Serie tv italiane, quali sono le migliori 4 più recenti che devi assolutamente vedere

Le serie tv italiane più belle sono quelle che raccontano la realtà sotto diversi punti di vista. Quelle migliori più recenti sono 4 e alcune di queste hanno colpito così tanto il pubblico da arrivare ad essere potenzialmente trasmesse anche all'estero.

Image

Dalle soap operas alle fiction per quanto riguarda la serialità l'Italia non ha mai avuto nulla da invidiare alle più grandi produzioni estere. Ultimamente però, alcune delle serie tv prodotte nel Bel Paese si stanno rivelando essere dei veri e propri gioiellini dell'arte della cinematografia. Abbiamo selezionato per voi le 5 più recenti che hanno riscosso grande successo tra il pubblico.

Serie tv italiane, le nuove generazioni e l'eredità di quelle passate

Spesso si tende a vedere prodotti audiovisivi del passato come unici e inimitabili, che difficilmente troveranno un degno erede in futuro. Pensiero che non può essere più sbagliato di così. Le nuove generazioni di talenti infatti ci stanno sorprendendo con prodotti davvero unici che, in alcuni casi, hanno anche attirato l'attenzione di altri Paesi.

Altri casi invece sono ben più "datati", ma sono risaliti all'attenzione del pubblico grazie allo streaming e alla diffusione dei meme attraverso i social network più visitati dall'utenza del web. Un piccolo dettaglio che li ha resi, di fatto, immortali

Come nel caso di Boris serie tv andata in onda dal 2007 al 2010 che ha nel cast alcuni degli attori italiani più celebri come Francesco Pannofino. La seconda inoltre, la ritroviamo protagonista in una delle serie della nostra lista.

Le 4 più recenti che hanno riscosso maggior consenso

Ci strappano un sorriso, ci regalano citazioni che sono piccole perle, ma fanno anche riflettere. Anzi, fanno soprattutto questo. Sono le 4 serie tv tra le più apprezzate dal pubblico italiano e non solo, realizzate dal 2018 in poi.

Se ad agosto non andate in vacanza potreste sempre lasciare viaggiare la vostra immaginazione immergendovi in queste storie o, se le avete già viste, potreste riguardarle con una consapevolezza maggiore in attesa delle nuove stagioni. Stiamo parlando di:

  • Blanca
  • Strappare lungo i bordi
  • Skam Italia 
  • Mare Fuori

In questo articolo cerchiamo di raccontarvele una per una, cercando di capire il perché di tanto successo.

Da Blanca a Strappare lungo i bordi: i limiti da superare raccontati tra ilarità e commozione

Blanca e Strappare lungo i bordi raccontano con tecniche diverse diversi aspetti della realtà. Nel primo caso viene narrata la storia di Blanca Ferrando (interpretata da Maria Chiara Giannetta), giovane consulente della polizia specializzata nella decodifica dei file audio sempre accompagnata dal suo cane guida Linneo.

Caratteristica della protagonista infatti è quella di essere divenuta cieca a 12 anni dopo un tragico incendio. Blanca ci spinge a guardare le disabilità sotto un'altra prospettiva, ci dice che ci sono altri modi per superare i limiti che ci sono stati imposti e raggiungere così i nostri sogni.

Strappare lungo i bordi invece è una "prima volta" per il celebre fumettista Zerocalcare, che anima i propri disegni per Netflix. Con questa serie animata ambientata nell'universo narrativo che i suoi lettori già conoscono, l'illustratore disegna e racconta con il proprio accento romano le piccole gioie e le grandi preoccupazioni di quelli della sua generazione.

Un viaggio molto particolare. Non si tratta infatti di una semplice gita in treno, ma di un percorso sul viale dei ricordi, con una destinazione che, possiamo dirlo, vi bloccherà il fiato in gola.

Menzione speciale in questo caso va fatta anche alla colonna sonora con la celebre sigla scritta dal cantautore Giancane e la presenza all'interno delle puntate dei successi di artisti famosissimi nostrani e stranieri, tra cui Tiziano Ferro, Ron, Manu Chao e Billy Idol.

I casi di Skam Italia e Mare Fuori

Ogni generazione ha le proprie peculiarità che le distinguono da quelle precedenti. Ci sono casi però in cui gli errori dei grandi si ripercuotono sulle vite dei figli, perché se è vero che un ragazzo, crescendo, diventa artefice del proprio destino è anche vero che se non tutto, tanto dipende dal contesto in cui questo nasce.

E si sa, anche se a guardarla con gli occhi degli adulti si può fare l'errore di giudicarlo non così tanto drammatico, il periodo dell'adolescenza per chi si ritrova a viverlo è forse quello più delicato di tutta l'esistenza. Proprio qui infatti prendono forma i primi amori, le prime amicizie ma anche i primi dolori e i primi traumi che condizioneranno il resto della vita.

Skam Italia, rifacimento della serie originale norvegese, racconta le storie degli studenti di un liceo romano e ci mostra uno spaccato di diverse realtà. Qui si affrontano tematiche come la sessualità, il coming-out, il bullismo, la discriminazione ma anche la religione.

Anche gli adolescenti protagonisti di Mare Fuori rappresentano una realtà tutta italiana di cui si parla sempre troppo poco. La serie tv raccoglie un cast di giovani talenti che prestano i propri volti ai ragazzi rinchiusi all'IPM (istituto penitenziario minorile) di Napoli.

Alcuni di questi si trovano lì per omicidi ingiustificati, altri ancora per incidenti che hanno causato la morte di altre persone, molti però sono appartenenti a famiglie mafiose tra le più potenti della città.

Anche in questo caso è doveroso fare una menzione alla colonna sonora, con il bellissimo brano 'O Mar For, che fa da sigla alla serie, scritta dal cantautore napoletano Raiz e interpretata da Matteo Paolillo (Edoardo nella serie).

Entrambe le serie tv inoltre hanno superato i confini italiani. Se infatti sembra che Skam Italia sia stata tradotta non ufficialmente in diverse lingue dai fan, i diritti di Mare Fuori sarebbero invece già stati venduti a diverse Nazioni, tra cui la Svezia e l'America Latina.