BTP e Spread: minacce all’orizzonte? I titoli hot nel breve

Spread e BTP devono fare i conti con dei livelli importanti: quali scenari nel breve?

Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Sante Pellegrino, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull’attuale situazione del mercato obbligazionario.

Lo Spread BTP-Bund è sceso sotto la soglia dei 150 punti base. Si aspetta ulteriori ripiegamenti nel breve?

Lo Spread BTP-Bund aveva toccato dei minimi interessanti intorno ai 143 punti base, da cui però è risalito e visto l’ipervenduto che si registra sugli indicatori, si potrebbe salire ancora verso area 160/165 basis points.

Da lì in poi si aprirebbe uno scenario negativo per i mercati azionari che intanto continuano ad aggiornare i massimi di periodo e in alcuni casi quelli storici.

Da segnalare al contrario lo Spread T-Note/Bund è sempre in una zona di massimi storici verso i 200 punti base.

Il T-Note contro il Bund dovrebbe scendere e dirigersi verso la soglia dei 160/150 basis points.

Focus sul rendimento del BTP a 10 anni

Il rendimento del BTP a 10 anni continua a viaggiare a poca distanza dall’area del 4%. Quali i possibili scenari nel breve?

Bene la tenuta della resistenza in area 4% e questo significa che il decennale italiano è posizionato meglio di altri, tra cui quello tedesco e statunitense.

Il rendimento del BTP a 10 anni deve fare i conti con la resistenza del 4% e la mancata violazione di tale soglia potrà portare a una discesa verso il 3,7% prima e il 3,5% in seguito.

I BTP da tenere d’occhio

Quali sono i BTP che sta seguendo con più interesse in questa fase di mercato?

I BTP sono sotto resistenza e in particolare quello con scadenza 2072 tocca l’ostacolo dei 72 euro per contratto, il superamento del quale porterebbe verso i 74-75 euro.

Siamo sotto resistenza e siamo scarichi, quindi è bene prestare attenzione, perché la mancata violazione dei livelli raggiunti potrebbe far scendere nuovamente i corsi.

Il BTP 2051 si trova in una zona di resistenza a 60 euro per contratto e in questo caso si potrebbe indietreggiare e appoggiarsi verso i 58-56 euro.

Bund e Treasury sotto la lente

Come valuta l’attuale impostazione del rendimento del Treasury e del Bund a 10 anni e quali i possibili scenari ora?

Il rendimento del Treasury a 10 anni è tornato in area 4,3%, livello abbastanza interessante che riporta i corsi sotto resistenza.

In caso di superamento di questo ostacolo, il rendimento del decennale statunitense tornerebbe nuovamente verso il 4,5% prima e il 4,8% in seguito.

Il rendimento del Bund a 10 anni si è riportato sopra la soglia del 2,45% e una rottura confermata di questa resistenza aprirà le porte a ulteriori salite.

Per fortuna siamo arrivati su questi livelli molto scarichi e ciò potrebbe favorire un arretramento del decennale.

Ritorni al di sotto del 2,5% potrebbero vedere il decennale calare verso il 2,2% prima e la soglia del 2% in seguito.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate