Chi era Henry Kissinger: il politico statunitense è morto stanotte all'età di 100 anni

Tra diplomazia e controversie: scopriamo chi era davvero Henry Kissinger.

Henry Kissinger

Chi era Henry Kissinger? Politico e diplomatico statunitense di origine tedesche, è stato uno dei principali protagonisti della storia e della politica contemporanea degli USA e mondiale. Stanotte, verso le 3.00 è deceduto all'età di 100 anni.

Chi era Henry Kissinger: il politico statunitense è morto stanotte all'età di 100 anni

Henry Kissinger è nato in Germania, a Furth, il 27 maggio 1923 da una famiglia di origini ebraiche della Baviera. Dopo l'ascesa di Hitler e la persecuzione degli ebrei, Kissinger si è trasferito prima a Londra e poi negli Stati Uniti d'America, dove si stabilirà definitivamente a New York City.

Insieme al fratello si arruola nell'esercito statunitense e le sue origini tedesche lo rendono utile nelle attività di controspionaggio dell'esercito americano.

Terminata la guerra, Kissinger, si iscrive all'università, per la precisione ad Harvard, dove si laurea e consegue un dottorato in Scienze Politiche. Dopo aver iniziato a lavorare come docente universitario nel 1959, Kissinger decide anche di entrare a far parte della vita politica statunitense e a lanciarlo fu il miliardario Rockfeller.

Da sempre repubblicano, Henry Kissinger ha collaborato con diversi presidenti come Lyndon Johnson, Richard Nixon e Gerald Ford. Con tutte e tre le amministrazioni si è occupato principalmente di correggere gli errori del conflitto in Vietnam e di accelerare il disimpiego delle truppe mediando anche con l'Unione Sovietica e la Cina. Durante l'amministrazione Nixon e Ford, Kissinger è stato Segretario di Stato dal 1973 al 1977 e Consigliere per la sicurezza nazionale dal 1969 al 1975.

Henry Kissinger ha avuto un ruolo fondamentale anche nella guerra del Kippur. In quell'occasione si occupò di negoziare la pace tra Israele ed Egitto siglata dagli accordi di Camp David e di ripristinare le relazioni bilaterali tra l'Egitto e gli Stati Uniti.

Kissinger ha avuto un ruolo fondamentale anche negli accordi SALT-1 e SALT-2 che prevedevano la limitazione di armi strategiche e nucleari.

Il rapporto con il potere, la freddezza e le controversie

La giornalista e scrittrice italiana Oriana Fallaci ebbe l'onore, nel 1972, di intervistare Henry Kissinger. Per ogni domanda posta dalla giornalista, Kissinger mantenne quasi sempre la stessa espressione e le sue risposte furono di un cinismo e di una freddezza spaventose. Verso la fine dell'intervista, infatti, la Fallaci affermò:

Mio Dio: se metto da parte Machiavelli, il primo personaggio con cui mi viene naturale associarla è quello di un matematico freddo, controllato fino allo spasimo. Mi sbaglierò, ma lei è un uomo molto freddo, dottor Kissinger.

Kissinger, inoltre, è sempre stato un uomo attaccato quasi morbosamente al potere. Egli stesso dichiarò, parlando di Nixon:

Sono stato contro di lui in ben tre elezioni.

Eppure, nonostante ciò, divenne il suo consigliere più fedele e sposò quasi completamente la sua politica.

Henry Kissinger è stato un politico molto controverso. Nel 1973 fu accusato di aver appoggiato il golpe cileno ai danni di Salvador Allende grazie al quale Augusto Pinochet ottenne il potere in Cile.

L'anno successivo appoggiò anche l'insurrezione anticomunista in Angola e in Mozambico, entrambi Paesi africani ex colonie portoghesi.

Nel 1975, invece, Kissinger, dopo aver incontrato il leader indonesiano Suharto a Giacarta, approvò l'invasione del Timor Est.

Leggi anche: Usa: eletto il nuovo speaker della Camera