Inflazione in aumento: la lista dei prodotti che costano di più

Dal costo dell'energia a quello dei beni alimentari, ecco quali sono i beni che con l'aumento dell'inflazione costano di più.

inflazione aumento prezzi

L’aumento dei prezzi al Consumo è sotto gli occhi di tutti, e il Codacons ha effettuato un’analisi sugli aumenti che l’Istat ha rilevato nel mese di ottobre. Gli aumenti hanno registrato valori eccessivi, e la lista dei prodotti più cari riguarda sia l'energia, sia i prodotti di prima necessità che nel carrello della spesa non possono mai mancare.

Non mancano gli aumenti per i beni tecnologici, per le automobili e, infine, anche sulla cancelleria.

Energia e beni alimentari sono tra i prodotti che costano di più a causa dell'inflazione

Nella classifica fra i beni più cari spiccano al primo posto il Gas e la Luce. Il costo dell’energia elettrica ha registrato un incremento del 329% sul mercato libero, mentre sul mercato tutelato, l’aumento è stato del 91,5%. Oltre al costo dell’elettricità, al primo posto abbiamo anche l’incremento del prezzo del gas naturale, che registra un aumento del 96,2%, mentre il prezzo del gasolio per scaldarsi si attesta al +36,4%.

La spesa al supermercato è sempre più cara

Ad ottobre si è registrato un incremento del prezzo delle Uova 19%, zucchero 38,8%, e poi anche l’Olio di semi +55,6%, del quale l’Ucraina era il primo produttore mondiale. La farina ha poi registrato un aumento del 23,7%, e di riflesso anche il pane è salito al 16%. Il costo del riso è aumentato del 30,7%, mentre la pasta ha toccato il 26,8%. Rimane poi il prezzo del pollame, maggiorato del 17,9%, e poi quello della verdura al 25,1% (cavoli 30.7%, insalata 24.9% e pomodori al 19.8).

I latticini hanno subito un rincaro incredibile, che va dal burro, che aumenta al 42,8%, poi lo yogurt, al +17,3%. A monte, il latte fresco parzialmente scremato è aumentato del 18,5%, e il latte conservato ha subito un’impennata del 29,6%. Seguono i formaggi freschi, col +22,9%.

I beni alimentari registrano un incremento medio del 13,5% rispetto al costo che avevano un anno fa. Questo aumento, tradotto in numeri, equivale a 1.011 euro per una famiglia di quattro persone.
Inoltre, anche il costo del cibo per animali domestici subisce un incremento del 10,8%.

Viaggiare con l'inflazione costa sempre di più

Ora che il Covid è alle battute finali, viaggiare è diventato possibile, ma per i voli nazionali il prezzo è proibitivo: si registra un aumento del 40%. Volare in Europa costa il 111% in più, mentre i voli internazionali hanno subito un aumento del 113,2%. A ruota seguono le pizzerie e i ristoranti, rispettivamente al 6,9% e 6,1%, e dulcis in fundo, motel e alberghi costano il 14,2% in più.

Gli aumenti sul costo della Tecnologia

Non rimane indenne dall’aumento dei costi la tecnologia, a partire dai computer, che subiscono un incremento del 21,6%. Anche videocamere e macchine fotografiche registrano un forte aumento di prezzo, che si attesta al +25%. Allo stesso tempo, i dispositivi usati per la registrazione di video, suoni e immagini costano il 27,6% in più. A ruota seguono gli apparecchi per il riscaldamento e i condizionatori, che registrano un +12,3%, insieme alle macchine per il caffè, che hanno un prezzo maggiorato del 14,9%.

Nell'ambito dei veicoli su ruote, infine, le automobili usate costano anch’esse il 13,4% in più. Anche la cancelleria, in seguito all’apertura delle scuole in presenza, registra un aumento generale dell’11,9%.