Ancora un segno più per BFF Bank che anche oggi prova a spingersi in avanti a Piazza Affari, salendo per la terza giornata di fila.

Piazza Affari: BFF Bank in rialzo per la tera seduta di fila

Dopo aver chiuso la sessione di ieri con un progresso di oltre un punto percentuale, il titolo oggi si mostra più cauto e negli ultimi minuti passa di mano a 7,055 euro, poco sotto i top intraday, con un rialzo dello 0,28% e oltre 100mila azioni transitate sul mercato fino a ora, conto la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 500mila.

BFF Bank: spunti da un roadswho con il management

BFF Bank è stato oggetto di attenzione parte di Equita SIM, i cui analisti hanno riportato in una nota il feedback da un recente roadshow organizzato di recente con il management.

Tra i principali spunti, si segnala che il trend sul fronte dei volumi si sta mostrando estremamente solido anche nel terzo trimestre, confermando come il core business di BFF Bank sia favorevolmente esposto sia a un rialzo dei tassi che a un deterioramento dello scenario macro.

Nella situazione attuale BFF Bank vede spazio per incrementare la penetrazione del prodotto, specialmente all’estero.
Stanno emergendo segnali di miglioramento per quanto riguarda le transazioni sugli interessi di mora.

BFF Bank Bank: focus su volumi e rialzo tassi

L’andamento dei volumi di BFF Bank è atteso beneficiare positivamente dall’attuale contesto altamente inflattivo, in quanto le fatture sono comprate al nominale.

A ciò si aggiunga che con l’incremento dei tassi, è più facile fare repricing sui clienti in termini di sconto ai quali vengono acquisite le fatture.

Dal roadshow è emerso altresì che l’incremento del tasso di rifinanziamento BCE, sul quale vengono calcolati gli interessi di mora, è atteso contribuire positivamente sul margine di interesse a partire dalla prossima reset date dell'1 gennaio 2023, portando a un repricing immediato sia sui nuovi LPI che sullo stock dovuto, ma non ancora incassato.

L’incremento dei tassi sarà un elemento di supporto anche per quanto riguarda la contribuzione al margine di interesse del portafoglio titoli, ricordando che alla fine del primo semestre di quest'anno la banca aveva 2,8 miliardi di euro di titoli a tasso fisso con yield 0,2%, contro un rendimento attuale del BTP a 5 anni superiore al 3%.
BFF non vede tematiche sulla liquidità legate al business della Banca Depositaria.

BFF Bank: Equita commenta i messaggi dal roadshow

Secondo gli analisti di Equita SIM, i messaggi emersi dal roadshow sono complessivamente allineati a quelli forniti con la presentazione dei risultati del secondo trimestre e confermano l’eccellente momentum commerciale di BFF Bank nell’attuale contesto di mercato.

BFF Bank: per gli analisti è buy. Dividendo è da favola

La SIM milanese ribadisce la sua view positiva sul titolo, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 9,2 euro per diversi motivi. 

Gli analisti citano in primis il business del factoring verso la pubblica amministrazione esposto favorevolmente a uno scenario di maggiore incertezza sul fronte macro, senza tematiche relative ad un incremento del costo del rischio.

In secondo luogo, il margine di interese è atteso beneficiare significativamente dall’incremento dei tassi, senza dimenticare le valutazioni attraenti del titolo.

Da non trascurare, infine, un altro aspetto chiave di BF Bank, rappresentato  dalla ricca remunerazione per gli azionisti, basti pensare che il rendimento del dividendo atteso per l'esercizio 2022 è superiore all'11%.