il default è stato nel 2011 proprio con il governo di centrodestra”.