Come incassare buoni fruttiferi vecchi o scaduti

Una volta scaduti è sempre bene incassare subito i buoni fruttiferi postali, per evitare che vadano in prescrizione. Come fare? E se sono cointestati?

I buoni fruttiferi postali sono tutt’oggi un valido strumento di risparmio che vanno a garantire la restituzione del capitale versato, con l’aggiunta degli interessi.

Molti anni fa, erano uno strumento molto conveniente con tassi d’interesse alti. Infatti, moltissime famiglie italiane ne sottoscrissero diversi, ancora conservati nei cassetti delle scrivanie.

Proprio sui vecchi buoni, ci soffermeremo particolarmente nel testo. Spieghiamo come incassare i vecchi buoni fruttiferi postali e anche quelli nuovi.

Come fare per riscuotere un buono fruttifero postale?

I buoni fruttiferi postali (Bfp) sono strumenti di risparmio che permettono sempre la restituzione del capitale versato, maggiorato degli interessi maturati. Sono un’esclusiva delle Poste Italiane, emessi dalla Cassa depositi e prestiti e, quindi, sono garantiti direttamente dallo Stato.

I buoni sono uno strumento adatto per far fruttare i propri risparmi. Se un tempo davano interessi alti, adesso sono nettamente minori, ma altrettanto convenienti per mettere da parte qualche risparmio e avere una maggiorazione al momento dell’incasso.

I buoni possono essere acquistati presso qualsiasi Ufficio Postale, sia in forma cartacea che dematerializzata. In alternativa, si possono acquistare anche online o tramite l’App BancoPosta, solo in forma dematerializzata.

L’incasso o la riscossione dei buoni fruttiferi postali, in realtà, si chiama rimborso. Si tratta di un’operazione con cui l’investitore ottiene la somma di denaro che aveva versato, con la relativa maggiorazione degli interessi maturati.

Come ottenere il rimborso? Chi ha sottoscritto il buono, per incassarlo, deve esibire il titolo, un documento d’identità e il codice fiscale. Si fa presente che solo il titolare del buono può compiere operazioni di questo tipo e non sono ammesse deleghe ad altre persone.

I buoni possono essere intestati da una sola persona o anche da più persone. In questo caso, si parla di buoni cointestati. Per ottenere il rimborso occorre verificare, prima di tutto, che sia presente la clausola “Pfr”, che sta per pari facoltà di rimborso.

Se presente, ogni cointestatario potrà recarsi presso un qualsiasi Ufficio Postale per incassare il buono fruttifero postale. In assenza della clausola, per la riscossione, è necessario che siano presenti tutti gli intestatari.

Come ritirare i buoni fruttiferi postali scaduti?

I buoni fruttiferi postali hanno una data di scadenza, oltre la quale smettono di produrre interessi.

Per esempio, se il buono ha una durata trentennale, al trentunesimo anno non produrrà più interessi. Alla scadenza, quindi, è necessario andare a riscuoterli proprio per via della loro improduttività.

È molto importante non dimenticare i buoni, in quanto vanno in prescrizione e, una volta prescritti, non è più possibile ottenere il rimborso.

Quindi, i buoni postali cessano di essere fruttiferi alla data di scadenza e possono essere incassati sino alla data di prescrizione.

Dove riscuotere i buoni fruttiferi postali?

I buoni fruttiferi postali sono emessi dalle Poste Italiane. Alla scadenza o, in base alle necessità, anche prima, l’investitore può recarsi presso qualsiasi Ufficio Postale per ottenere il rimborso.

È probabile, però, che l’interessato riesca a incassare il denaro subito solo presso lo sportello che ha rilasciato concretamente il buono. Ciò non toglie la possibilità di ritirare la somma anche presso gli altri Uffici Postali anche se, forse, dovrà attendere qualche giorno. In questo caso, stiamo parlando dei buoni fruttiferi cartacei.

Nel caso dei buoni fruttiferi dematerializzati, alla loro scadenza, il valore viene accreditato direttamente sul conto corrente di regolamento dell’intestatario.

A questo punto possiamo anche indicare come dematerializzare i buoni cartacei. Si tratta di un processo consentito secondo le modalità indicate dalle Poste Italiane, a condizione che il titolo da dematerializzare e il Libretto Postale o il conto corrente BancoPosta destinato a fungere da conto di regolamento rechino la medesima intestazione.

Quando è possibile? La richiesta di dematerializzazione è consentita se effettuata fino a 2 mesi prima della scadenza naturale del buono.

Dove si vede la scadenza dei buoni fruttiferi postali?

Come abbiamo avuto già modo di spiegare, è molto importante tenere bene a mente la scadenza dei buoni postali. Una volta trascorso il termine di prescrizione, non sarà più possibile incassarli.

Come si legge sul sito delle Poste Italiane:

“I Buoni cartacei emessi fino al 13 aprile 2001 si prescrivono in favore del Ministero dell’economia e delle finanze; l’importo dei Buoni cartacei prescritti emessi dal 14 aprile 2001, invece, in base alla normativa sui depositi dormienti, è versato al Fondo istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze”.

Dove si vede la scadenza? A partire dal 2009, la scadenza dei buoni fruttiferi cartacei è indicata sul fronte del titolo stesso.

Leggi anche: Buoni fruttiferi 4 anni plus, rendimenti e tassi al top: ecco quanto rendono 20.000 euro

Sara Bellanza
Sara Bellanza
Aspirante storica contemporaneista, classe 1995.Amante della lettura e della scrittura sin dalla tenera età, ho una laurea triennale in Filosofia e Storia e una laurea magistrale in Scienze Storiche, conseguite entrambe presso l’Università della Calabria. Sono autrice di alcune pubblicazioni scientifiche inerenti alla storia contemporanea e alla filosofia: "L'insostenibile leggerezza della storia" e "L’insufficienza del linguaggio metafisico" per la rivista "Filosofi(e)Semiotiche", e "Il movimento comunista nel cosentino" per la "Rivista Calabrese di Storia del '900".Nonostante la formazione prettamente umanistica, la mia curiosità mi ha spinto a conoscere e a informarmi sugli ambiti più disparati. Leggo, scrivo e fotografo, nella speranza di riuscire a raccontare il mondo così come lo vedo io.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
769FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate