General Motors

General Motors Corporation, società americana di automobili

La General Motors Corporation, nota anche come GM, è un'azienda statunitense produttrice di autoveicoli.


Grafico interattivo NYSE:GM offerto da TradingView

General Motors Corporation, società americana di automobili

General Motors Corporation, conosciuta come GM, è una multinazionale statunitense, attiva nel comparto di automobili, motrici e relativa componentistica. Il gruppo si occupa della produzione e commercializzazione di automobili appartenenti ai marchi GMC, Vauxhall Motors, Opel, Holden, Buick, Chevrolet, Cadillac e Daewoo.

Le origini ed il suo pioniere William Crapo Durant

Le origini della società riportano a Detroit, nel 1908, quando l'imprenditore americano William Crapo Durant (Boston, 1861-New York 1947), già a capo dell'azienda automobilistica Buick Company (di cui in pochi anni ne diventò Presidente), ebbe l'idea di costituire la General Motors, con lo scopo di unire attraverso fusioni le principali case automobilistiche americane.

Gli inizi

Nel 1908 l'imprenditore William Crapo Durant fa confluire nella General Motors la casa automobilistica Buick e nell'arco di qualche mese porta a termine l'acquisizione della Olds Motor Vehicle Company (Oldsmobile). L'anno successivo unisce nella General Motors le case automobilistiche Cadillac Motor Car Company, Oakland ed Elmore.

La società si sviluppa velocemente, diventando una grande realtà industriale e nel giro di qualche anno fa il suo debutto in Borsa; nel 1911 viene quotata sul mercato azionario di New York.

Lo sviluppo di General Motors Corporation

Nel 1920, a causa di problemi amministrativi gestionali venutisi a creare, William Crapo Durant si trova costretto ad abbandonare la presidenza della società, lasciando il posto all'imprenditore Pierre Du Pont, che cambia il sistema di gestione di controllo e crea una struttura multidivisionale, sanando la società.

Negli anni successivi la società ormai radicata sul territorio domestico continua ad espandersi all'estero, acquisendo nel 1925 l'inglese Vauxhall Motors e nel 1929 la fabbrica tedesca Adam Opel; inoltre, porta a termine l'acquisizione della società di autobus Yellow Coach e nel 1930 acquisisce la società Electro-Motive Corporation, entrando così nel comparto ferroviario, producendo treni a diesel e locomotive.

Durante il periodo della Seconda Guerra mondiale, la società convertì il proprio core business, occupandosi soprattutto della produzione di commesse per l'industria militare.

Il periodo post bellico

Nel periodo post bellico, la società torna ad occuparsi principalmente del settore autovetture, diventando una delle principali realtà imprenditoriali nel panorama mondiale (basti pensare che nel 1955 il giro d'affari annuo ammontava ad un miliardo di dollari, con una forza lavoro composta da 625.000 dipendenti, di cui 100.000 all'estero).

La crisi e le cessioni

Negli anni settanta il colosso americano inizia a percepire i primi momenti di difficoltà, dovuti alla crisi del petrolio e, in seguito, alla concorrenza giapponese; una situazione che nell'arco degli anni peggiora, tanto da rischiare più di una volta il fallimento.

Per sopperire alla crisi, la società nel 2005 cede alla Greenbriar Equity Group LLC and Berkshire Partners, la Electro-Motive Division e, l'anno successivo, vengono cedute le attività relative ai marchi Suzuki, Isuzu e Subaru; nel 2009 General Motors annuncia la chiusura della famosa casa automobilistica Pontiac ed il 1° giugno dello stesso anno dichiara la propria bancarotta (fallimento pilotato), diventando così di proprietà del Governo americano.

I principali dati finanziari della General Motors Corporation

General Motors Corporation ha la propria sede in America, a Detroit, ed è presente con uffici e filiali in diverse nazioni, occupando circa 217.000 dipendenti.

La multinazionale americana è quotata alla Borsa Valori di New York, sul mercato NYSE con il simbolo GM, ed ha chiuso l'esercizio relativo all'anno fiscale del 2013 con un fatturato pari a 155,427 miliardi di dollari in crescita rispetto ai 152,3 miliardi di dollari del 2012, a loro volta in aumento dell'1%, rispetto all'esercizio precedente (150,3 miliardi di dollari).

Per maggiori informazioni: GENERAL MOTORS

Nome società GENERAL MOTORS
Paese USA
Mercato DOW JONES
Settore AUTOMOBILI E COMPONENTISTICA
Codice Alfa GM
Codice Isin US37045V1008
Codice Reuters GM.N
Sito web società Link
Telefono 313-556-5000
Fax
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società 300 Renaissance Center Detroit, MI 48265 United States
Società revisione J P Morgan
Azioni in circolazione 1.606.696.000
Capitale Sociale n.d.
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale
Data di collocamento 17/11/2010
Prezzo di collocamento € 33
Ultimo dividendo n.d.
Tipo dividendo n.d.
Data pagamento n.d.
Ultima raccomandazione 01/03/2016
Emittente ARGUS
Raccomandazione Buy
Target Price € 0.00
Andamento rating
 
Ultimo Aggiornamento: 04/12/2014

Great Wall rileva stabilimento indiano di Gm per 300 milioni

Secondo fonti citate da Reuters, la cinese Great Wall Motor avrebbe raggiunto l'accordo per acquisire lo stabilimento di General Motors (Gm) nello Stato indiano del Maharashtra, per una cifra compresa tra 250 e 300 milioni di dollari.

Great Wall rileva stabilimento indiano di Gm per 300 milioni







L'Angolo del Trader

FCA (-1,53% a 12,8760 euro) in flessione mercoledi' in controtendenza con il settore (EURO STOXX Automobiles & Parts +0,77%): sulla stampa si torna a parlare della causa intentata da General Motors.

L'Angolo del Trader

Piazza Affari in verde, attesa per la Fed. Migliora lo spread. FTSE MIB +0,14%

Piazza Affari in verde, attesa per la Fed.

Piazza Affari in verde, attesa per la Fed. Migliora lo spread. FTSE MIB +0,14%

FCA in flessione mercoledi'

FCA in flessione mercoledi' (-0,9% circa al momento a 12,96 euro): sulla stampa si torna a parlare della causa intentata da General Motors.

FCA in flessione mercoledi'

Bene gli automobilistici, FCA in controtendenza

Bene gli automobilistici: l'indice EURO STOXX Automobiles & Parts segna +0,7%.

Bene gli automobilistici, FCA in controtendenza

Gm ed Lg Chem in joint per la produzione di batterie in Ohio

General Motors (Gm) ed Lg Chem (parte della conglomerata sudcoreana Lg Corporation) hanno comunicato giovedì che investiranno 2,3 miliardi per realizzare attraverso una joint venture paritetica un impianto per la produzione di batterie per vetture elettriche in Ohio (Usa).

Gm ed Lg Chem in joint per la produzione di batterie in Ohio

L'Angolo del Trader

FCA in rosso giovedì ma sopra i minimi visti in avvio a 13,27 euro: i prezzi sono infatti rimbalzati in area 13,60, comunque al di sotto della chiusura di mercoledì a 13,968 euro.

L'Angolo del Trader

Piazza Affari negativa. In rosso FCA, bene TIM e bancari. Scende lo spread. FTSE MIB -0,31%

Piazza Affari negativa.

Piazza Affari negativa. In rosso FCA, bene TIM e bancari. Scende lo spread. FTSE MIB -0,31%

FCA scende al di sotto dei primi supporti rilevanti

FCA in rosso giovedì ma sopra i minimi visti in avvio a 13,27 euro: i prezzi sono infatti rimbalzati in area 13,60, comunque al di sotto della chiusura di mercoledì a 13,968 euro.

FCA scende al di sotto dei primi supporti rilevanti

Piazza Affari in rimonta dai minimi, FCA sotto pressione, bene TIM e bancari. Spread in calo. FTSE MIB -0,08%

Piazza Affari in rimonta dai minimi, FCA sotto pressione, bene TIM e bancari.

Piazza Affari in rimonta dai minimi, FCA sotto pressione, bene TIM e bancari. Spread in calo. FTSE MIB -0,08%

Fca colpita da GM. Deal con Psa non a rischio, ma dividendo sì

Fca perde terreno dopo la notizia della causa avviata da General Motors che stupisce un po' per la tempistica. Gli analisti non temono per la fusione con Psa, ma guardano ai potenziali accantonamenti.

Fca colpita da GM. Deal con Psa non a rischio, ma dividendo sì

FCA in rosso ma sopra i minimi visti in avvio

FCA (-1,7% a 13,7280 euro) in rosso ma sopra i minimi visti in avvio (13,27 euro).

FCA in rosso ma sopra i minimi visti in avvio
apk