Fabio Pinelli, chi è il nuovo vicepresidente del Csm: vita, carriera e incarichi

Chi è Fabio Pinelli, il leghista eletto come nuovo vicepresidente del Csm.

fabio pinelli chi e

Per la prima volta, nel ruolo di vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, sarà ricoperto da un esponente del centro-destra (in questo caso, la Lega), cosa che non accadeva dai tempi della Democrazia Cristiana.

Fabio Pinelli è il nuovo vicepresidente Csm, eletto con un voto in più di quanto si era pronosticato alla vigilia, per la precisione con 17 voti contro i 14 ricevuti dal suo avversario; a scontrarsi contro di lui, il collega Roberto Romboldi

Fabio Pinelli eletto vicepresidente del Csm

Pinelli prenderà il posto del collega del Partito Democratico, David Ermini, che ha ricoperto la carica prima di lui.

Sono onorato del ruolo che mi avete riconosciuto. È una grande emozione, mi rendo conto della gravosissima responsabilità. Orienterò ogni mia comportamento nell’interesse del Paese con la guida e il faro del presidente della Repubblica.

Cerchiamo di essere credibili, trasparenti, mai obliqui nell’interesse supremo del Paese

Così ha risposto al discorso del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in seguito alla sua nomina.

Pinelli, alla vigilia del voto, sembrava essere in totale parità con il suo avversario, il costituzionalista pisano Roberto Romboli, ma alla fine è stato eletto con un voto in più rispetto a quanto ci si aspettasse.

Pinelli ha vinto con i voti di sette togati appartenenti a Magistratura Indipendente, sette laici legati al centro destra, con il voto di Ernesto Carbone, renziano legato ad Italia Viva e Azione e con quello di Andrea Mirenda. l'unico a non far parte di nessuna corrente.

La sua elezione rappresenta sicuramente una vittoria per Salvini, che vede così ripristinata una sorta di equilibrio tra quelle che sono le forze interne alla maggioranza e che non sembrano mai state particolarmente salde.

Chi è Fabio Pinelli: carriera e vita privata

Fabio Pinelli è nato a Lucca nel 1966 e dal 1997 iscritto al Foro di Padova, svolge da tempo la professione di avvocato, con una forte esperienza nell'ambito del diritto penale dell'economia, in particolar modo su tutto ciò che riguarda i profili indiretti di responsabilità delle imprese, per quanto riguarda i reati commessi dai dipendenti.

Nel corso del tempo, il suo nome è stato associato ad alcune importanti cause che hanno visto coinvolti alcuni esponenti molto in vista e appartenenti proprio alla Lega.

Ci riferiamo per esempio alla difesa di Luca Morisi, ex spin doctor di Matteo Salvini, nonchè l'ideatore della nota "Bestia", il sistema social attraverso cui Salvini aveva incrementato esponenzialmente la sua fanbase sui social.

Ma nella carriera di Pinelli, troviamo anche la difesa di Armando Siri, anche lui leghista e ai tempi sottosegretario del governo, coinvolto in un'indagine per corruzione che lo ha poi costretto a dimettersi.

Pinelli ha difeso anche la Regione Veneto e il suo presidente Luca Zaia e al momento, rappresenta il Senato della Repubblica nello scontro con i Pm fiorentini che si stanno occupando dell'inchiesta Open.

Leggi: Nessun controllo sui deputati che usufruiscono del bonus per l'acquisto di Pc e cellulari