Superbonus, stop a sconto in fattura e cessione: arriva la dichiarazione preventiva

Il Governo ha approvato un decreto salva credito per bloccare il Superbonus: stop allo sconto in fattura e alla cessione del credito. Ecco cosa cambia

Nella giornata di martedì 26 marzo, in occasione del Consiglio dei Ministri, il titolare dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha presentato un decreto “fuori sacco” (come si dice il gergo) per apportare ulteriori modifiche al Superbonus 110%, alle cessioni del credito e allo sconto in fattura, forse per l’ultima volta.

Il decreto salva conti pubblici ha posto lo stop allo sconto in fattura e alla cessione del credito sul Superbonus: ecco cosa prevede e cosa cambia.

Superbonus, stop a sconto in fattura e cessione del credito

Giancarlo Giorgetti, il Ministro dell’Economia ha presentato i contenuti del nuovo decreto che va a modificare ennesimamente le regole sul Superbonus: un decreto che non era inserito nell’ordine del giorno, ma che è stato approvato a sorpresa per evitare una corsa alle cessioni del credito soprattutto da parte dei condomini che sperano ancora di poter ottenere l’agevolazione più alta.

Nel decreto salva conti, infatti, è prevista “l’eliminazione delle residue fattispecie per le quali risulta ancora vigente l’esercizio delle opzioni per il cosiddetto sconto in fattura o per la cessione del credito in luogo delle detrazioni”, ha detto Giorgetti.

Il provvedimento dovrà essere ben declinato nel testo finale del decreto in quanto sono ancora molti i cittadini che stanno sfruttando il Superbonus per effettuare dei lavori in casa.

Superbonus 2024: cosa cambia adesso?

Il Superbonus ad oggi è utilizzato soprattutto per l’effettuazione di lavori nelle aree del cratere del terremoto, quelli delle Onlus, i lavori che riguardano le barriere architettoniche per i disabili. 

Non solo: ci sono ancora diversi cantieri che sono stati aperti sfruttando il Superbonus 110% e che ora stanno proseguendo con la detrazione al 70%: in questi casi, probabilmente, i crediti potranno ancora essere ceduti.

Per tutti gli altri, ovvero coloro che vorranno eseguire dei lavori, il pagamento degli stessi dovrà avvenire di tasca propria, senza la possibilità di cedere il credito o di ottenere uno sconto in fattura.

Secondo Federica Brancaccio, presidente dell’Ance (l’associazione dei costruttori), tuttavia, sembra impensabile “che una misura del genere possa riguardare contratti già firmati e riguardare anche aree del terremoto. Dobbiamo quindi aspettare il testo”.

Remissione in bonis e dichiarazione preventiva

Oltre allo stop alla cessione del credito sul Superbonus, salta anche la remissione in bonis con mini sanzioni previste per mancate comunicazioni fino al 15 ottobre. 

Viene introdotta invece la comunicazione preventiva “per avere un monitoraggio anticipato del fenomeno e non solo quando le fattura vengono caricate”. I crediti, inoltre, verranno sottratti prima dai “debiti”, cioè dai ruoli iscritti nelle cartelle esattoriali in via definitiva.

E infine una ulteriore limitazione della cessione del credito Ace (Aiuto alla crescita economica riconosciuto alle imprese, ndr) perché, spiegano dal Governo, “abbiamo iniziato a notare un utilizzo fraudolento su questa agevolazione che peraltro è eliminata dalla riforma fiscale”.

Laura Pellegrini
Laura Pellegrini
Redattore, classe 1998.Sono veronese di nascita e milanese d'adozione. Mi sono Laureata in Comunicazione e Società presso l'Università degli Studi di Milano e sono da sempre appassionata di giornalismo e attualità. Entrata nel mondo dell'informazione grazie a uno stage curricolare, ho svolto per due anni l'attività di redattore e social media manager. Attualmente collaboro da remoto con Trend-online, la testata grazie alla quale ho lanciato il mio primo e-book, e con altre testate per la sezione di attualità. La mia ambizione principale è quella di costruire una carriera internazionale.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate