Frutta, è da evitare la sera o possiamo mangiarla senza problemi? La risposta definitiva

In molti se lo domandano: la frutta è da evitare la sera? O possiamo consumarla tranquillamente? Cerchiamo di scoprirlo in questo articolo.

frutta-da-evitare-la-sera

In molti se lo domandano: la frutta è da evitare la sera? O possiamo consumarla tranquillamente? Cerchiamo di scoprirlo in questo articolo.

La frutta è un alimento prezioso per il nostro organismo. Gli esperti consigliano un consumo giornaliero di frutta e verdura per trarne diversi benefici e ridurre fattori di rischio cardiovascolare.

Fin da piccoli ci è stato insegnato che “una mela al giorno toglie il medico di torno”, ma quanti di noi mangiano la quantità giornaliera consigliata dagli esperti? E, soprattutto, la frutta la sera è davvero da evitare come in molti sostengono? In questo articolo cercheremo di fare un po' di chiarezza.

Frutta, è da evitare la sera o possiamo mangiarla senza problemi? La risposta definitiva

La frutta contiene diverse sostanze naturali essenziali per il nostro organismo, come le vitamine, le fibre, i minerali e le sostanze antiossidanti. Gli esperti consigliano il consumo di almeno 300 grammi di frutta al giorno, la dose indicata per apportare benefici importanti al nostro corpo e per ridurre significativamente i fattori di rischio cardiovascolare.

La frutta contiene diverse sostanze nutritive a bassa densità calorica e presenta un elevato contenuto di acqua, a seconda del frutto varia tra l’80% fino al 96%.

Tra le sostanze naturali presenti nella frutta troviamo le vitamine, i sali minerali e le fibre.

Soprattutto nella frutta zuccherina troviamo anche un alto contenuto di zuccheri, come il fruttosio naturale ed il saccarosio. Anche per questo motivo, molte persone ancora oggi si chiedono se mangiare la frutta la sera sia da evitare oppure no.

C’è chi pensa che consumare frutta durante le ore serali faccia ingrassare e chi invece pensa sia un’abitudine salutare. Ma qual è la verità?

Non esistono prove scientifiche che dimostrino davvero che mangiando frutta la sera si ingrassi, ma possiamo dire con estrema certezza che l’assunzione di zuccheri, prima di andare a dormire la sera, può rallentare il nostro metabolismo e facilitare l’accumulo di peso nel nostro corpo.

Questo succede perché la sera si concede meno possibilità al nostro organismo di bruciare i grassi e per questo si consiglia il consumo di un pasto non troppo pesante prima di andare a coricarsi.

Come abbiamo visto, la frutta contiene tra le sostanze nutritive anche una percentuale di zuccheri, come il fruttosio. Qualora questa percentuale non venga adeguatamente bruciata, il nostro organismo può trasformarlo in grasso.

D’altro canto, quello che non tutti sanno è che questa sostanza ha la naturale funzione energetica, capace di accelerare il metabolismo dopo una minima attività, che trasforma il fruttosio in glucosio da consumare.

Mangiare frutta la sera, inoltre, potrebbe essere una valida alternativa alla scelta di altri alimenti molto più dannosi e carichi di zuccheri e grassi nocivi, come snack e dolci confezionati.

Spesso infatti dopo cena siamo spinti da una voglia irrefrenabile di cose molto dolci. In questo caso risulta decisamente meglio concedersi un frutto che grazie alla presenza di fibre dona rapidamente un senso di sazietà duraturo nel tempo.

Quindi mangiare la frutta di sera non è da evitare totalmente, se non si eccede con le quantità e se si sceglie con cura l’alimento da consumare.

Quale frutta evitare la sera?

Non tutti i frutti, infatti, contengono le stesse sostanze nutritive e nelle stesse quantità.

Alcuni frutti sono naturalmente più acidi di altri, come per esempio l’arancia o l’ananas. Per tutte quelle persone che soffrono di gastrite o di reflusso gastroesofageo, questa tipologia di frutta è altamente sconsigliato da consumarsi durante le ore serali.

La frutta con un alto contenuto di acidi rallenta la digestione e influisce sui sintomi dei disturbi legati all’acidità di stomaco.

Gli esperti consigliano, invece, il consumo di frutta prima dei pasti se si soffre di colon irritabile o si hanno problemi con la digestione. In questo modo si elimina il rischio di fermentazione degli zuccheri.

Inoltre la frutta, se inserita dopo una cena ricca di carboidrati, aumenta il carico glicemico e di conseguenza incide sul gonfiore addominale.

Frutta, quando è meglio consumarla? Cosa dicono gli esperti

Gli esperti, in ogni caso, consigliano il consumo di frutta la mattina a colazione oppure tra un pasto ed l'altro, a stomaco vuoto, così da poter fare un carico naturale di energia e disintossicare il nostro organismo.

Nonostante la frutta sia un alimento ricco di sostanze essenziali per il nostro organismo e il suo consumo giornaliero sia altamente consigliato dagli esperti, la frutta non può sostituire un pasto principale durante la nostra giornata.

La totale assenza di grassi e proteine non permette alla frutta di essere un pasto completo e potrebbe portare ad avere fame durante le ore notturne.

Tutti gli esperti concordano con il dire che mangiare solo frutta per cena non è la scelta migliore, in quanto rende il pasto poco bilanciato e non efficacemente saziante.

 Un modo per rendere il pasto correttamente bilanciato potrebbe essere l’aggiunta nel piatto di frutta secca, come mandorle e noci. Questo perché la frutta secca contiene grassi e proteine, che ci aiuteranno a saziarci di più e ad apportare al nostro organismo tutto il mix di nutrienti di cui ha bisogno.

 

Leggi anche: Olio extra vergine di oliva si deteriora? Ecco come capire se è ancora buono