Roland Garros: Nadal per blindare un record già imbattibile

Tennis, è quindi tra lo spagnolo Rafael Nadal e il norvegese Casper Ruud la finale del Roland Garros maschile 2022. Nadal punta al 14esimo titolo a Parigi. Si gioca domenica 5 giugno. Scopri tutto nell'articolo.

Image

E' quindi tra lo spagnolo Rafael Nadal e il norvegese Casper Ruud la finale del Roland Garros edizione maschile 2022. 

Se la parte alta del tabellone era molto agguerrita e alla fine Nadal si è qualificato per la finale, la parte bassa invece ha visto diversi giocatori tradire le attese, Tsitisipas su tutti, e quindi si assiste alla prima finale slam della storia che sarà giocata da un tennista norvegese.

I numeri di Nadal sono invece impressionanti: ha già vinto il Roland Garros, il torneo di tennis più importante del mondo su terra battuta, 13 volte e cerca l'affermazione numero 14. E per lui sarebbe anche il successo numero 22 in un torneo del Grande Slam.

Roland Garros 2022 finale Nadal-Ruud: Nadal per migliorare una statistica impressionante

Nadal va in campo per migliorare un record che nei fatti è già imbattibile attualmente e difficilmente verrà superato in futuro.

Tra i tantissimi record che hanno realizzato i tre fenomeni dell'era contemporanea del tennis, ovvero Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal, ce n'è uno da parte di Nadal che è il più impressionante di tutti.

Nadal ha vinto 21 titoli del Grande slam ma per ben 13 volte il Roland Garros. Difficile che in futuro si possa assistere ad un giocatore in grado di vincere un torneo del Grande slam, qualunque sia tra Australian Open, Roland Garros, Wimbledon e Us Open, per 13 volte.

Veramente improbabile che questo record a breve possa essere battuto. 

Qualcuno potrebbe osservare che Nole Djokovic ha nove successi in Australia: tutto vero ma vincere altre 4 volte Melbourne nei prossimi anni non è scontato.

Ma non è tutto: perchè Nadal che ha compiuto 36 anni venerdì, ha una possibilità enorme domenica 5 giugno di blindarlo ulteriormente questo record e arrivare a 14 Roland Garros vinti e 22 tornei del Grande slam complessivi.

Roland Garros 2022, finale Nadal-Ruud: nessun precedente tra i due tennisti a livello Atp

La cosa curiosa è che Nadal e Ruud non si sono mai incontrati in una partita ufficiale a livello di circuito Atp. La finale di domenica al Roland Garros tra il 36enne tennista spagnolo e il 23enne tennista norvegese sarà la loro prima sfida ufficiale in una competizione Atp.

Nadal ovviamente è largamente favorito e se si guardano numeri e statistiche Ruud non avrebbe grandi possibilità.

Nadal cerca il 14esimo titolo al Roland Garros, punta al 22esimo slam in carriera che lo distanzierebbe ancora di più da Novak Djokovic e Roger Federer che al momento sono fermi a 20 slam conquistati in carriera. Ruud è alla prima finale slam in carriera e ovviamente cerca di conquistare il suo primo titolo del Grande Slam.

Per dare un'idea della differenza al momento di curriculum tra i due giocatori: se Ruud è alla sua prima finale slam in assoluto Nadal è alla finale slam numero 30 con 21 vittorie e 8 sconfitte nelle 29 finali slam giocate fino a questo momento.

Roland Garros 2022: Ruud è figlio d'arte, il padre è tennista e allenatore

Se di Nadal ormai si sa praticamente tutto qualche parola in più va spesa per Ruud che quando non è in giro per tornei fa spesso base alla Rafael Nadal Academy di Maiorca per allenarsi.

Casper Ruud è figlio di Christian che è stato a sua volta tennista professionista ed è il suo allenatore. Ruud è il primo norvegese ad aver vinto un torneo ATP e ad essere entrato tra i primi dieci del mondo.

Ed ora, per lui che si esprime al meglio sulla terra battuta, ci sarebbe da fare l'impresa più complicata nella storia del tennis.

Ovvero quella di battere Nadal sulla terra battuta del Philippe Chatrier del Roland Garros. E come se non bastasse batterlo in finale cosa che a Parigi non è mai riuscita a nessuno. Nadal infatti è alla quattordicesima finale al Roland Garros e ha vinto tutte le precedenti che ha giocato. Come dire se lo spagnolo arriva all'atto finale, fino a questo momento, non lo ha mai perso.

Roland Garros 2022: il torneo di Rafael Nadal, Zverev ko in semifinale 

Non appena è stato sorteggiato il tabellone del Roland Garros, si è visto subito che la parte alta era decisamente la più forte.

Novak Djokovic in alto, Rafael Nadal nel suo quarto. Alexander Zverev e Carlos Alcaraz nel secondo quarto. Una situazione sicuramente che lasciava poco spazio a tutti gli altri giocatori.

Nadal non ha avuto problemi nei primi turni quando ha avuto la meglio dell'australiano Thompson al debutto. Poi successo facile al secondo turno in nottura contro il francese Moutet e anche al terzo turno non ci sono stati problemi contro l'olandese Van De Zandschulp.

Il cammino dello spagnolo si è fatto molto complicato da lì in avanti. Sfida in ottavi molto complessa contro Auger Aliassime allenato ora da Toni Nadal, zio di Rafa che lo ha accompagnato per larga parte della sua carriera. Sfida fiume oltre le 4 ore di gioco e vinta da Rafael Nadal in 5 set.

Quel che tutti attendevano era poi la sfida in quarti di finale contro Novak Djokovic.

Non è stata una partita sul livello di tante altre che i due hanno giocato per qualità ma Nadal ha approcciato meglio la gara e ha saputo gestire al meglio tutti i momenti in cui Djokovic sembrava sul punto di prendere in mano il match e farlo girare dalla sua parte.

Nadal non ha mai mollato e dopo oltre 4 ore di gioco ha vinto in 4 set. E' ancora fresca poi la semifinale drammatica contro Alexander Zverev. Dopo due set e oltre 3 ore di gioco punto a punto il tedesco ha subito un infortunio che sembra essere molto grave e ha dovuto ritirarsi prima di iniziare a giocare il tie break del secondo set. E così Nadal è arrivato in finale.

Roland Garros 2022: il torneo del norvegese Ruud, difficoltà contro Lorenzo Sonego

Ruud è stato bravissimo a centrare la finale ed è quello che si è giovato maggiormente delle non ottimali condizioni di Medvedev e Tsitsipas. Ruud ha avuto un primo turno complicato da gestire contro Jo Wilfried Tsonga che era all'ultimo match in carriera e che è stato battuto in 4 set.

Poi successo agevole contro Ruusuvuori mentre al terzo turno il norvegese ha sofferto molto contro Lorenzo Sonego. L'italiano era arrivato a condurre per due set a uno prima di cedere quarto e quinto parziale.

Negli ottavi di finale altro successo in 4 set contro il polacco Hurkacz prima del successo in notturna in quarti di finale contro il giovane danese Rune.

Infine semifinale contro il veterano Marin Cilic battuto in 4 set dopo avere perso il primo parziale. E così Ruud si è guadagnato la sua prima finale slam.

Roland Garros 2022: i pronostici per la finale tutti dalla parte di Nadal 

La finale quindi del Roland Garros vedrà opposta la testa di serie numero 5 Rafael Nadal e la testa di serie numero 8 Casper Ruud. Innegabile come Nadal sia largamente favorito e una vittoria di Ruud sarebbe una delle più grandi sorprese della storia del tennis per quel che riguarda le finali dei tornei del Grande Slam.

Lo spagnolo che chiaramente anche per una questione di età non è più nella sua migliore versione rimane favoritissimo ed è pronto ancora una volta ad alzare la Coppa la seconda domenica sul centrale del Roland Garros.  

C'è una coincidenza anche curiosa dal punto di vista calcistico. Nadal come noto è un grande tifoso del Real Madrid che proprio a Parigi la settimana scorsa ha alzato al cielo - battendo in finale il Liverpool - la quattordicesima Coppa dei Campioni della sua storia.

Nadal, domenica 5 giugno, punta allo stesso modo a "fare 14 a Parigi". Ce la farà?

La partita si gioca domenica 5 giugno alle 15 e sarà trasmessa in Italia da Eurosport e dalla piattaforma Discovery Plus che ha i diritti di trasmissione del Roland Garros.