Fentanyl, gli effetti sul corpo di una delle droghe più letali: ecco il piano del Governo

Il fentanyl è al centro di un mercato illegale e pericolosissimo: ecco gli effetti che ha sul corpo e qual è il piano pensato dal Governo italiano.

Il fentanyl è un analgesico, appartenente alla classe degli oppioidi, che viene prodotto da sintesi chimica. Infatti, a differenza di altre sostanze appartenenti alla stessa famiglia, come l’eroina e la morfina, viene completamente sintetizzato in laboratorio. Quindi, non è necessario estrarre l’oppio dai baccelli di papavero per ottenerlo.

Il fentanyl fu sintetizzato per la prima volta nel 1960 da Paul Janssen e, sin da subito, si è rivelato uno degli antidolorifici più efficaci mai utilizzati. Per questo motivo, viene impiegato ancora oggi in campo medico, per contrastare i dolori più profondi di alcune patologie.

Se assunto in autonomia, senza seguire le indicazioni di uno specialista, può provocare dipendenza e avere conseguenze molto serie sull’organismo. Scopriamo quindi quali sono gli effetti del fentanyl sul corpo e come si sta muovendo il Governo italiano per contrastarne la diffusione nel nostro Paese.

In questo articolo riportiamo le domande e risposte più chieste dalla nostra comunità.

Sommario:

  1. 1.

    Fentanyl, gli effetti sul corpo

  2. 2.

    Quando viene prescritto il fentanyl?

  3. 3.

    Quanto dura l’astinenza da fentanyl?

  4. 4.

    Il piano di prevenzione contro il fentanyl del Governo italiano

Fentanyl, gli effetti sul corpo

Il fentanyl è una sostanza liposolubile, che si scioglie nei grassi con molta rapidità. Questa sua capacità gli permette di penetrare nel cervello molto velocemente, provocando immediatamente nel consumatore un senso di rilassamento e intorpidimento.

Il fentanyl, che è circa 100 volte più potente della morfina, oltre a interrompere l’impulso doloroso, interviene nel rilascio della dopamina, il neurotrasmettitore della ricompensa, scaturendo a chi lo assume sensazioni di benessere ed euforia.

Queste sensazioni piacevoli possono spingere il consumatore ad assumere una dose dopo l’altra, creando quindi assuefazione al corpo. Infatti, più si assume la sostanza più l’organismo ne diventa tollerante, e per avere gli effetti delle prime volte, è necessario aumentare le dosi di assunzione.

Quando viene prescritto il fentanyl?

Il fentanyl, per le sue eccellenti proprietà analgesiche, è prescritto per contrastare il dolore intenso nei pazienti oncologici, sia quello cronico sia quello episodico. Inoltre, viene impiegato in campo anestetico prima degli interventi chirurgici e come sedativo e/o antidolorifico post-operatorio.

La sua assunzione può avvenire sostanzialmente in ogni modo. Infatti, può essere ingerito in pasticche o anche iniettato, fumato e sniffato. Può essere assunto anche tramite cerotti transdermici, ovvero dei dispositivi medici che vengono applicati sulla pelle e rilasciano la sostanza gradualmente.

Simultaneamente all’utilizzo medico e farmaceutico, attorno al fentanyl si è costruito un mercato illegale, con conseguenze davvero tragiche. Basti pensare che nel 2021 il 90% dei circa 80.000 decessi correlati agli oppiacei negli Stati Uniti è stato provocato dalla sua assunzione.

Quanto dura l’astinenza da fentanyl?

Sviluppata la dipendenza da fentanyl, se si interrompe l’assunzione della sostanza possono insorgere delle crisi di astinenza, che provocano nell’individuo diversi sintomi. Tra questi, possono insorgere:

  • nervosismo

  • vertigini e stordimento

  • dolori muscolari

  • insonnia

  • ansia

  • nausea e vomito

  • stati depressivi

I sintomi di astinenza generalmente iniziano circa tra le due e le quattro ore dopo l’ultimo utilizzo e raggiungono il picco entro due o quattro giorni, per poi attenuarsi dopo una settimana o dieci giorni.

Invece, per coloro che usano un cerotto transdermico, essendo a rilascio prolungato, ci vuole più tempo perché la crisi di astinenza inizi. I sintomi si presentano circa 24 ore dopo la sua rimozione e potrebbero protrarsi per oltre dieci giorni.

La durata dell’astinenza dipende poi dalla salute generale dell’individuo, da quanto tempo la droga è stata consumata e in quali quantità.

Il piano di prevenzione contro il fentanyl del Governo italiano

L’11 marzo 2024 il Governo italiano ha annunciato l’adozione di un “piano nazionale di prevenzione contro l’uso improprio di fentanyl e di altri oppioidi sintetici”.

Il piano punta a diffondere una maggiore consapevolezza nei cittadini sui rischi legati all’assunzione della sostanza e a incrementare i controlli sul commercio dei «precursori» delle droghe, ossia le sostanze chimiche con cui si possono produrre nei laboratori le droghe sintetiche, proprio come il fentanyl.

Redazione Trend-online.com
Redazione Trend-online.com
Di seguito gli articoli pubblicati dalla Redazione di Trend-online. Per conoscere i singoli autori visita la pagina Redazione Trend-online.com
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate