Bonus psicologo fino al 2024, l’emendamento alla Legge di Bilancio per estenderlo

Il PD chiede di rifinanziare il bonus psicologo anche nel 2023 e nel 2024. Quest’anno su 395.000 domande INPS ne ha accolte solo 40.000.

bonus psicologo legge di bilancio

Sin dalla sua nascita il bonus psicologo non è stato considerato tra le misure fondamentali. Già lo scorso anno, il contributo, che offre la possibilità di coprire le spese per le sedute con uno specialista, era stato introdotto, dopo non pochi intoppi, nel Milleproroghe.

Ora, con la nuova Legge di Bilancio, il cui iter dovrà completarsi entro la fine dell’anno, è il Partito Democratico a presentare un emendamento per rifinanziare la misura anche per i prossimi due anni.

La proposta richiede risorse pari a 25 milioni di euro all’anno, lo stesso finanziamento messo a disposizione per la misura nel 2022 dal governo Draghi.

Nel frattempo, a inizio dicembre INPS ha pubblicato le graduatorie che elencano i beneficiari del bonus psicologo. Su 395.000 domande presentate, sono solo 41.657 le persone che potranno sfruttare il contributo.

Bonus psicologo, l’emendamento alla Legge di Bilancio per rifinanziare la misura

È il Partito Democratico a presentare un emendamento alla Legge di Bilancio per rifinanziare il bonus psicologo e dare la possibilità ai cittadini di farne richiesta anche nel 2023 e nel 2024, con risorse pari a 25 milioni l’anno.

Non solo, perché il PD richiede un ulteriore stanziamento di 20 milioni l’anno per incrementare i servizi di salute mentale e altri 20 milioni nel biennio per reclutare un maggior numero di professionisti sanitari e assistenti sociali. Coperture che, per il PD, dovrebbero arrivare dal Fondo per le esigenze indifferibili.

In sostanza, dunque, per una proroga del bonus psicologo verrebbe messo a disposizione un finanziamento complessivo di 50 milioni di euro (25 per ogni anno), il quale, considerando come sono andate le cose quest’anno, non basterebbe a soddisfare le richieste dei cittadini.

Bonus psicologo, accolta 1 domanda su 10

I cittadini interessati a usufruire del bonus psicologo nel 2022 hanno potuto fare domanda fino al mese di ottobre.

Dal 1° novembre, poi, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha iniziato il processo di istruttoria. I risultati, dopo la pubblicazione delle graduatorie regionali, non sono stati dei più soddisfacenti: sono stati tantissimi i cittadini che hanno richiesto il bonus, le domande ricevute sono state 395.604, ma solo 41.657 sono state accolte.

Le risorse messe a disposizione, dunque, non sono bastate a soddisfare la mole di richieste: quello del bonus psicologo è stato un vero e proprio boom, ma sono pochi i beneficiari che potranno sfruttarlo.

Le graduatorie sono state pubblicate il 9 dicembre (con due giorni di ritardo rispetto alla data indicata in precedenza) e, come specificato dall’Istituto, i richiedenti hanno potuto verificare l’esito delle proprie domande accedendo al sito INPS con SPID, CIE o CNS nel “Punto di accesso alle prestazioni non pensionistiche”.

Bonus psicologo, proroga nel 2023 ed estensione fino al 2024?

La Legge di Bilancio dovrà vedere la luce entro il 31 dicembre 2022. Il tempo stringe e l’esecutivo è ora al lavoro per la scrematura dei moltissimi emendamenti presentati: dalla soglia dei 60 euro per i pagamenti elettronici al nodo sul bonus cultura, dal Superbonus fino allo smart working per i lavoratori fragili.

Da oltre 3.000 gli emendamenti alla Legge di Bilancio sono scesi a 450, di cui 200 da parte dell’opposizione.

I tempi stretti, la coperta corta per la Manovra 2023, la quantità delle proposte, ma anche il semplice fatto che la proposta di un’estensione della misura provenga dall’opposizione, fanno perdere speranza in merito a un’eventuale proroga del bonus psicologo, anche se l’ultima parola non è ancora detta.

D’altra parte, qualora il governo optasse per un’estensione fino al 2024, considerando che l’ammontare delle risorse da mettere in campo sarebbe pari a quelle che hanno portato ai risultati di quest’anno, sarebbero comunque in pochi i cittadini a poter beneficiare dei voucher per le sedute di psicoterapia.

Bonus psicologo, possibili scenari per il 2023

Bisognerà aspettare ancora del tempo per avere informazioni più precise sul destino di una misura che è stata fortemente voluta dai cittadini.

Qualora il bonus psicologo potesse essere richiesto anche nel 2023, come abbiamo visto, non è detto che i requisiti rimangano invariati, ma di certo se non venissero stanziate ulteriori risorse, continuerebbero a essere pochi i beneficiari del contributo.

Anche da questo punto di vista, dunque, i cittadini dovrebbero darsi alla “corsa al bonus”, facendone richiesta non appena possibile.

Nel frattempo, però, c’è ancora una speranza per coloro che hanno fatto richiesta del bonus nel 2022 e hanno controllato l’esito della domanda, scoprendo che la richiesta è stata “non accolta in via provvisoria”.

Si ricorda, infatti, che coloro che hanno visto accolta la propria domanda hanno tempo fino al 7 giugno 2023 per utilizzare il codice univoco dell’INPS. Superata quella data, il bonus viene perso e le risorse vengono riassegnate a coloro che si trovano più in basso nella graduatoria in fase di scorrimento.