General Motors

RSS

General Motors Corporation, società americana di automobili

La General Motors Corporation, nota anche come GM, è un'azienda statunitense produttrice di autoveicoli.


Grafico interattivo NYSE:GM offerto da TradingView

General Motors Corporation, società americana di automobili

General Motors Corporation, conosciuta come GM, è una multinazionale statunitense, attiva nel comparto di automobili, motrici e relativa componentistica. Il gruppo si occupa della produzione e commercializzazione di automobili appartenenti ai marchi GMC, Vauxhall Motors, Opel, Holden, Buick, Chevrolet, Cadillac e Daewoo.

Le origini ed il suo pioniere William Crapo Durant

Le origini della società riportano a Detroit, nel 1908, quando l'imprenditore americano William Crapo Durant (Boston, 1861-New York 1947), già a capo dell'azienda automobilistica Buick Company (di cui in pochi anni ne diventò Presidente), ebbe l'idea di costituire la General Motors, con lo scopo di unire attraverso fusioni le principali case automobilistiche americane.

Gli inizi

Nel 1908 l'imprenditore William Crapo Durant fa confluire nella General Motors la casa automobilistica Buick e nell'arco di qualche mese porta a termine l'acquisizione della Olds Motor Vehicle Company (Oldsmobile). L'anno successivo unisce nella General Motors le case automobilistiche Cadillac Motor Car Company, Oakland ed Elmore.

La società si sviluppa velocemente, diventando una grande realtà industriale e nel giro di qualche anno fa il suo debutto in Borsa; nel 1911 viene quotata sul mercato azionario di New York.

Lo sviluppo di General Motors Corporation

Nel 1920, a causa di problemi amministrativi gestionali venutisi a creare, William Crapo Durant si trova costretto ad abbandonare la presidenza della società, lasciando il posto all'imprenditore Pierre Du Pont, che cambia il sistema di gestione di controllo e crea una struttura multidivisionale, sanando la società.

Negli anni successivi la società ormai radicata sul territorio domestico continua ad espandersi all'estero, acquisendo nel 1925 l'inglese Vauxhall Motors e nel 1929 la fabbrica tedesca Adam Opel; inoltre, porta a termine l'acquisizione della società di autobus Yellow Coach e nel 1930 acquisisce la società Electro-Motive Corporation, entrando così nel comparto ferroviario, producendo treni a diesel e locomotive.

Durante il periodo della Seconda Guerra mondiale, la società convertì il proprio core business, occupandosi soprattutto della produzione di commesse per l'industria militare.

Il periodo post bellico

Nel periodo post bellico, la società torna ad occuparsi principalmente del settore autovetture, diventando una delle principali realtà imprenditoriali nel panorama mondiale (basti pensare che nel 1955 il giro d'affari annuo ammontava ad un miliardo di dollari, con una forza lavoro composta da 625.000 dipendenti, di cui 100.000 all'estero).

La crisi e le cessioni

Negli anni settanta il colosso americano inizia a percepire i primi momenti di difficoltà, dovuti alla crisi del petrolio e, in seguito, alla concorrenza giapponese; una situazione che nell'arco degli anni peggiora, tanto da rischiare più di una volta il fallimento.

Per sopperire alla crisi, la società nel 2005 cede alla Greenbriar Equity Group LLC and Berkshire Partners, la Electro-Motive Division e, l'anno successivo, vengono cedute le attività relative ai marchi Suzuki, Isuzu e Subaru; nel 2009 General Motors annuncia la chiusura della famosa casa automobilistica Pontiac ed il 1° giugno dello stesso anno dichiara la propria bancarotta (fallimento pilotato), diventando così di proprietà del Governo americano.

I principali dati finanziari della General Motors Corporation

General Motors Corporation ha la propria sede in America, a Detroit, ed è presente con uffici e filiali in diverse nazioni, occupando circa 217.000 dipendenti.

La multinazionale americana è quotata alla Borsa Valori di New York, sul mercato NYSE con il simbolo GM, ed ha chiuso l'esercizio relativo all'anno fiscale del 2013 con un fatturato pari a 155,427 miliardi di dollari in crescita rispetto ai 152,3 miliardi di dollari del 2012, a loro volta in aumento dell'1%, rispetto all'esercizio precedente (150,3 miliardi di dollari).

Per maggiori informazioni: GENERAL MOTORS

Nome società GENERAL MOTORS
Paese USA
Mercato DOW JONES
Settore AUTOMOBILI E COMPONENTISTICA
Codice Alfa GM
Codice Isin US37045V1008
Codice Reuters GM.N
Sito web società Link
Telefono 313-556-5000
Fax
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società 300 Renaissance Center Detroit, MI 48265 United States
Società revisione J P Morgan
Azioni in circolazione 1.606.696.000
Capitale Sociale n.d.
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale
Data di collocamento 17/11/2010
Prezzo di collocamento € 33
Ultimo dividendo n.d.
Tipo dividendo n.d.
Data pagamento n.d.
Ultima raccomandazione 01/03/2016
Emittente ARGUS
Raccomandazione Buy
Target Price € 0.00
Andamento rating
 
Ultimo Aggiornamento: 04/12/2014

Luglio: buone occasioni a marchio Buffett

Se, per ovvi motivi di disponibilità economica, non è certo possibile replicare nella quantità le strategie del miliardario ultraottantenne, è di sicuro possibile guardare a quanto sta facendo e, soprattutto, a quello che sta scegliendo.

Luglio: buone occasioni a marchio Buffett







Wall Street in declino. Freno la guerra commerciale di Trump

Dopo il pessimo avvio d'ottava per l'Asia (tutti i principali indici, con l'esclusione di Sydney, hanno perso oltre il 2%) e il netto declino segnato dalle piazze europee, la nuova settimana inizia con il freno tirato anche per Wall Street, in vista per altro dello stop per l'Indipendence Day (martedì 3 luglio la sessione sarà abbreviata e il 4 luglio i mercati resteranno chiusi).

Wall Street in declino. Freno la guerra commerciale di Trump

Le tensioni commerciali appesantiscono ancora Wall Street

Il sentiment è negativo anche in avvio di ottava complice la guerra dei dazi che impensierisce sempre più. I titoli da seguire oggi.

Le tensioni commerciali appesantiscono ancora Wall Street

2 azioni da comprare ora e una da evitare sulle Borse USA

Trend On Wall Street: una sintesi delle nuove indicazioni dei broker sui titoli protagonisti degli indici americani.

2 azioni da comprare ora e una da evitare sulle Borse USA

Wall Street ancora in rialzo: avanza l'high-tech con Facebook

Il mercato guarda ancora in avanti grazie al sostegno di alcun buoni dati macro, cui si aggiungono indicazioni positive dal fronte societario.

Wall Street ancora in rialzo: avanza l'high-tech con Facebook

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

Piazza Affari: meglio stare alla finestra in attesa di Draghi?

Il Ftse Mib ha difeso per ora il primo supporto, ma è ancora presto per cantare vittoria: occhio alle indicazioni in arrivo dalla BCE. Tutti i market movers di domani.

Piazza Affari: meglio stare alla finestra in attesa di Draghi?

Wall Street al cambio di registro: ottimismo, shopping selettivo

Dow Jones: Merck in testa ai rialzi, General Electric fuori dal coro. Nyse, General Motors è 'Buy' per Morgan Stanley. Big della tecnologia in denaro, da Microsoft a NVIDIA. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street al cambio di registro: ottimismo, shopping selettivo

GM comunicherà le immatricolazioni su base trimestrale

General Motors comunicherà su base trimestrale i dati sulle immatricolazioni di auto negli Stati Uniti, e non più su base mensile.

GM comunicherà le immatricolazioni su base trimestrale

Wall Street trova vento a favore, musica heavy metal per Spotify

Dow Jones: General Electric in controtendenza tra le large caps. Azioni settore auto in denaro dopo i dati sulle vendite marzo 2018. Titoli bancari e finanziari guidano il rimbalzo. Nyse, Spotify in rally al debutto. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street trova vento a favore, musica heavy metal per Spotify

3 azioni da conservare fino al 2030

Investire significa farlo non solo sul valore ma anche sul tempo. In altri termini serve saper capire cosa manterrà, o meglio ancora, aumenterà il proprio valore negli anni.

3 azioni da conservare fino al 2030

3 dividendi oltre il 3%

Aziende consolidate pagano, spesso, dividendi affidabili. Ma questo non significa che a volte non si possa andare a caccia di qualcosa che, già di per sè buono, potrebbe anche essere migliorabile.

3 dividendi oltre il 3%
apk