Ftse Mib può salire, ma non troppo. Focus Eur/Usd e Petrolio

I principali indici azionari potranno spingersi in avanti fino alle prossime resistenze: sarà rally di Natale? La view di Davide Biocchi.

ftse mib borse intermarket

Di seguito riportiamo l'intervista a Davide Biocchi, professional trader, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulle valute, su alcune commodities e sugli scenari attesi per le Borse.

L'euro-dollaro sta allungando il passo sopra quota 1,04 dopo le parole di ieri del presidente Powell. C'è spazio per salire ancora?

Per l'euro-dollaro ricordo la resistenza a 1,037 che ora è stata superata, con il focus ora su quanto deve ancora fare la Fed sui tassi e quanto la BCE.

Dopo le parole di ieri del presidente Powell, si presume che la Banca Centrale Europea abbiano un pochino più da fare della Banca Centrale americana e quindi ci può stare un ulteriore rialzo dell'euro-dollaro.

Euro-Dollaro: i prossimi target al rialzo

Il prossimo step è in area 1,06, tenendo presente che adesso si entra nel cosiddetto "blackout period", cioè dal 3 al 14 dicembre i membri della Fed non possono più parlare.

Tra qualche giorno toccherà anche alla BCE questo "silenzio", quindi bisogna fare attenzione perchè la situazione è un po' particolare.

Gli ETF rappresentano l'innovazione finanziaria che ha permesso a tutti di diversificare gli investimenti in maniera semplice ed efficiente, mantenendo costi bassi ed eliminando parte della pressione derivante dalla scelta dei singoli titoli. Con Scalable Broker hai a disposizione più di 1700 ETF.

Con la promozione Scalable tutti i nuovi clienti che apriranno un conto, riceveranno gratuitamente un’azione o un Etf sostenibile.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Tornando all'euro-dollaro, se sarà confermato l'abbandono di quota 1,037 e se il mercato legge un'ulteriore distanza tra la politica monetaria della Fed e quella della BCE, a favore di quest'ultima, allora ci potrà essere un ulteriore apprezzamento per il cross, viceversa no.

Focus sull'oro

L'oro si sta spingendo ancora in avanti grazie anche all'indebolimento del dollaro. Cosa può dirci di questo asset?

L'apprezzamento dell'euro-dollaro, legato al fatto che la Fed sembra più vicina di prima alla fine della maratona dei rialzi dei tassi di interesse, ha fatto bene all'oro che è arrivato anche a 1.790 dollari.

A questo punto le quotazioni del gold possono spingersi fino a 1.810/1.815 dollari nel breve.

La view sul petrolio

Il petrolio si è allontanato in frenata dai minimi toccati di recente. Cosa aspettarsi ora?

Powell non ha più usato i toni di prima, quando ha palesato meno preoccupazione per la recessione, andando a combattere solo l'inflazione.

Ora il numero uno della Fed è sembrato più dovish da questo punto di vista e a questo punto il mercato comincia a leggere una recessione meno dura e quindi anche il petrolio può recuperare un po', come di fatto sta avvenendo.

Il prossimo step al rialzo è molto vicino, in area 82 dollari, sopra cui ci sarà spazio per salire fino a quota 95 dollari.

Quali scenari per le Borse?

Le Borse europee stanno reagendo in maniera meno entusiastica di Wall Street alle parole di Powell. Quali i possibili sviluppi per l'azionario?

Siamo tutti preoccupati per la serie tv inflazione e rialzo dei tassi, ma questa è stata una serie bellissima e ora siamo all'ultima stagione.

Una volta che sarà messo da parte il tema inflazione, il mercato passerà ad altre serie tv, quale quella che si chiama recessione.

Gli attori saranno diversi, con gli utili societari che prenderanno uno spazio più significativo, e anche gli stessi attori prima assumeranno ruoli diversi, come accadrà ad esempio alla Fed.

Il nuovo tema sarà la recessione e a mio avviso il ruolo dell'azionario sarà quello che cambierà di più rispetto ad altre asset class.

Guardando più da vicino ai mercati, segnalo per il Ftse Mib un prossimo ostacolo in area 25.000, sopra cui non voglio dare target, ma lasciamo che il mercato si muova.

C'è ancora spazio al rialzo, ma l'area dei 25.000 può essere una resistenza di ritorno per il Ftse Mib.

Per l'S&P500 segnalo due resistenze a 4.150 e a 4.300 punti, quindi parliamo di un altro 5% di potenziale rialzo.

Attenzione all'Eurostoxx 50 perché l'area dei 4.000 non è solo una resistenza, ma anche uno stile di vita diverso.

L'indice è stato sopra tale soglia prima della guerra e tornarci ora significherebbe che non esiste più il conflitto e tutto quello che ciò comporta, ma di fatto non è così.

In sintesi, dal punto di vista tecnico vedo ancora un po' di margine al rialzo, ma non troppo.