Saras: un brutto tonfo. Cala l’appeal speculativo: perché?

Saras ha vissuto una seduta da incubo, con una caduta rovinosa alimentata da volumi di scambio esplosivi.

saras crollo

Una seduta da dimenticare quella odierna per Saras, che è stato colpito da una raffica di sell, scivolando nell’ultima posizione del paniere delle medie capitalizzazioni.

Il titolo, dopo aver guadagnato oltre un punto e mezzo percentuale ieri, ha vissuto una sessione da incubo oggi.

Saras crolla con volumi boom

A fine giornata, infatti, Saras si è fermato a 1,5165 euro, con un crollo del 6,16% alimentato da volumi di scambio boom, visto che sono transitate sul mercato oltre 21,5 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 6,2 milioni.

Saras: Trafigura scende al 13,22%

Saras è crollato dopo che la società ha comunicato ieri che Urion Holdings, facente capo a Trafigura, ha venduto 16,7 milioni di azioni, pari all’1,76% del capitale, fra l’11 e il 29 dicembre, a un prezzo medio 1,62 euro per azione.

Equita SIM ricorda che il primo acquisto di una quota da parte di Trafigura per circa il 3% del capitale era avvenuto nell’ottobre 2020.

A ottobre 2022 era stato reso noto che la partecipazione era salita a circa il 5%. L’acquisto di un ulteriore 7,5% circa era stato comunicato a maggio 2023, per poi acquistare l'1% a luglio 2023 a 1,11 euro per azione e un ulteriore 1,2% a novembre 2023 a 1,25 euro per azione.

Chi è Trafigura?

Trafigura è uno dei principali trader mondiali di commodity: nel 2023 ha mostrato un fatturato di 244 miliardi di dollari e un EBITDA di 12,7 miliardi di dollari, in rialzo del 5% anno su anno.

Trafigura ha impianti di stoccaggio e infrastrutture in tutto il mondo. Il gruppo investe, inoltre, in asset che hanno forti sinergie con le attività di trading core, come i terminali di stoccaggio, le stazioni di servizio e miniere.

Saras già collabora con Trafigura nel trading di grezzo e prodotti petroliferi, in particolare in America e in Asia.

Saras: il commento di Equita SIM

Gli analisti di Equita SIM ritengono che la lieve riduzione della partecipazione di Trafigura riduca l’appeal speculativo del titolo.

Saras è controllata dalla famiglia Moratti per il 40%. Pre covid, le valutazioni delle operazioni di M&A nel settore della raffinazione sono risultate in media di 8 volte il multiplo enterprise value/Ebitda.

Nel Mediterraneo Trafigura svolge un ruolo chiave negli accordi commerciali di fornitura e off-take di lungo termine con la raffineria di Priolo.

Nessuna modifica è apportata intanto da Equita SIM alla strategia suggerita per Saras, con la conferma di una raccomandazione “hold” e un prezzo obiettivo a 1,5 euro.