Analisi Oro

Nell’ultimo mese le quotazioni dell’oro hanno recuperato molto terreno, nonostante la recente flessione.

analisi-oro-241122

Nell’ultimo mese le quotazioni dell’oro hanno recuperato molto terreno, nonostante la recente flessione. Trader e investitori ora si stanno chiedendo se dopo la frenata dell’inflazione degli Stati Uniti, come emerso dai dati pubblicati lo scorso 10 novembre, la fase recente rialzista del metallo prezioso possa continuare.

Secondo UBS, “Gli investitori hanno avuto sentimenti contrastanti nei confronti dell’oro nel 2022” per via di forze opposte: l’aumento dei tassi reali e un dollaro USA forte da una parte (due fattori ribassisti), e un’inflazione elevata e alta incertezza macro dall’altra (fattori rialzisti).

Secondo la banca d’affari gli elementi ribassisti verranno meno il prossimo anno. Le stime di UBS indicano una quotazione di 1.800 dollari nel primo trimestre 2023, di 1.825 dollari nel secondo, di 1.875 nel terzo e di 1.900 dollari a fine 2023.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 1.700 dollari con stop loss a 1.670 dollari e obiettivo a 1.800 dollari.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 1.422,3052 NLBNPIT147W8 OPEN END

TURBO LONG 1.516,0500 NLBNPIT126H3 OPEN END

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 1.790 dollari con stop loss a 1.820 dollari e obiettivo a 1.650 dollari.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 2.193,1742 NLBNPIT16NC8 OPEN END

TURBO SHORT 2.105,3626 NLBNPIT12V05 OPEN END