Dividendo oltre le stime e la mid cap vola a Piazza Affari

Corsa all’acquisto per un titolo a media capitalizzazione: ecco i motivi.

Una seduta da incorniciare per Enav che, dopo tre giornate consecutive in calo, oggi si è riscattato con un poderoso rally.

Enav in rally con volumi boom

Il titolo, lasciatasi alle spalle la sessione di ieri con un ribasso di oltre un punto percentuale, oggi ha fatto il pieno di acquisti, arrivando a sfiorare un rialzo a due cifre.

A fine giornata, infatti, Enav si è fermato a 3,53 euro, sui massimi intraday, con un rally dell’8,62% e volumi di scambio esplosivi, visto che sono transitate sul mercato oltre 3,7 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 450mila.

Enav: i risultati del 2023

Enav ha spiccato il volo dopo la presentazione dei risultati del 2023, chiuso con un utile netto consolidato in rialzo del 7,9% a 112,7 milioni di euro, a fronte di ricavi aumentati del 5,9% a 1 miliardo di euro.

L’Ebitda consolidato ha evidenziato un incremento del 10,2% a 300,1 milioni di euro, mentre l’indebitamento finanziario netto è sceso a 322,27 milioni di euro contro i 407,85 milioni di inizio anno.

Sulla base dei numeri del 2023, Enav ha deciso di proporre un dividendo di 0,23 euro, il più alto della sua storia, in aumento rispetto a quello del 2022 pari a 0,1967 euro e con un rendimento di oltre il 6,5% rapportato ai valori del close odierno del titolo.

Enav: l’outlook 2024

Quanto all’outlook per l’anno in corso, il traffico di rotta è visto in crescita del 6,7% anno su anno, con ricavi ed EBITDA in aumento a una singola cifra media e investimenti pari a circa 120 milioni di euro.

Equita SIM fa sapere che le sue stime attuali puntano a una crescita a una singola cifra media, ma partendo da una base più bassa del 2023, gli analisti vedono spazio di upgrade.

Non sono state date indicazioni sul dividendo 2024 e oltre, ma visto l’outlook in crescita, secondo la SIM milanese sarebbe presumibile pensare a un dividendo in crescita.

In merito alla review regolatoria RP4, viene indicato giugno come mese entro il quale il regolatore pubblicherà gli obiettivi EU-wide, mentre l‘approvazione dei piani di performance individuali e delle tariffe 2025-2029 è attesa entro fine 2024.

In merito al piano di sviluppo del business non regolato, viene segnalato in primis l’interesse di proseguire la crescita in ambiti adiacenti al business aviation, come ad esempio licenze e servizi software, servizi di ingegneria, droni, formazione, etc.

Si segnala anche la gestione aeroportuale, con una view di operazioni M&A opportunistiche e il management indica come potenza di fuoco eventuale per M&A fino a un totale di 250 milioni di euro.

Infine, da segnalare che la leva di ENAV, anche post eventuali deal M&A, rimarrebbe ferma sotto 2 volte il debito netto/EBITDA.

Equita SIM mantiene una view bullish sul titolo, con una raccomandazione “buy” e un prezzo obiettivo a 4,5 euro.

Enav: anche Intesa Sanpaolo dice buy

A puntare sul titolo è anche Intesa Sanpaolo che oggi ha rinnovato l’invito ad acquistare, con un target price a 5,1 euro.

Secondo gli analisti, il 2023 di Enav è stato superiore alle attese su tutti i fronti e ha sorpreso al rialzo sul dividendo proposto, offrendo un rendimento molto alto.

Enav: la view di Banca Akros

Dello stesso avviso i colleghi di Banca Akros che parlano di una cedola decisamente migliore del previsto, evidenziando che i risultati del 2023 hanno mostrato un miglioramento nei ricavi e nei margini.

Gli analisti però restano cauti su Enav e ribadiscono la raccomandazione “neutral”, con un fair value a 4,4 euro.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate