OPEC

Opec, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio

Fondata nel 1960, l'Opec è l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la cui sigla, nello specifico, sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries.

Cenni storici

L'Opec nacque per contrastare il dominio pluriennale delle società petrolifere straniere, ed in particolare di quelle inglesi ed americane che, già negli anni venti e trenta, erano riuscite ad esercitare il pieno controllo di tutta la filiera del petrolio, dalle riserve all'estrazione e passando per la raffinazione e la commercializzazione.

Cartello economico del petrolio

Con l'Opec, i Paesi aderenti non formano altro che un cartello economico del petrolio il cui fine è quello di negoziare con le compagnie dell'oro nero tutta una serie di aspetti, dai livelli di produzione ai prezzi e fino ad arrivare alle concessioni.

Opec, i Paesi aderenti

Nel 2015 sono 12 i Paesi aderenti all'Opec. Trattasi, nello specifico, di Algeria, Angola, Ecuador, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. Prima di uscirne, inoltre, hanno fatto Parte dell'Opec in passato il Gabon, dal 1975 al 1994, e l'Indonesia dal 1962 al 2009.

Il ruolo dell'Arabia Saudita

Rispetto agli altri cartelli economici, quello dell'Opec per oltre 50 anni è stato tale che i prezzi del petrolio al barile sono stati mantenuti alti per lungo tempo. E questo in particolare grazie al ruolo dell'Arabia Saudita che ha molte volte tollerato il mancato rispetto dei patti, da parte degli altri Paesi aderenti, e che ha spesso, con decisione unilaterale, tagliato la propria produzione per mantenere alti i prezzi.

I Paesi non aderenti

I Paesi del cartello economico dell'Opec controllano e gestiscono circa i tre quarti delle riserve di petrolio nel mondo rispetto al restante 25% circa che è riconducibile ai Paesi non aderenti. In particolare, non fanno parte dell'Opec Canada, Messico e Stati Uniti in Nord America, Bahrein ed Oman in Medio Oriente; Kazakistan, Cina e Russia in Asia, e la Norvegia in Europa.

Per maggiori informazioni: OPEC



Opec taglia stima crescita globale domanda petrolio nel 2020

Secondo quanto emerge dall'edizione di settembre del Monthly Oil Market Report dell'Organization of the Petroleum Exporting Countries (Opec, l'organizzazione dei 14 maggiori produttori di petrolio con riserve provate superiori al 70% del totale mondiale), la domanda globale di greggio crescerà meno di quanto previsto in precedenza.

Opec taglia stima crescita globale domanda petrolio nel 2020







Petrolio, sondaggio analisti: previsioni prezzi estate 2019

Petrolio: WTI e Brent sopra o in linea coi livelli attuali. Tagli Opec. Schermaglie USA Iran. Le previsioni estive degli analisti nel sondaggio CNBC.

Petrolio, sondaggio analisti: previsioni prezzi estate 2019

Petrolio: il rally proseguirà. I titoli pronti ad approfittarne

Il petrolio è sostenuto da una parte dal calo delle scorte Usa e dall'altra dalle tensioni tra Iran e Usa. Gli scenari attesi dagli analisti e le indicazioni sui titoli oil da preferire a Piazza Affari.

Petrolio: il rally proseguirà. I titoli pronti ad approfittarne

Petrolio in corsa: i broker litigano su outlook. Crollo o rally?

Il petrolio è schizzato verso l'alto dopo il tweet di Trump in cui è stato annunciato l'incontro con il presidente cinese al G20. Le banche d'affari indicano previsioni molto diverse sull'oro nero: eccole nel dettaglio.

Petrolio in corsa: i broker litigano su outlook. Crollo o rally?

Petrolio: nuovo affondo. Arrivano previsioni choc dalla Russia

Il petrolio si conferma in forte ribasso dopo il report sulle scorte Usa che ha segnalato un nuovo aumento. Occhi puntati sul meeting dell'Opec: in caso di mancato accordo le quotazioni crolleranno.

Petrolio: nuovo affondo. Arrivano previsioni choc dalla Russia

Petrolio in bear market: broker tagliano stime dopo i dati USA

Morgan Stanley taglia le stime sulle quotazioni del petrolio, ieri precipitato oltre il 20% dai massimi recenti in scia ai dati sulle scorte USA.

Petrolio in bear market: broker tagliano stime dopo i dati USA

Petrolio ancora ben supportato. Equita punta su Eni e Saipem

Petroliferi del Ftse Mib giù, per l'effetto "cedola day", nonostante la buona intonazione del petrolio e diverse news positive su alcune quotate del settore.

Petrolio ancora ben supportato. Equita punta su Eni e Saipem

Oil giù con dati scorte USA. Male Saipem, focus su dividendo Eni

Petroliferi del Ftse Mib deboli col calo del greggio dopo i dati sulle riserve USA. Male Saipem, giù Eni nel giorno dell'assemblea che approva cedola e buyback.

Oil giù con dati scorte USA. Male Saipem, focus su dividendo Eni

3 scenari della crisi venezuelana che impattano sul petrolio

Petrolio: gli analisti tracciano un serie di scenari probabili per la crisi venezuelana e delle rispettive implicazioni per i prezzi del barile.

3 scenari della crisi venezuelana che impattano sul petrolio

Settore Oil euforico. Cosa cambia la nuova stretta contro l'Iran

I petroliferi di Piazza Affari in gran spolvero in scia al rally del greggio dopo il nuovo giro di vite degli USA contro le esportazioni iraniane.

Settore Oil euforico. Cosa cambia la nuova stretta contro l'Iran

Petrolio su nuovi massimi 2019. Occasioni Buy a Piazza Affari?

Il nuovo rialzo del greggio, spinto dai dati sulle scorte USA e dai segnali positivi arrivati dalla Cina, favorisce i petroliferi a Piazza Affari.

Petrolio su nuovi massimi 2019. Occasioni Buy a Piazza Affari?

Petrolio in accelerazione ribassista. Cosa spinge i sell?

Dopo essersi spinto ieri a poca distanza dai 65 dollari, il petrolio perde nettamente terreno oggi. I motivi alla base del ribasso.

Petrolio in accelerazione ribassista. Cosa spinge i sell?
apk