Decreto Autovelox, la bozza è stata finalmente approvata: cosa prevede

Arriva la stretta per gli automobilisti e i comuni con la nuova bozza del Decreto Autovelox. Ecco cosa prevede e cosa cambierà sulle strade.

Cosa prevede il nuovo Decreto Autovelox? Al termine della Conferenza Stato-Città è arrivato il via libera per nuove disposizioni in merito alla sicurezza stradale, modificando in particolare le norme sui rilevatori di velocità installati sulle strade italiane. Scopriamo tutte le novità.

Cosa prevede la bozza del nuovo Decreto Autovelox: l’accordo tra il ministero, l’ANCI e l’UPI

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT), guidato dal vicepremier e leader della Lega Matteo Salvini, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e l’Unione Province d’Italia (UPI) sono giunti all’accordo per il nuovo Decreto. C’è molta soddisfazione da tutte le parti e il sottosegretario ai trasporti Tullio Ferrante ha dichiarato che con queste nuove norme:

Gli autovelox non dovranno mai più essere utilizzati come bancomat, ma per garantire la sicurezza dei cittadini.

Ciò non significa che il numero di autovelox sarà ridotto, al contrario sono previste nuove installazioni ma con criteri diversi.

Introdotta una distanza minima tra rilevatori di velocità

Passiamo adesso alle novità e tra queste vi è l’introduzione della distanza minima tra un autovelox e l’altro. Le postazioni, sia fisse sia mobili, non si potranno più trovare a distanza ravvicinata tra loro. Esisteranno dunque, come ha spiegato il ministro Salvini, distanze minime per i tratti stradali su cui sono collocati i dispositivi oltre che distanze minime tra gli stessi autovelox.

Questa nuova norma servirà ad evitare continue sanzioni che mirano più alla cassa che alla sicurezza di chi percorre i tratti di strada interessati, evitando tra l’altro che gli automobilisti facciano continui ricorsi per sanzioni prese a distanza di pochi chilometri (spesso anche a distanza di pochi metri).

Dove potranno essere installati gli autovelox e quali limiti dovranno rispettare

Gli autovelox devono essere installati seguendo delle regole precise e non possono essere posizionati in maniera casuale. Possono essere messi in luoghi con alto rischio di incidenti, documentata impossibilità o difficoltà di procedere alla contestazione immediata sulla base delle condizioni strutturali; dove il limite di velocità individuato non sia inferiore di oltre 20 km/h rispetto a quello massimo generalizzato, salvo specifiche e motivate deroghe

Quindi, ad esempio, se il limite massimo sull’autostrada è di 130 km/h, l’autovelox può essere attivato solo se il limite di velocità è impostato a 110 km/h.

Per quanto riguarda le aree urbane, questa norma non è applicabile in quanto non sarà possibile multare per velocità inferiori a 50 km/h. In sostanza, in città non ci saranno sanzioni a meno che non si superi il limite fissato a 50 km/h.

Leggi anche: Colonnine di ricarica per auto elettriche, le regole da rispettare in condominio

Felice Emmanuele Paolo de Chiara
Felice Emmanuele Paolo de Chiara
Redattore, classe 1994. Sono nato a Napoli ma ho vissuto un po’ in Toscana dove mi sono laureato in Scienze politiche e relazioni internazionali presso l’Università degli Studi di Siena e un po’ a Milano dove mi sono specializzato in Cooperazione Internazionale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Sono appassionato di politica, attualità, sport (grande tifoso del Napoli), cinema e libri. Nel tempo libero mi dedico alla scrittura di racconti e quando ho tempo viaggio.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate