Classe energetica F, ecco quanto consuma e come risparmiare sulle bollette dell'energia

Cosa significa avere una casa di classe energetica F, quanto consuma e, soprattutto, come risparmiare su elettricità e riscaldamento? Scoprilo qui.

classe-energetica-f-quanto-consuma-come-risparmiare

Cosa significa avere una casa di classe energetica F, quanto consuma e, soprattutto, come risparmiare su elettricità e riscaldamento? Lo scopriremo in questa guida.

Se stai cercando di ridurre le tue bollette, la classe energetica della tua casa è un fattore importante da considerare. E si tratta di un fattore ancor più importante anche in ragione della nuovissima direttiva UE case green. Nel giro di qualche anno, le case degli italiani dovranno necessariamente migliorare le proprie classi energetiche.

La classe energetica F è una delle classi energetiche più basse e indica un consumo energetico molto elevato. Tra le altre cose, gli edifici europei preesistenti dovranno obbligatoriamente modificare la propria classe energetica e passare alla E entro il 2030, alla D entro il 2033.

Dunque, al momento, possedere una casa di classe energetica F non significa solamente domandarsi quanto consuma e come risparmiare, ma anche chiedersi quali sono gli interventi che ci consentiranno di ottenere un’abitazione a norma con la direttiva UE.

In ogni caso, a tutte queste domande troveremo risposta insieme in questo articolo. Scopriremo, cioè, quanto consuma una casa con classe energetica F e come puoi ridurre i tuoi costi energetici. Inoltre analizzeremo gli interventi per migliorare la classe energetica della tua abitazione.

Che cos'è la classe energetica F?

Ma procediamo per gradi e, prima di scoprire tutto sulla classe energetica F, quando consuma e come risparmiare, cerchiamo di definirla nel dettaglio.

Innanzitutto, dobbiamo comprendere cos’è una classe energetica, in generale. Si tratta di un sistema di valutazione che misura l'efficienza energetica di un edificio. Una valutazione che, per essere eseguita, si basa su diversi fattori, tra cui l'isolamento, le finestre, le pareti, il tetto e il sistema di riscaldamento e raffreddamento.

La scala di valutazione varia da A (che, ovviamente, è la classe energetica più efficiente) a G (lettera che indica la classe energetica meno efficiente).

La classe energetica F si trova vicino alla parte inferiore della scala, il che significa che l'edificio ha un alto consumo energetico e produce molte emissioni di gas a effetto serra.

Classe energetica F, quanto consuma? Costi mensili e annuali previsti

Cerchiamo adesso di capire quanto consuma la classe energetica F e come è possibile risparmiare se possiedi una casa i cui parametri rispecchiano proprio questa classe.

Innanzitutto, bisogna considerare un dettaglio importantissimo. Il consumo energetico reale di una casa con classe energetica F dipende da diversi parametri, tra cui la dimensione della casa, la posizione, il clima e lo stile di vita degli abitanti.

Tuttavia, possiamo fare un discorso generale per capire quanto consuma una casa con classe energetica F.

Innanzitutto, secondo varie analisi, una casa con classe energetica F consuma in media circa il doppio dell'energia di una casa con classe energetica D. Ciò significa che le bollette energetiche saranno molto più elevate. Anche l’impatto che l’abitazione ha sull’ambiente sarà, di conseguenza, maggiore.

Ancor più nel dettaglio, è stato stimato un consumo medio che può andare dai 121 ai 160 kWh annui per ogni metro quadro dell’abitazione.

Se consideriamo che una casa di classe A3 registra un consumo al metro quadro compreso tra 0,40 e 0,60 kWh ogni anno, mentre la A2 registra un consumo al metro quadro compreso tra 0,60 e 0,80 kWh, è facile capire che una casa di classe energetica consuma davvero tantissimo.

Come risparmiare energia con una casa con classe energetica F

In ogni caso, anche se hai una casa con classe energetica F, ci sono molte cose che puoi fare per ridurre il tuo consumo energetico e le tue bollette. In primis, puoi migliorare l’isolamento dell’abitazione.

L'isolamento è infatti uno dei fattori più importanti che influiscono sull'efficienza energetica di una casa. Se la tua casa ha una classe energetica F, potrebbe essere necessario migliorare l'isolamento delle pareti, del tetto e delle finestre. In effetti, le case che possiedono questa classe energetica sono case abbastanza datate, e mai sottoposte ad interventi di ristrutturazione per migliorarne l’efficienza.

La prima cosa che dovrai fare, dunque, è migliorare l’isolamento. Questo intervento ridurrà la dispersione di calore in inverno e l'ingresso di calore in estate, riducendo il consumo energetico e migliorando il comfort termico.

Dato che il riscaldamento ed il raffreddamento sono una problematica che, in una casa di classe energetica F, comporta un aumento dei consumi, un altro aspetto da attenzionare è la temperatura.

Se hai una casa con classe energetica F, potresti voler considerare di regolare la temperatura in modo più efficiente. Puoi ridurre il riscaldamento durante la notte e quando la casa è vuota, e regolare la temperatura in modo da evitare gli sprechi.

Valuta, infine, interventi più complessi come quello della sostituzione degli infissi o l’installazione di un impianto fotovoltaico o di pannelli solari.

Come detto, nei prossimi anni gli interventi saranno obbligatori per migliorare la classe della tua abitazione. Dunque, oltre che per ridurre i consumi della tua casa con classe energetica F e che per risparmiare, dovrai effettuare tali interventi anche per adeguarti alle nuove direttive europee.

Leggi anche: Casa di classe energetica G, quanto vale? Consumi, svantaggi e valore atteso dell’immobile