Successo per Meta: ricavi sopra le attese e utenti in aumento

Il titolo Meta vola di oltre il 20% a Wall street, effetto dell'aumento degli utenti e dei ricavi in crescita sopra le aspettative.

Meta vola a Wall Street, il titolo cresce di oltre il 20% per effetto di ricavi superiori le attese e un inaspettato aumento dell’utenza quotidiana, una fortuita combinazione di eventi che ha riportato Meta all’attenzione degli investitori.

Utenti in aumento per Meta

Il periodo di decadenza e di abbandono dei social di proprietà del gruppo Meta, in particolare di Facebook, sembra essere ormai passato. Stando agli ultimi dati resi noti dalla holding infatti, nell’ultimo periodo gli utenti sui diversi portali del gruppo sono aumentati, in particolare Facebook ha raggiunto la quota record di 2 miliardi di utenti attivi giornalieri.

Un risultato senza precedenti che innesca una serie di reazioni a catena, il cui effetto ultimo è un incremento significativo del titolo in borsa.

Gli analisti non sono ancora certi di cosa abbia spinto molti utenti a tornare su Facebook e gli altri social del gruppo Meta. Sono passati infatti pochi mesi da quando il social era protagonista di un esodo di massa, con l’abbandono di molti utenti in favore di altri lidi.

L’aumento degli utenti attivi ha innescato una reazione a catena che, unita ai recenti tagli alla spesa e al personale, hanno configurato una parabola ascendente per Meta, il cui titolo è cresciuto di oltre il 20% contro il forte ribasso registrato lo scorso anno.

Tagli e perdite

Uno dei tasselli più controversi dell’orizzonte Meta è rappresentato dal Metaverso, l’ambizioso progetto incentrato sulla realtà virtuale, che nelle mire di Meta dovrebbe rappresentare la frontiera del domani, continua ad essere , all’atto pratico, un enorme buco nero che risucchia miliardi di dollari. Nel solo quarto trimestre del 2022 il Metaverso ha registrato perdite per oltre 4,28 miliardi, e su base annua sono stati oltre 13,72.

In una nota tuttavia, Meta ha precisato che almeno per il 2023, l’azienda sarà in grado si assorbire perdite operative di matrice anche superiore a quelle registrate nel 2022 per il solo metaverso. Dunque, il progetto, per quanto controverso e costoso, almeno per il momento, non verrà abbandonato.

Conti in calo, ma in attivo

Il 2022 è stato un anno difficile per Meta, i cui ricavi, per tre trimestri consecutivi, sono stati in calo.

Nonostante il calo, i risultati di Meta sono stati comunque superiori alle aspettative e le previsioni degli analisti e, sulla base di questi dati, Meta ha anticipato un fatturato tra i 26 e 28,5 miliardi per il primo trimestre del 2023.

Se queste proiezioni dovessero rivelarsi corrette, il 2023 vedrebbe un cambio di tendenza rispetto all’anno precedente, con un ritorno alla crescita per Meta.

La possibilità di un ritorno alla crescita, unita ad una serie di altri fattori, è per molti investitori un motivo di interesse che ha riportato molti a prestare attenzione alle azioni Meta, il cui valore è lentamente tornato a crescere.

Meta vola in borsa

Gli ultimi anni hanno segnato per Meta ed i suoi social network, una parentesi discendente che, lo scorso anno, era costato al gruppo una perdita di valore di oltre il 60% del titolo in borsa. Titolo che ora risulta in crescita di oltre il 20% durante l’aftermarket.

A sostenere il rilancio del titolo Meta non solo i tagli e l’aumento dell’utenza giornaliera, ma anche un imponente operazione commerciale da oltre 40 miliardi di dollari, finalizzata ad operazioni di BuyBack.

Meta sembra quindi interessata a riacquisire una quota maggiore delle proprie azioni stanziando 12 miliardi rispetto all’anno precedente. Nel 2022 infatti Meta aveva finanziato operazioni di Buyback con circa 27,9 miliardi.

Antonio Coppola
Antonio Coppola
Copywriter, classe 1989. Sono nato a Napoli. Laureato in Storia Contemporanea e specializzato in geopolitica e relazioni internazionali presso l'Università di Pisa, nella vita mi occupo di divulgazione, marketing e comunicazione. Scrivo sul web da oltre 10 anni. Appassionato di scrittura e tecnologia, ho collaborato con diversi portali e riviste di settore nel mio campo e nel 2012 ho avviato un mio progetto di divulgazione storico culturale ed un podcast, grazie ai quali ho avuto modo di stringere collaborazioni con aziende, enti e riviste di settore ed ho avuto modo di esplorare e approfondire il mondo della SEO e del Web Marketing.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
765FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate