Congresso Pd 2023, Bonaccini in testa nei circoli. Sarà sfida con Schlein alle Primarie

Congresso Pd 2023, Stefano Bonaccini in testa nei circoli del Pd. Primarie domenica 26 febbraio tra lui e Elly Schlein.

Sarà sfida tra Bonaccini e Schlein per la segreteria del Pd

La commissione nazionale per il congresso del Partito Democratico rende noti i dati ufficiali provenienti dalle commissioni provinciali. Analizziamo il dettaglio dei dati emersi per una sfida che a questo punto con ogni probabilità avrà il suo momento culminante con le Primarie di domenica 26 febbraio tra Stefano Bonaccini ed Elly Schlein.

Sono infatti loro due ad essere ai primi due posti tra i quattro candidati in lizza al congresso del Pd. Ricordiamo che gli altri due sono Gianni Cuperlo e Paola De Micheli. Ecco tutti i dati.

Primarie Pd 2023, i primissimi dati della commissione nazionale diffusi sabato 11 febbraio

Alla data dell’11 febbraio, avevano espresso il loro voto 45430 iscritti.

I risultati sono i seguenti, informa il sito ufficiale del Partito Democratico:

  • Bonaccini 23867 voti, pari al 52,54 %.

  • Schlein 15898 voti, pari al 34,99 %.

  • Cuperlo 3556 voti, pari al 7,83 %

  • De Micheli 2109 voti, pari al 4,64 %.

I dati ufficiali sono ancora parziali e sono resi noti dalla commissione nazionale per il congresso del Partito Democratico.

Le urne si chiuderanno domenica 19 febbraio nel Lazio e in Lombardia visto che questo week end in queste due regioni ci sono le elezioni regionali. I primi due classificati andranno al ballottaggio con le primarie del 26 febbraio, che saranno aperte anche ai non iscritti. Al momento hanno votato 45.430 iscritti.

Primarie Pd 2023, i dati ancora ufficiosi aggiornati al fine settimana

Sky Tg24 pubblica questa mattina, lunedì 13 febbraio, sul suo sito un dato ulteriormente aggiornato. Non sono ancora dati ufficiali diffusi dal Pd ma in base a questi dati pubblicati dal sito dell'emittente satellitare Stefano Bonaccini sembrerebbe in vantaggio di circa 20 punti percentuali sulla sfidante Elly Schleinnella corsa alla nomina di nuovo segretario del Partito Democratico.

Secondo i dati provvisori provenienti dal voto dei circoli, conclusosi ieri sera, il presidente della Regione Emilia-Romagna avrebbe raggiunto il 55% dei consensi, contro il 33% della sfidante. Gli iscritti che hanno votato, secondo questo primo bilancio generale, sono stati 86.145. I congressi si sono tenuti in 2.604 circoli. Cuperlo avrebbe ottenuto il 7,72% e De Micheli il 3,77.

Ancora da conteggiare i voti nei circoli in Lazio e in Lombardia, a causa della proroga, fino a domenica prossima, per la coincidenza con le elezioni regionali.

Diciamo dati in linea per quel che riguarda le percentuali di Bonaccini e Schlein con quelli diffusi sabato dal sito ufficiale del Partito Democratico.

Primarie Pd 2023, le parole di Stefano Bonaccini

Ad un'iniziativa elettorale in Sicilia a Siracusa Stefano Bonaccini ha parlato in questo modo del congresso Pd come riportato dall'Agenzia Ansa:

"Con Veltroni eravamo più di 12 milioni di elettori del Pd. L'ultima elezione ne ha fatto perdere un altro milione e siamo scesi a poco più di 5 milioni. Quindi più che mandare via persone è bene che ognuno di noi si dia da fare per convincerne altri a venire".

Se a chi è stato al Governo del Paese tante volte pur cambiando i Governi o in segretaria nazionale pur cambiando i segretari, chiediamo per una volta di andare in panchina non penso che dobbiamo chiedergli scusa.

"O si torna all'idea della militanza, dove l'importante non è il grado che si ricopre, ma la passione civile e l'etica pubblica per cui si fa politica oppure il Pd non ha futuro – ha continuato Bonaccini - Lo dico perché se divento segretario, non succederà mai più che nessuno del gruppo dirigente non si candidi nei collegi uninominali, cosa che non si era mai vista e che è il primo messaggio drammatico che dai ai cittadini. Non si capisce perché per essere eletti nei comuni, in Regione, persino in Europa, si debba correre mettendoci la faccia e sottoponendosi giustamente al giudizio dei cittadini. Se sei leader lo si vede nel rapporto con il consenso dei territori, non perché te lo indica qualcuno".

Se non cambia la legge elettorale, è un'altra battaglia di Bonaccini, che va riconosciuto è pessima e che i parlamentari cercheranno di cambiare, vi garantisco che la prossima volta in tutta Italia, candidati e candidate del Partito Democratico li sceglierete voi con le primarie.

Elly Schlein e l'appoggio di Pierluigi Bersani: "Grazie di cuore"

Intanto Elly Schlein ieri ha partecipato ad una iniziativa nel suo circolo della Bolognina a Bologna. E ha postato sulle sue pagine social il ringraziamento per le parole di Pierluigi Bersani che ha deciso di appoggiare la sua mozione.

Ecco le frasi di Bersani con Schlein che ha scritto ”Grazie di cuore Pier Luigi per queste parole generose”.

“Elly, scrive Bersani, secondo me può interpretare meglio di chiunque questa esigenza di apertura e dobbiamo dare una mano perché questo possa avvenire e trovare insieme il modo di presentarci con un volto e una politica nuova".

Vedo tanta movida intorno a lei ed è bellissimo questo risveglio di una fiamma di speranza che si riaccende. Mettiamocela tutta: apertura e volontà di fare i conti anche con quello che si è sbagliato. Da fuori si deve vedere che ci strappiamo un po’ la giacca, perché se no non si va da nessuna parte, se no si dà l’idea di una continuità senza riflessione, chiude Bersani.