In arrivo un altro sciopero generale ad aprile: ecco la data e i servizi a rischio

Con tre macro obiettivi, Cgil e Uil hanno proclamato uno sciopero generale ad aprile nel settore privato e una manifestazione a Roma.

Cgil e Uil hanno proclamato uno sciopero generale di 4 ore per tutti i settori privati nella prima metà di aprile, appena dopo le vacanze pasquali. Particolarmente coinvolto il settore dell’edilizia dove i lavoratori che aderiranno all’agitazione incroceranno le braccia per 8 ore.

Seguiranno poi due grandi manifestazioni, una a Roma sulla sicurezza nel lavoro e l’altra a Napoli contro l’autonomia differenziata. Inoltre, l’assemblea della confederazione di Corso Italia ha approvato i quattro quesiti referendari – già annunciati da Landini nelle scorse settimane -in materia di tutela contro i licenziamenti illegittimi, per il superamento della precarietà e la sicurezza nel lavoro in appalto. In questo caso senza la Uil che ne condivide le questioni sostanziali ma non la forma del quesito referendario.

Sciopero generale ad aprile: ecco la data scelta dal sindacati

Anticipato alcuni giorni fa dalle dichiarazioni dei rispettivi segretari generali, la Cgil e la Uil hanno proclamato uno sciopero generale di quattro ore per giovedì 11 aprile.

L’agitazione riguarderà tutti settori privati e il particolare quello dell’edilizia che sciopererà per otto ore. Per quanto riguarda la patente a punti nei cantieri introdotta per tentare di ridurre le morti e gli incidenti sul lavoro, se da un lato alcuni sindacati come Cisl e Filca-Cisl esprimono “soddisfazione” , dall’altra ribadiscono la necessità di alcuni interventi e soprattutto l’importanza che “le parti sociali lavorino insieme per rendere il provvedimento davvero efficace”.

La richiesta della Commissione di garanzia

Intanto la Commissione di garanzia sugli scioperi ha invitato Cgil e Uil ad escludere dallo sciopero nazionale il trasporto aereo, il personale di cooperative sociali, società e associazioni dei settori socio-sanitari-assistenziali-educativi e di alcune aziende di trasporto pubblico locale in quanto deve essere rispettato un intervallo minimo di 10 giorni tra gli scioperi già proclamati nello stesso settore.

Le ragioni dello sciopero

Le ragioni/obiettivi dello sciopero generale dell’11 aprile in tutti i settori privati si possono raggruppare in tre macro-aree a loro volta suddivise in vari temi:

1- Zero morti sul posto di lavoro: in particolare si richiede un rafforzamento degli obblighi di vigilanza e di una adeguata preparazione/formazione di tutte le lavoratrici e i lavoratori;

2- Una giusta riforma fiscale che secondo i sindacati dovrebbe puntare a ridurre la tassazione sul lavoro dipendente ed i pensionati, tassare le rendite e contrastare l’evasione dei grandi profitti;

3- Un nuovo modello di fare impresa con un accento particolare alla lotta al precariato e la necessità del rinnovo dei contratti nazionali.

Manifestazione nazionale a Roma

Le stesse richieste saranno al centro della manifestazione nazionale organizzata dai sindacati per il 20 aprile a Roma. Ne seguirà un’altra organizzata dalla Cgil a Napoli per sabato 25 maggio, dove, tra le altre richieste, figura la protesta contro l‘autonomia differenziata.

I 4 referendum della Cgil

L’assemblea della Cgil ha anche approvato un’altra iniziativa già anticipata da alcune interviste di Landini nelle scorse settimane. ossia, la volontà di sottoporre ai cittadini 4 referendum legati al tema del lavoro. I primi due riguardano il tema dei licenziamenti, il terzo la reintroduzione delle causali per i contratti a termine mentre il quarto riguarda gli appalti e le responsabilità del committente sugli infortuni sul lavoro. Dopo che i quesiti referendari saranno depositati in Cassazione, i controlli di rito e e la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, partirà la raccolta delle firme.

Vera Monti
Vera Monti
Giornalista pubblicista e precedentemente vice- presidente di un circolo culturale, scrivo di arte e politica - le mie grandi passioni - su varie testate online cercando sempre di trattare ogni argomento in tutte le sue sfaccettature. Ho intervistato vari personaggi della scena artistica nazionale e per Trend online mi occupo principalmente di politica ed economia
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate