Chi è Riccardo Magi, il deputato che ha contestato Giorgia Meloni sulla cannabis

Riccardo Magi è segretario nazionale di Più Europa: ecco perché ha contestato la premier Giorgia Meloni nel corso di un convegno.

Riccardo Magi mentre contesta la premier Giorgia Meloni

Riccardo Magi è il segretario di più Europa. Nell'ambito di un convegno durante la giornata mondiale contro le droghe ha contestato la premier Giorgia Meloni nel corso sul suo intervento. Vediamo che cosa è successo è chi è Riccardo Magi.

Riccardo Magi e la contestazione alla premier Giorgia Meloni

La presidente del consiglio Giorgia Meloni stava intervenendo in occasione di un convegno nell'ambito della Giornata mondiale contro le droghe.

Magi insieme ad altri esponenti di Più Europa contestando le linee politiche del Governo ha esposto un cartello che recitava scritto 'Cannabis: se non ci pensa lo Stato ci pensa la mafia'.

La premier Giorgia Meloni ha replicato dal microfono dicendo che

"Non mi faccio intimidire. Lei dovrebbe sapere che non sono una persona che si fa intimidire, perché so esattamente cosa sto facendo" a Magi che l'aveva interrotta per protestare durante il convegno.

Avete organizzato per anni convegni che nessuno si è mai permesso di bloccare. Dovete accettare che c'è un altro governo eletto dagli italiani per fare esattamente quello che stiamo facendo. Sono stata lunghi anni al 3 per cento e so cosa vuol dire cercare visibilità...

ha infine detto Meloni.

Chi è Riccardo Magi, deputato e segretario nazionale di Più Europa

Riccardo Magi è nato a Roma, 7 agosto 1976, dal 23 marzo 2018 è deputato della Repubblica Italiana, membro della Commissione Affari Costituzionali. Dal 2023 è Segretario di +Europa, dopo esserne stato Presidente dal 2021. È tra i promotori del Referendum per la Legalizzazione della Cannabis.

Magi è laureato in Scienze Storiche con votazione 110/110 con lode presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

L'attività politica di Riccardo Magi

Magi dal 2009 al 2013 è stato segretario dell'Associazione Radicali Roma ed è tra i promotori delle proposte di delibere popolari per il Registro Comunale dei Testamenti Biologici e il riconoscimento delle Unioni Civili.

Alle elezioni politiche del 2013 è candidato alla Camera nella circoscrizione Lazio 1 con la Lista Amnistia Giustizia Libertà, ma non è eletto, non avendo superato la formazione la soglia di sbarramento.

Il 4 novembre 2015 viene eletto Segretario Nazionale di Radicali Italiani. Da Segretario di Radicali Italiani contribuisce a fondare +Europa, e alle elezioni politiche del 2018 viene eletto alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Roma-Gianicolense, sostenuto dalla coalizione di centro-sinistra, in quota +Europa-Radicali, ottenendo il 32,30%.

Nell'anno della sua elezione a Deputato termina il mandato di Segretario di Radicali Italiani.

L'elezione a presidente di Più Europa e poi segretario

Il 18 luglio 2021, durante il secondo Congresso di +Europa, è eletto Presidente del partito, con il 60% dei voti dei delegati. Nello stesso anno è tra i promotori del Referendum per la Legalizzazione della Cannabis.

Alle elezioni politiche del 2022 viene candidato alla Camera nel collegio uninominale Piemonte 1 - 01 (Torino: Circoscrizione 2 - Santa Rita - Mirafiori Nord - Mirafiori Sud) per il centro-sinistra in quota +Europa, oltreché in cinque collegi plurinominali tra Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio e Campania. Magi verrà eletto all'uninominale con il 39,77%.

Il 26 febbraio 2023, durante il terzo Congresso di +Europa, viene eletto Segretario del partito +Europa succedendo a Benedetto Della Vedova.

LEGGI ANCHE: Sondaggio, minoranze sessuali discriminate? Le opinioni degli italiani anche per partito