Legge 104, ecco la lista delle patologie per richiederla e tutte le agevolazioni previste

Novità INPS per la Legge 104: ecco la lista completa delle patologie per cui richiederla e le istruzioni per presentare la domanda.

legge-104-quali-patologie

Continuano gli aggiornamenti in tema di Legge 104 da parte dell’INPS. Dopo le novità in tema di variazione della domanda riguardante permessi e congedi comunicati con i due  messaggi, il n. 3139 e il n. 3141 del 7 settembre 2023,  arrivano altri aggiornamenti.

La normativa è entrata in vigore il 5 febbraio 1992 e tante cose sono cambiata in questi 21 anni. Nuove agevolazioni sono state introdotte a sostegno dei disabili fisici, mentali o sensoriali con uno sguardo particolare anche ai familiari che li hanno in cura, i cosiddetti caregiver.

Ma per quali patologie può essere richiesta e quali sono le agevolazioni previste?

Scopriamo insieme la lista completa nel dettaglio.

Legge 104, ecco la lista delle patologie per richiederla e tutte le agevolazioni previste

Tutti lo sanno, la normativa di riferimento sul tema della disabilità in Italia è la tanto amata e famosa Legge n.104 promulgata il 5 febbraio 1992.

Ma quali sono le principali patologie danno diritto all’applicazione delle agevolazioni concesse ai sensi della Legge 104?

La prima cosa da dire che la valutazione al diritto alla 104, viene effettuata da una commissione medica. Questa tiene conto della diagnosi sanitaria ma anche delle capacità funzionali, relazionali e lavorative.

Perciò per avere diritto alla Legge 104 va detto che non esiste un elenco preciso ma si deve considerare il caso specifico di ogni individuo.

Le patologie che danno diritto ad accedere alla Legge 104 sono numerose e per ognuna è richiesta una percentuale minima d’invalidità per potere accedere alle agevolazioni.

Tra le varie patologie rientrano:

  • quelle neurologiche: sclerosi multipla, demenza vascolare, morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson, epilessia, emiparesi, emiplegia, paraparesi, paraplegia, tetraparesi, atassia cerebellare, mielomeningocele, sindrome della cauda equina, miopatie, sindrome di Duchenne;

  • quelle psichiche: disturbo amnestico persistente indotto da sostanze, schizofrenia, disturbo schizoaffettivo, depressione maggiore, disturbo bipolare, disturbi deliranti, anoressia nervosa, ritardo mentale.

  • quelle dell’apparato digerente: stenosi esofagea con disfagia o ostruzione serrata, cirrosi epatica, trapianto di fegato complicato, trapianto di intestino complicato, sindrome da malassorbimento enterogeno, malattie infiammatorie croniche intestinali;

  • quelle dell’apparato urinario: insufficienza renale cronica o terminale, trapianto di reni complicato;

  • quelle dell’apparato endocrino: diabete mellito con complicanze, acromegalia con complicanze, sindrome di Cushing con complicanze, panipopituitarismo anteriore, insufficienza corticosurrenale;

  • quelle dell’apparato cardiocircolatorio: aritmie, coronaropatie, miocardiopatia con insufficienza cardiaca grave o gravissima, trapianto cardiaco complicato, valvulopatie di grado severo, difetti interatriali e interventricolari, pervietà del dotto arterioso, pericardite cronica, cardiopatia ipertensiva, aneurisma dell’aorta toracica o addominale, arteriopatia ostruttiva cronica;

  • quelle dell’apparato respiratorio: bpc asmatiche, bpc ostruttive, bpc restrittive, interstiziopatie, trapianto di polmone complicato;

  • quelle osteoarticolari e locomotorie: agenesia completa bilaterale degli arti superiori, amputazione o perdita di entrambe le mani, delle cosce o di cosce e gambe.

Legge 104, ecco la lista delle patologie per richiederla e tutte le agevolazioni previste

L’elenco delle patologie per richiedere le agevolazioni della Legge 104 si completa così.

Danno diritto alla Legge 104:

  • perdita totale o parziale delle labbra;

  • scalpo totale;

  • cheilognatopalatoschisi non corretta;

  • amputazione della lingua;

  • perdita totale o parziale delle labbra;

  • scalpo totale;

  • cheilognatopalatoschisi non corretta;

  • amputazione della lingua;

  • sordità grave bilaterale;

  • ipovisione grave o cecità;

  • salpingo-ovariectomia bilaterale o isterectomia radicale in epoca prepuberale;

  • castrazione o evirazione completa in età prepubere;

  • neoplasie;

  • patologie reumatiche: artrite reumatoide, artrosi;

  • infezione da HIV;

  • talassemia Major;

  • psoriasi

  • malattie rare: fibrosi cistica, osteogenesi imperfetta, sindrome di down, sindrome di patau, di edward, trisomia 9, monosomia 5p, oloprosencefalia alobare o semilobare, sindrome di Cornelia de Lange con ritardo mentale, malattia di Wilson con complicanze, emocromatosi ereditaria omozigote con complicanze, malattia di Huntington con gravi disturbi motori e/o demenza, sindrome di Alport complicata, adrenoleucodistrofia, sclerosi tuberosa complicata, malattia di Behcet complicata.

Tutte le patologie indicate devono essere di tipo grave o gravissimo, e procurare una percentuale d’invalidità superiore a una certa soglia.

Quali agevolazioni prevede?

La Legge 104 da diritto, per le persone con una disabilità grave e accertata, e i loro familiari, a:

  • congedo straordinario per una durata massima di due anni;

  • permessi mensili retribuiti: il lavoratore con disabilità ha diritto mensilmente a due ore di permesso giornaliero o tre giorni (successivi o frazionati), mentre al caregiver spettano tre giorni al mese;

  • sede di lavoro e trasferimento: è possibile scegliere la sede di lavoro più vicina alla persona da assistere e i fruitori non possono essere trasferiti senza consenso presso altre sedi.