Ftse Mib: rischi in aumento. Enel, ENI e Saipem buy o sell?

Per il Ftse Mib si consiglia cautela per un posizionamento al rialzo: ecco perché.

Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Sante Pellegrino, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull’attuale situazione dei mercati e in particolare di Piazza Affari.

L’indice Ftse Mib viaggia sui massimi di periodo in area 32.700. C’è spazio per ulteriori salite nel breve?

Per il Ftse Mib segnaliamo un supporto in area 32.500/32.300, la cui tenuta di questo livello sarà importante, perché un cedimento di questa soglia di prezzo avrà implicazioni negative, con il rischio di una flessione fin verso i 31.500 punti prima e in seguito in direzione di area 31.000.

Ftse Mib: quali strategie ora?

Consiglio cautela per un posizionamento al rialzo, perché il Ftse Mib è molto tirato ed è in ipercomprato, per cui si corre il rischio di rimanere con il cerino in mano per seguire i corsi fino all’area dei 33.000.

Siamo però a un passo da questa soglia che in maniera isterica potrebbe essere anche raggiunta.

Focus su ENI e Saipem

Cosa può dirci in merito all’attuale impostazione di ENI e Saipem e quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?

ENI sta performando e si mantiene sopra il supporto dei 14/14,2 euro, ma deve superare la resistenza dei 14,6 euro per salire e andare più in alto verso i 15 euro prima e i 15,5 euro.

In caso di discesa sotto i 14 euro, ENI rischierà una flessione fino all’area dei 13,2 euro.

Per Saipem si segnala un recupero della resistenza di area 1,55 euro e in caso di superamento di tale soglia, previa chiusura del gap a 1,51 euro, si potrà salire fino a 1,65 euro.

Eventuali ritorni delle quotazioni sotto 1,39 euro andranno a smorzare l’entusiasmo su Saipem.

L’analisi di Enel

Enel sta provando a riportarsi in direzione di quota 6 euro. Qual è la sua view su questo titolo?

Per Enel c’è un recupero dal supporto molto forte dei 5,88 euro e questo sostegno potrebbe irrobustirsi, favorendo un’ulteriore ascesa dei corsi verso i 6,1/6,15 euro.

STM sotto la lente

STM ieri ha messo a segno un bel rally. Valuterebbe un acquisto del titolo sui livelli attuali?

STM sta costruendo un supporto importante intorno ai 41 euro, ma l’abbandono di questa soglia porterà il titolo verso i 37,5 euro.

Con una conferma al di sopra di area 43 euro ci sarà spazio per testare la resistenza successiva intorno ai 45 euro.

Uno sguardo a Campari

Campari ieri ha guadagnato terreno dopo i conti del 2023. Cosa può dirci di questo titolo?

Ottimi i dati di Campari, accompagnati dall’annuncio di un dividendo pi+ alto dell’anno precedente.

Il titolo è stato respinto dalla resistenza dei 10 euro, oltre cui si potrà guardare all’ostacolo successivo dei 10,35 euro, da superare per poter salire ancora.

Al ribasso, invece, il sostegno più vicino ai prezzi attuali è quello in area 9,4/9,35 euro.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate