Fed

RSS

Federal Reserve (System), la Banca Centrale degli Stati Uniti

La Federal Reserve System, meglio nota come FED o Federale Riserve, è la Banca Centrale degli Stati Uniti d'America.

La Fed venne istituita il 23 dicembre del 1913 da parte del Congresso degli Stati Uniti, a seguito dell'approvazione del Federal Reserve Act, ed iniziò ad essere operativa l'anno successivo.

Le origini

A seguito della crisi finanziaria che colpì il paese nel 1907, venne creata la National Monetary Commission, che aveva il compito di studiare ed analizzare il processo del sistema monetario ed economico finanziario, comprese le dinamiche delle principali banche dell'epoca, per prevenire e limitare la possibilità di nuove crisi.

Dopo tre anni di indagini da parte della National Monetary Commission, venne proposto ed in seguito approvato il Federal Reserve Act.

La composizione della Federal Reserve System

La Federal Reserve System è l'agenzia governativa centrale, con sede operativa situata a Washington D.C.

Il Board of Governor (Comitato dei Governatori) of the Federal Reserve System è oggi composto da:

  • sette governatori, i quali vengono eletti direttamente dal Presidente degli Stati Uniti;

  • dodici Federal Reserve Bank regionali, che dispongono ognuna del proprio consiglio di amministrazione (composto da nove persone)

  • istituti bancari privati, i quali hanno l'obbligo di sottoscrivere le azioni non trasferibili appartenenti alle Reserve Bank, delle regioni in cui operano.

  • Advisory Councils.

Il Board of Governor della FED ed il gruppo delle 12 Reserve bank svolgono anche la funzione di controllo nei confronti degli intermediari finanziari e della loro attività; vigilano inoltre l'offerta di servizi bancari alle istituzioni creditizie e al Governo.

Le Federal Reserve Bank regionali sono suddivise in 12 distretti: San Francisco, Boston, New York, Philadelphia, Dallas, Minneapolis, St. Louis, Kansan City, Richmond, Cleveland, Atlanta e Chicago.

Il braccio decisionale della FED: il FOMC, Federal Open Market Committee

Il Federal Open Market Committee, detto FOMC è il comitato federale del mercato aperto, tra i principali e più influenti componenti del Federal Reserve System.
L'organismo, definito come il "braccio operativo" della FED, è composto dal Presidente della Federal Reserve Bank, da 7 governatori che compongono il Board of Governors e da 4 presidenti (delle Federal Reserve Bank regionali), nominati a rotazione.

Il Federal Open Market Committee, ha il compito di regolare la politica monetaria, sorvegliare le operazioni di mercato aperto degli States ed è, di conseguenza, munito del potere decisionale nella determinazione del tasso d'interesse (federal funds rate).

Le funzioni della FED

La FED ha il compito di controllare e regolare gli istituti bancari con il mero scopo di garantire la stabilità del sistema bancario nazionale e contenere i possibili rischi dovuti ai mercati finanziari. La FED determina la politica monetaria del paese, gestisce l'andamento dei tassi d'interesse del dollaro e svolge la funzione del servizio di tesoreria.

Ben Shalom Bernanke, alla guida della FED

L'attuale Presidente in carica del primo istituto americano (e del Comitato dei Governatori) è la democratica Janet Louise Yellen (economista nata a Brooklyn il 13 agosto 1946) eletta dal democratico alla Casa Bianca Barack Hussein Obama, seguita all'economista statunitense Ben Shalom Bernanke (nato ad Augusta nel 1953).
Nell'ottobre del 2005, l'allora Presidente in carica degli Stati Uniti George W. Bush nominò Ben Shalom Bernanke Presidente della FED, che successe al suo predecessore Alan Greenspan (in carica per 5 mandati di seguito).

Il comitato dei Governatori è attualmente composto da: Janet Louise Yellen (Presidente), Stanley Fischer (Vice-Presidente), Daniel Tarullo, Jerome H. Powell, Lael Brainard.

Per maggiori informazioni: FED


Ancora effetto Trump sulle Borse: cosa temono gli investitori?

Ieri Wall Street ha vissuto la peggiore seduta da settembre scorso e le vendite trovano un seguito oggi in Europa. La prospettiva di un impeachment è remota per ora, ma il mercato teme una paralisi della amministrazione guidata da Trump.

Ancora effetto Trump sulle Borse: cosa temono gli investitori?







Mercati: il mese di giugno sarà decisivo. Ecco perchè

Mercati in calo in questa seconda seduta di maggio: le attese per la riunione della Fed e, sullo sfondo, l'aumento delle tensioni tra Ue e GB in vista di una Brexit che sembra essere più difficile del previsto. La view di Filippo Diodovich Market Strategy per IG

Mercati: il mese di giugno sarà decisivo. Ecco perchè

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Torna l'ottimismo sulle borse europee che ieri sono riuscite a chiudere gli scambi tutte in positivo.

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

USA, su Fed e Trump più domande che risposte

La Federal Reserve ha deciso di andare avanti con un rialzo dei tassi di 25 punti base, ma non ha fornito una guidance precisa sul futuro.

USA, su Fed e Trump più domande che risposte

Elezioni, terrorismo e banche centrali: che succede con i tassi?

Periodo denso di incognite, incertezze che però ci accompagnano da ormai oltre un anno, tutti elementi che influiscono direttamente sui nostri portafogli quindi sui rendimenti.

Elezioni, terrorismo e banche centrali: che succede con i tassi?

La Fed teme la bolla sui mercati, Draghi no

Wall Street ieri ha chiuso in lieve calo a causa dei verbali dell’ultima riunione Fed che evidenziavano il sospetto di una possibile bolla sugli asset di borsa.

La Fed teme la bolla sui mercati, Draghi no

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Quella di ieri è stata una giornata tutto sommato negativa per i mercati del Vecchio Continente.

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Wall Street positiva dopo i dati sul lavoro

A marzo nel settore privato sono stati creati più posti di lavoro del previsto: si guarda ora ai verbali dell'ultima riunione della Fed. Da seguire Monsanto.

Wall Street positiva dopo i dati sul lavoro

Incremento del 6% sul Msci World. E ora? Le previsioni di IG

Dopo il primo trimestre di questo 2017, si tracciano i primi bilanci che, per il momento, sembrano essere positivi. Ma cosa accadrebbe se il fattore trainante dell'ottimismo, e cioè la rivoluzione di Trump sulle politiche fiscali statunitensi, dovesse venire meno? A rispondere è Filippo Diodovich Market Strategist per IG

Incremento del 6% sul Msci World. E ora? Le previsioni di IG
apk