Elezioni, Meloni-Salvini a Messina. Sì al Ponte e sfida sui migranti. Poi la foto insieme

Elezioni Politiche 2022, Meloni-Salvini entrambi in campagna elettorale a Messina. Sì al Ponte e sfida sui migranti. Poi foto social insieme. "Uniti si vince", scrive Matteo Salvini. Ecco le notizie.

Image

Mattinata elettorale in Sicilia a Messina per Matteo Salvini, leader della Lega e Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia.

Intesa tra i due leader e anche con Silvio Berlusconi sul Ponte sullo Stretto invece si registra una certa distanza tra Meloni e Salvini sulla gestione dell'emergenza immigrati. Meloni insiste sul blocco navale mentre Salvini sostiene che per gli sbarchi dei migranti non servono blocchi, bastano i decreti sicurezza.

Poi foto insieme con tweet di Salvini "Lasciamo alla sinistra divisioni, rabbia e polemiche. Uniti si vince". "La migliore risposta alle invenzioni della sinistra su presunte divisioni". Così Giorgia Meloni ha commentato la foto postata da Matteo Salvini. 

Ecco le notizie politiche della giornata.

Elezioni 2022, Meloni: ”Vadano pure avanti ad attaccarci con polemiche pretestuose, noi continueremo a parlare dei nostri programmi”

Meloni continua la sua campagna elettorale e sui suoi social scrive: 

Vadano pure avanti ad attaccarci e a inseguirci con polemiche pretestuose, noi continueremo a parlare dei nostri programmi per risollevare l’Italia. 

Lavoro, sicurezza, taglio del cuneo fiscale, sostegno alle famiglie e alle imprese, bollette, rincari: questi sono i temi che ci interessa affrontare. I disperati tentativi di demonizzare gli avversari - forse per distogliere l’attenzione da una mancanza di idee e programmi - li lasciamo alla sinistra. 

"Noi siamo pronti a ridare forza e speranza all’Italia”.

Elezioni 2022, le due linee di Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Blocco navale contro Decreti sicurezza

Le stategie su come affrontare l'immigrazione marcano una differenza nel centrodestra. Gli sbarchi a Lampedusa proseguono e la tematica immigrazione sarà prioritaria nell'agenda del "possibile" futuro governo del centrodestra. Nella giornata di ieri Giorgia Meloni ha puntato sul blocco navale e sugli accordi con gli altri stati per difendere i confini. 

Continuo a pensare - ha detto Meloni - che la cosa più seria da fare sia una missione europea per bloccare le partenze in collaborazione con le autorità libiche e quindi quello che si dice sul blocco navale come atto di guerra in realtà è una fake news

"La richiesta di una missione europea per stabilire in Africa chi ha diritto ad essere rifugiato e distribuire solo i rifugiati, potrebbe essere più seriamente presa rispetto alla pretesa del governo italiano di fare entrare migliaia di migranti irregolari, che le altre nazioni non fanno entrare, e poi chiedere agli altri di prenderseli. Io ho fatto una proposta che mi sembra la più sensata di tutti".

Matteo Salvini in mattinata da Messina ha evidenziato che la prima cosa che intende porre nel primo Consiglio dei Ministri post voto sarà il ripristino dei Decreti Sicurezza che, come sottolinea, il leader del Carroccio, hanno funzionato molto bene prima di venire smontati.

Non occorrono i blocchi, basta semplicemente riattivare i decreti sicurezza. In Italia entra chi ha il permesso di entrare, punto. Noi dobbiamo tornare a difendere i confini e a bloccare gli sbarchi e il traffico degli esseri umani. Non serve inventare niente: al primo Cdm, a costo zero, si reintroducono i due decreti sicurezza che hanno perfettamente funzionato per anni. Quando li hanni smontati è tornato il caos.

Elezioni 2022, intesa sul Ponte sullo Stretto. Meloni: ”Grande opportunità”. Salvini: ”Ponte necessario”

Giorgia Meloni parlando ad un appuntamento elettorale a Messina ha evidenziato che il Ponte sullo Stretto rappresenta una grande opportunità.

”Una grande opera – dice Meloni -. La nostra è una civiltà che costruiva ponti in dieci giorni, duemila anni fa, non si capisce perché ora ci mettiamo diecimila anni....per costruire dieci metri". 

Anche Matteo Salvini ritiene fondamentale il Ponte sullo Stretto: 

”È indispensabile, utile, necessario collegare non Messina a Reggio, ma l'Italia all'Europa. Non basta, certo, il ponte, e serve finire le opere infrastrutturali in Sicilia e in Calabria, ma pensate all'immagine dell'Italia nel mondo con un'opera di ingegneria unica. Siccome l'Europa ci dà sempre poco o niente, se ci aiutano a fare quest'opera si quantificano decine di migliaia di posti di lavoro a Messina e a Reggio Calabria. Chi continua a dire di no al ponte è in malafede o altro”.

Elezioni 2022, Meloni parla anche dell'intesa per le Elezioni Regionali su Renato Schifani

Il centrodestra aveva avuto difficoltà anche in vista delle Elezioni Regionali Siciliane che si tengono il 25 settembre contestualmente alle Elezioni Politiche. Prima le incertezze di alcuni alleati del centrodestra su Nello Musumeci, poi il suo passo indietro. Quindi Musumeci non ricandidato e la scelta del centrodestra di puntare su Renato Schifani.

La coalizione in Sicilia – afferma Meloni a Messina  - si compatta su Renato Schifani grazie a Fratelli d'Italia che per il bene dell'unità della coalizione ha fatto un passo indietro con Nello Musumeci che, secondo me, meritava la candidatura. 

Elezioni 2022, Meloni: ”Pronti a tutelare la casa degli italiani”

In mattinata Meloni ha postato sui suoi social anche un messaggio sulla casa.

”La casa è il bene primario attorno alla quale le persone costruiscono il proprio futuro.

Fratelli d’Italia approverà una legge che dirà una cosa semplice: la prima casa non è pignorabile, salvo ovviamente per il mancato pagamento dell’eventuale mutuo ipotecario che grava su di essa e in caso di prolungata morosità nei confronti del condominio.

E approveremo anche un’altra legge che prevede lo sgombero immediato delle occupazioni abusive di abitazioni altrui, senza eccezioni e stratagemmi. 

Ogni proprietario, affittuario, assegnatario di immobile, se subirà l’occupazione abusiva della sua casa, avrà lo Stato al suo fianco. Subito!

"Con FdI al Governo - chiude Meloni - nessuno dovrà più temere di essere sbattuto fuori dalla propria casa”.