Intel punta 33 miliardi sull’Europa e 4,5 miliardi in Italia

Intel punta forte sull'Europa ed è pronta a investire 4,5 miliardi anche in Italia. Possibile creazione di 1.500 posti di lavoro (oltre a 3.500 nell'indotto).

Intel punta forte sull’Europa e anticipa investimenti per complessivi 33 miliardi di euro nella Ue, 4,5 miliardi solo in Italia. Il big californiano, che da tempo ha scelto una strategia focalizzata sulla manifattura di semiconduttori (complice anche la crisi dei chip di questi anni), ha annunciato la prima fase di investimenti nella Ue, all’interno di un piano che prevede una spesa complessiva di 80 miliardi nel prossimo decennio. Gran parte degli investimenti sono destinati alla Germania ma nel nostro Paese sono iniziati i negoziati con le autorità per un impianto di produzione back-end all’avanguardia.

Intel punta forte sull’Europa. Investirà 4,5 miliardi solo per l’Italia

Si parla di un investimento potenziale di 4,5 miliardi che potrebbe dare lavoro in Italia a 1.500 addetti (oltre a 3.500 nell’indotto). Il progetto, che dovrebbe essere operativo tra 2025 e 2027, ha come obiettivo fare di questa struttura una delle prime nel suo genere nella Ue, con tecnologie nuove e innovative. Il tutto in aggiunta alle opportunità di crescita che Intel prevede di perseguire in Italia in seguito all’acquisizione di Tower Semiconductor, che ha già una partnership significativa con Stmicroelectronics, attiva con lo storico impianto di Agrate Brianza (nato addirittura nel 1957 con Olivetti, all’epoca la società si chiamava Semiconduttori Sgs).

Dalla Germania all’Italia, Intel punta 33 miliardi sull’Europa digitale

“I nostri investimenti sono un passo importante sia per Intel che per l’Europa“, ha sottolineato il chief executive Pat Gelsinger. “L’Eu Chips Act consentirà alle aziende private e ai governi di collaborare per fare avanzare drasticamente la posizione dell’Europa nel settore dei semiconduttori. L’iniziativa stimolerà l’innovazione di R&S in Europa e porterà la produzione all’avanguardia nella regione a vantaggio dei nostri clienti e partner in tutto il mondo”, ha aggiunto, riferendosi al pacchetto di misure proposte in febbraio dalla Commissione europea, il cui obiettivo è garantire la sicurezza dell’approvvigionamento e la leadership tecnologica della Ue nei semiconduttori.

Intel impegnata a plasmare il futuro digitale della Ue e dell’Italia

Gli altri interventi annunciati martedì da Intel riguardano la costruzione di due nuovi impianti da 17 miliardi di euro a Magdeburgo, in Germania, con l’obiettivo di creare un nuovo hub per i semiconduttori. Altri 12 miliardi saranno destinati all’espansione in Irlanda, a Leixlip, dove il gruppo punta a raddoppiare la superficie produttiva. Sarà invece in Francia, a Plateau de Saclay, il nuovo hub per la ricerca e sviluppo di Intel in Europa. Verrà inoltre aumentato del 50% lo spazio dei laboratori di Gdansk, in Polonia. “Siamo impegnati a svolgere un ruolo essenziale nel plasmare il futuro digitale dell’Europa per i decenni a venire“, ha dichiarato Gelsinger. (Raffaele Rovati)

Redazione Trend-online.com
Redazione Trend-online.com
Di seguito gli articoli pubblicati dalla Redazione di Trend-online. Per conoscere i singoli autori visita la pagina Redazione Trend-online.com
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
765FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate