Chi è Ben Shelton, la nuova promessa del tennis sorpresa degli Australian Open

Gli Australian Open sono finalmente entrati nel vivo. Tra le grandi sorprese del torneo c'è Ben Shelton, un giovane talento americano. Ecco chi è.

ben-shelton-chi-e

Solo tre top ten nei primi otto degli Australian Open, e già questa sarebbe di per sé una notizia. Tra loro però compare un giovane talento americano: Ben Shelton. Ecco chi è e tutto quello che c'è da sapere su di lui.

Sorprese agli Australian Open

Un torneo importante, complicato e affascinante.

Gli Australian Open sono entrati nella loro fase clou e ora la competizione si apre a qualsiasi scenario.

Anche perché tra i primi otto sono solo in tre i tennisti presenti nella top ten del ranking, a riprova di quante sorprese sia in grado di offrire questo magnifico sport.

Tra i colpi di scena più grandi c'è il ceco Lehecka che ha battuto Cori, Norrie e Auger-Aliassime.

C'è poi un ragazzo di soli vent'anni che, fino a questo momento, era sconosciuto ai più.

Ben Shelton ha sfruttato un buco nel tabellone ed è riuscito a raggiungere i quarti di finale del torneo.

Per lui è la prima volta a Melbourne e la prima volta che raggiunge un risultato simile.

Chi è Ben Shelton

Ben Shelton è figlio d'arte dato che il padre, Brian Shelton, è un ex tennista attivo negli anni '90 che riuscì a vincere due titoli ATP su erba.

La crescita di questo ragazzo di soli vent'anni è incredibile, basti pensare che ad aprile scorso era ancora fuori dai primi 500 del ranking.

La sua discesa verso il tennis che conta inizia nel giugno 2021 quando riesce a conquistare il primo punto ATP.

Poi la partecipazione ad Atlanta, la grandissima vittoria a Cincinnati contro Ruud e la vittoria al challenger che gli consente di entrare tra i primo cento.

Dopo gli US Open decide di prendere il volo, direzione Australia, per lui è la prima volta fuori dagli Stati Uniti.

Arrivano prima due prestazioni opache ad Adelaide e a Auckland, gli Australian Open però gli daranno le soddisfazioni che tanto cercava.

Il percorso agli Australian Open

Ben Shelton partecipa agli Australian Open con un unico obiettivo: fare bella figura.

"Otto mesi fa non avrei pensato di essere in questa posizione". Ha dichiarato il giovane tennista.

Sì, perché il percorso è stato molto al di sopra delle aspettative.

Prima il match point annullato a Zhang Zhizhen e la conseguente vittoria, poi sulla sua strada incontra Jarry, Popyrin e agli ottavi di finale Jeffrey John Wolf.

Una battaglia durata cinque set e conclusa con la sua vittoria che lo porta direttamente ai quarti di finale.

"Finora per me è stato come vivere un sogno. Grazie a tutte le persone che sono venute a fare il tifoso per me, vi voglio bene. È stato un match cruento. Ci sono state molte varianti, a volte in mio favore e a volte in suo. Mi sono concentrato sulla forza e sul cercare di resistere alla stanchezza. Credo di aver giocato bene grazie al coraggio dimostrato".

Ha parlato così al termine della sfida degli ottavi di finale.

Leggi anche: Tra coincidenza e realtà: la maledizione Netflix sugli Australian Open

L'importanza della scuola

Ben Shelton sta vivendo un sogno e non ha imbarazzo nel dirlo.

Le sue priorità però non finiscono con il tennis, anche la scuola è fondamentale:

"Essere qui è una cosa magnifica, è surreale arrivare ai quarti alla prima partecipazione. Sto giocando il mio primo Slam fuori dagli Stati Uniti, mentre inizia la scuola questa settimana. Non ci sono ancora esami, quindi sarà interessante scoprire come farò quando le date degli esami combaceranno con quelle dei match. Sono salito sull’aereo senza aspettative. Di sicuro sto frequentando le lezioni a un ritmo minore di quanto lo facessi prima, ma penso che le due cose possano coesistere. Fin qui in questo mese di gennaio non ho avuto troppi problemi. Voglio davvero ottenere la laurea. Questo è qualcosa che è importante per me".

Un giovane di prospettiva e che dimostra di avere grandi valori, Ben Shelton può rappresentare uno dei prospetti più interessanti dell'intero panorama tennistico e, ora che è entrato di diritto tra i migliori 50, non ha alcuna intenzione di fermarsi.

Leggi anche: Australian Open: programma domani martedì 24 gennaio e tabellone completo quarti finale