Pellet di Girasole vs pellet di legno, chi vince la sfida? Ecco quale conviene tra i 2

Torna l’incubo dei rincari sui prezzi del riscaldamento, ma se cerchi una valida alternativa al pellet di legno, occhio al nuovo pellet di girasole: ecco tra i due biocombustibili chi vince la sfida.

pellet-girasole-conviene

Il caro vita continua a tartassare gli italiani. L’incubo del caro bollette torna a farsi sentire soprattutto dopo gli ultimi rincari attuati da Arera per i clienti gas del mercato tutelato.

Si tratta di un aumento complessivo del 12% per famiglia tipo causato da un aumento del prezzo della spesa per la materia gas naturale, ma anche dall’aumento della spesa per il trasporto e la gestione del contatore.

Attualmente le cifre parlano di una spesa annuale generale per il gas per famiglia tipo di  1.457 euro circa, al lordo delle imposte.

I dati continuano a preoccupare e non poco gli italiani soprattutto con l’arrivo dei primi freddi e per l’incertezza economica che si è abbattuta sui mercati a causa di quotazioni incerte ma anche per il  nuovo conflitto tra Israele e Palestina.

Se tali dati saranno confermati anche nei prossimi giorni, la situazione delle famiglie italiane diventerà ancora più pesante e il governo avrà altri grattacapi da inserire nella prossima manovra finanziaria.

Infatti, sono già previsti nuove misure ed incentivi da parte del governo centrale ma anche le famiglie negli ultimi tempi sono diventate molto più attente al risparmio.

Intanto per evitare di accendere i tradizionali impianti di riscaldamento, molti si sono affidate alle moderne e più efficienti stufe a pellet, le cui vendite sono aumentate negli ultimi anni del 21%.

Ma visti gli aumenti degli scorsi anni del biocombustibile molti hanno la paura che il pellet tradizionale possa ritornare ai livelli dello scorso anno quando un sacco da 15 kg è arrivato a toccare i 22 euro.

Però c’è un alternativa che in pochi conoscono è che permette di risparmiare ancora di più rispetto al tradizionale pellet: si tratta del Pellet di girasole. Ma è veramente cosi conveniente?

Scopriamolo insieme.

Pellet di Girasole vs pellet di legno, ecco quale conviene tra i 2

Manca poco più di un mese a Natale è negli ultimi giorni il calo delle temperature si sta facendo sentire e non poco.

I moderni sistemi di riscaldamento domestico, oggi lasciano un passo indietro il tradizionale riscaldamento per lasciare il posto alle nuove e moderne stufe a pellet.

Il pellet dunque è diventato uno dei protagonisti principali dei nostri inverni: ma non tutti sanno che ne esistono di diverse tipologie.

Partendo da quelli a base legnosa, come quelle di faggio e abete, al nuovo pellet di girasole.

Si tratta di un combustibile organico, con alto potere calorifico e totalmente ecosostenibile, perché è il risultato del prodotto di scarto derivante dall’estrazione dell’olio dei semi di girasole.

Gli stessi subiscono un processo di sminuzzatura e triturazione che li porta ad avere una  forma simile al comune Pellet di legno. ma si differenzia perché è di colore nero.

il prodotto è  adatto alle stufe di ultima generazione, con sistema di pulizia dei bracieri efficiente: questo perché uno degli inconveniente del suo utilizzo è l’elevata produzione di cenere.

Rispetto al pellet di legno è più secco, meno oleoso e non produce cattivi odori se rapportato ad altre biomasse.

E non dimentichiamo, cosa più importante, che con il suo utilizzo si risparmi circa 350 euro a bancale: le sue quotazioni sono intorno ai 4,20 euro al sacco di 15 kg.

Pellet troppo alto, quali sono i vantaggi del Pellet di girasole

Il prezzo del Pellet tradizionale anche se al momento sembra essersi abbassato risulta essere ancora caro secondo i dati diffusi da Aiel: un sacco al momento costerebbe intorno ai 6,19 euro.

Questo sta spingendo molte famiglie ad affidarsi al Pellet di girasole che permette risparmi di circa 350 euro a bancale.

Il costo medio del Pellet di girasole si stima intorno al 20/30% in meno rispetto ai prezzi attuali del Pellet di legno.

Se per un sacco di Pellet di legno da 15 kg oggi si spendono circa 6 euro, per la stessa quantità di Pellet di girasole se ne spendono circa 4,20 euro.  

Ma altri vantaggi del Pellet di girasole sono legati al potere calorifico netto che si attesta intorno ai 4,5 Kw/kg con un’umidità media di circa l’8%.

Ha un bassissimo impatto, con una produzione di CO2 pari allo zero e le prestazioni offerte sono molto elevate rispetto anche al nocciolino ed alla sansa. Risulta molto facile anche la sua gestione e il suo stoccaggio.

Chi lo produce e dove trovarlo

Ma dove si può acquistare il pellet di girasole?

Ad oggi i maggiori produttori sono i Paesi dell’est Europa, Ungheria, Bulgaria, Russia e Romania, e l’Italia non figura in questo elenco.

 Le problematiche relative al suo reperimento potrebbero influire sul prezzo finale ma non in maniera così significativa.

E’ bene affidarsi a commerciante di fiducia ed evitare così brutte sorprese, diffidando da offerte troppo buone perché potrebbe trattarsi di prodotto di bassa qualità che annullerebbero il risparmio.

Per quanto riguarda l’impianto da usare è necessario possedere una caldaia policombustibile quindi se dovete acquistare una nuova stufa optate per una stufa policombustibile.