OPEC

RSS

Opec, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio

Fondata nel 1960, l'Opec è l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la cui sigla, nello specifico, sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries.

Cenni storici

L'Opec nacque per contrastare il dominio pluriennale delle società petrolifere straniere, ed in particolare di quelle inglesi ed americane che, già negli anni venti e trenta, erano riuscite ad esercitare il pieno controllo di tutta la filiera del petrolio, dalle riserve all'estrazione e passando per la raffinazione e la commercializzazione.

Cartello economico del petrolio

Con l'Opec, i Paesi aderenti non formano altro che un cartello economico del petrolio il cui fine è quello di negoziare con le compagnie dell'oro nero tutta una serie di aspetti, dai livelli di produzione ai prezzi e fino ad arrivare alle concessioni.

Opec, i Paesi aderenti

Nel 2015 sono 12 i Paesi aderenti all'Opec. Trattasi, nello specifico, di Algeria, Angola, Ecuador, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. Prima di uscirne, inoltre, hanno fatto Parte dell'Opec in passato il Gabon, dal 1975 al 1994, e l'Indonesia dal 1962 al 2009.

Il ruolo dell'Arabia Saudita

Rispetto agli altri cartelli economici, quello dell'Opec per oltre 50 anni è stato tale che i prezzi del petrolio al barile sono stati mantenuti alti per lungo tempo. E questo in particolare grazie al ruolo dell'Arabia Saudita che ha molte volte tollerato il mancato rispetto dei patti, da parte degli altri Paesi aderenti, e che ha spesso, con decisione unilaterale, tagliato la propria produzione per mantenere alti i prezzi.

I Paesi non aderenti

I Paesi del cartello economico dell'Opec controllano e gestiscono circa i tre quarti delle riserve di petrolio nel mondo rispetto al restante 25% circa che è riconducibile ai Paesi non aderenti. In particolare, non fanno parte dell'Opec Canada, Messico e Stati Uniti in Nord America, Bahrein ed Oman in Medio Oriente; Kazakistan, Cina e Russia in Asia, e la Norvegia in Europa.

Per maggiori informazioni: OPEC



Petrolio: cause del crollo e previsioni. I titoli oil ancora buy

Le quotazioni dell'oro nero risalgono la china dopo 12 sessioni consecutive in calo che hanno portato ieri al ribasso giornaliero più ampio da quasi 2 anni. Le attese degli analisti sul comparto: positiva la view su diversi titoli oil.

Petrolio: cause del crollo e previsioni. I titoli oil ancora buy







Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

I mercati europei continuano a procedere in ordine sparso con il Ftse Mib che alle 16.15 registrava un passivo dello 0,17% (21.632,22 punti).

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Piazza Affari debole: energetici al centro della scena

Piazza Affari debole in mattinata mentre il greggio continua a correre. I 100 dollari al barile saranno una realtà per la fine del 2018?

Piazza Affari debole: energetici al centro della scena

Petrolio: Opec sempre più indecisa

Mentre i mercati europei guardano oggi all'entrata in vigore della seconda tranche di dazi Usa contro le importazioni di beni cinesi, i membri dell'OPEC hanno chiuso i lavori dell'ultimo incontro che si è tenuto ad Algeri.

Petrolio: Opec sempre più indecisa

Petrolio in calo ma c'è chi parla già di quotazioni a 3 cifre

Le condizioni del mercato petrolifero ultimamente hanno visto diversi, drastici cambiamenti.

Petrolio in calo ma c'è chi parla già di quotazioni a 3 cifre

Petrolio: sotto i 78 il Brent. Domanda debole in futuro

L'oro nero scende di poco sotto quota 78 dollari al barile per il Brent mentre il Wti ondeggia intorno ai 74.

Petrolio: sotto i 78 il Brent. Domanda debole in futuro

Petrolio, M. Stanley: nel secondo semestre salirà a 85 dollari

La banca d'affari americana ha alzato le stime sul greggio per tenere conto dell'embargo iraniano e del calo dell'output in Libia e Angola.

Petrolio, M. Stanley: nel secondo semestre salirà a 85 dollari

Brent oltre $76. I motivi del rally

Il prezzo del petrolio ha registrato una fiammata nelle ultime ore nonostante l'intervento dell'Opec per l'aumento della produzione. Perchè?

Brent oltre $76. I motivi del rally

Accordo Opec al vaglio degli esperti. I titoli oil da preferire

La decisione del Cartello di aumentare la produzione giornaliera di petrolio è accolta con favore dagli analisti che vedono ora una stabilizzazione dei prezzi. I petroliferi di Piazza Affari su cui puntare ora.

Accordo Opec al vaglio degli esperti. I titoli oil da preferire

Wall Street pronta per il rimbalzo in attesa dei dati macro

Il mercato mostra un'intonazione positiva dopo i cali della vigilia che hanno portato il Dow a chiudere in rosso per l'ottava seduta consecutiva.

Wall Street pronta per il rimbalzo in attesa dei dati macro

Petrolio: c'è accordo Opec su aumento output da luglio

Petrolio risale nel giorno della decisione dei produttori sui prossimi target del cosiddetto Opec+.

Petrolio: c'è accordo Opec su aumento output da luglio

Piazza Affari corre maggiori rischi ora. I livelli chiave

Il Ftse Mib ha abbandonato con decisione la soglia dei 22.000 punti che stava difendendo da diverse sedute: cosa aspettarsi ora?

Piazza Affari corre maggiori rischi ora. I livelli chiave
apk