Condizionatore, quanto consuma? Ecco i trucchi più efficaci per risparmiare sull’utilizzo

Quanto consuma un condizionatore? I costi mensili di questo dispositivo possono essere elevati, ma esistono vari trucchi per risparmiare: ecco quali.

condizionatore-quanto-consuma-trucchi-risparmiare

L’estate 2023 è ormai alle porte, e non possiamo certo dire che sarà una bella stagione completamente indolore. Purtroppo, anche se i prezzi dell’energia sono attualmente in calo, il caro vita non accenna ancora a diminuire, e molti italiani sono alle prese con problematiche di tipo economico. Per questo, in molti sono già preoccupati dall’utilizzo che faremo a breve del condizionatore: quanto consuma? È questa la domanda che tantissime famiglie si stanno già facendo.

Per tantissimi italiani, soprattutto per coloro che vivono nelle Regioni più calde e soleggiate, il condizionatore è la soluzione più semplice per rinfrescare casa e combattere le temperature elevate.

Eppure, quel che spaventa sono i suoi costi: un suo utilizzo prolungato potrebbe infatti comportare delle salatissime bollette durante i mesi estivi.

Tuttavia, esistono molti trucchi per risparmiare sull’utilizzo del condizionatore. Ma procediamo per ordine: in questo articolo, scopriremo non sono quanto consuma un condizionatore, ma vedremo anche come è possibile risparmiare energia senza rinunciare al suo utilizzo, mediante alcuni piccoli trucchi.

Quanto consuma un condizionatore?

Per prima cosa, cerchiamo di capire quanto consuma un condizionatore.

Il consumo energetico di un condizionatore dipende dalla sua potenza: in generale, maggiore è la potenza, maggiore sarà anche il consumo energetico.

È importante tenere conto anche del fatto che il consumo energetico di un condizionatore dipende anche dalla sua efficienza energetica, espressa tramite la classe energetica. Un condizionatore di classe A++ consuma meno di uno di classe A, ad esempio.

Infine, il consumo energetico dipende anche dall'uso che se ne fa. Un condizionatore utilizzato per poche ore al giorno e in modo efficiente consumerà meno di uno utilizzato per molte ore al giorno e in modo inefficiente.

In generale, comunque, il consumo di un condizionatore varia da 0,3 kWh a 1,45 kWh. In termini economici, è stato stimato che, per un utilizzo costante di circa tre ore ogni giorno per i mesi più caldi, ossia quelli di luglio e agosto, un condizionatore potrebbe costare anche un centinaio di euro in più in bolletta.

Un importo che, ovviamente, è destinato a salire se questo elettrodomestico viene utilizzato anche più di tre ore al giorno.

Inoltre, c’è anche da considerare che dispositivi datati o con scarsa efficienza energetica possono arrivare ad assorbire anche 430 kWh ogni anno: il che comporta degli aumenti alle bollette davvero esorbitanti.

Condizionatore, quanto consuma? Ecco i trucchi più efficaci per risparmiare sull’utilizzo

Ora che sappiamo quanto consuma un condizionatore, potremmo risultare scoraggiati tanto da decidere di non utilizzarlo la prossima estate. Eppure, esistono delle strategie che permettono di ridurre al minimo il consumo energetico del dispositivo.

Invece di prendere la decisione di non accenderlo del tutto, possiamo cioè valutarne l’utilizzo consapevole, sfruttando questi trucchi efficaci che ne limitano i consumi ed i costi a fine mese.

Innanzitutto, è bene procedere alla regolazione della temperatura: regolare la temperatura del condizionatore in modo corretto è fondamentale per evitare sprechi energetici. La temperatura ideale in estate è intorno ai 24-26 gradi. E questo è un fattore da non sottovalutare, dato che anche un solo grado di differenza può garantire la riduzione (o l’aumento, se selezioniamo una temperatura troppo bassa) del consumo energetico che varia dal 6% all’8%.

Inoltre, è bene utilizzare consapevolmente il dispositivo. Meglio accendere il condizionatore solo quando necessario e limitarne l’utilizzo durante le ore in cui la temperatura si abbassa.

Mai sottovalutare, poi, il filtro dell’aria del condizionatore e l’isolamento della stanza dove il dispositivo è in funzione.

Quanto al filtro, deve essere sempre ben pulito per garantire un flusso d’aria libero da ogni ostacolo: meglio, dunque, provvedere alla pulizia di tale filtro almeno una volta al mese.

Altro trucco per risparmiare sull’uso del condizionatore è evitare il surriscaldamento delle stanze, isolandole e sfruttando tende oscuranti per impedire ai raggi del sole un sovra-riscaldamento. Cosa che potrebbe aumentare i consumi del dispositivo.

Come abbiamo visto in precedenza, infine, un condizionatore di classe energetica elevata consuma meno di uno di classe inferiore. È importante quindi scegliere un condizionatore di classe A++ o A+ per risparmiare energia. Il consiglio, dunque, è di evitare l’utilizzo di prodotti datati e che non consentano un risparmio energetico, per evitare di ricevere delle bollette salatissime.

Condizionatore, gli aiuti statali per risparmiare sul suo utilizzo e sull’acquisto

Tra le altre cose, esistono vari aiuti statali che, attualmente, consentono di risparmiare sull’utilizzo del condizionatore.

Per chi si è chiesto quanto consuma il condizionatore e ha appurato di possederne uno eccessivamente datato, c’è la possibilità di ottenere un nuovo dispositivo fruendo delle detrazioni fiscali attualmente previste.

Al bonus condizionatore attualmente attivo abbiamo dedicato un approfondimento, che è possibile consultare al seguente link:

 Bonus condizionatori: cosa sapere per averlo e quali sono le spese incluse

Infine, ricordiamo anche che il Governo italiano ha disposto tutta una serie di aiuti per le famiglie meno abbienti, che vengono applicati in forma di sconto direttamente sulle bollette.

Anche se non destinati a tutte le famiglie perché dipendono dall’ISEE, si tratta comunque di agevolazioni utili per risparmiare sui consumi del condizionatore durante la prossima estate in arrivo.