IMU, come accedere all’esenzione per le Forze dell’Ordine e i Militari? I requisiti

È tempo di pagamenti IMU: ma in alcuni casi è possibile accedere all’esenzione per le Forze dell’Ordine. Ecco a chi spettano e come richiederla.

imu-esenzione-forza-dell-ordine

È tempo di pagamenti IMU sulla casa. Milioni di italiani dovranno pagare in queste settimane la tassa sulla casa dell’IMU.

A questo proposito, occorre ricordare che l’ordinamento legislativo riconosce, nei confronti di alcune categorie di cittadini e di lavoratori, una serie di esenzioni IMU. Attraverso il riconoscimento dell’esenzione IMU, quindi, si potrà evitare di pagare le tasse e i tributi predisposti sugli immobili.

Tra le diverse categorie di aventi diritto all’esenzione IMU vi sono anche i lavoratori che rientrano nelle Forze dell’Ordine e i militari.

Vediamo, quindi, in questo articolo, come funziona la domanda per ottenere l’esenzione IMU riconosciuta nei confronti di Forze dell’Ordine e Militari, specificando anche quali sono i requisiti necessari per poter fruire di tale esenzione.

IMU: cos’è questa tassa

Prima di andare a riepilogare le esenzioni IMU che possono essere ottenute da parte dei cittadini che rientrano nella categoria delle Forze dell’Ordine, è importante innanzitutto chiarire di cosa si tratta e come funziona questa tassa.

Come definito dal Dipartimento delle Finanze, l’IMU, ovvero l’Imposta municipale propria, è un’imposta:

dovuta per il possesso di fabbricati, escluse le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9, di aree fabbricabili e di terreni agricoli.

Il pagamento dell’imposta IMU dovrà essere eseguito a parte del proprietario o del titolare di altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie), dal concessionario nel caso di concessione di aree demaniali e dal locatario in caso di leasing.

Tuttavia in alcuni casi è possibile riconoscere alcune esenzioni per il pagamento dell’IMU, qualora sussistano specifiche condizioni. Tra queste casistiche, anche le esenzioni riconosciute nei confronti delle Forze dell’Ordine. 

Esenzione IMU: i requisiti per le Forze dell’Ordine

In riferimento a quanto stabilito dall’articolo numero 2, comma 5, del decreto legge numero 102 del 2013, è stata fissata un’esenzione IMU nei confronti dei soggetti che appartengono alle Forze Armate.

Dunque, sulla base di questo riferimento legislativo, i militari e gli agenti delle Forze dell’Ordine potranno evitare di pagare l’IMU sull’abitazione principale.

Rientrano in questa categoria gli agenti della Polizia di Stato, i Carabinieri, la Guardia di Finanza ma anche altre categorie affini, previste dal Ministero della Difesa e dal dicastero degli Interni.

Leggi anche: Pagamento Imu 2023: ecco quando si paga e come si calcola l'importo della tassa.

Come accedere all’esenzione IMU per le Forze dell’Ordine

Prendendo in considerazione quanto stabilito dal decreto legge del 2013, è possibile anche ricavare una serie di indicazioni di carattere operativo in merito a come accedere all’esenzione IMU prevista per le Forze dell’Ordine.

In questo senso, la data ultima per la presentazione e trasmissione dell’intera documentazione obbligatoria per poter accedere all’esenzione del pagamento della tassa sull’abitazione principale, è quella del 30 giugno dell’anno successivo rispetto a quello per cui viene richiesta l’esenzione.

Questo significa che nei casi in cui il soggetto che rientra nei requisiti prima citati, non provvedere alla trasmissione dei documenti necessari, decade automaticamente l’agevolazione legata all’esenzione IMU.

Potrebbero esserci situazioni in cui un cittadino abbia ricevuto riscontro negativo in merito all’esenzione IMU. Nei casi in cui si ritiene di avere tutte le condizioni necessarie per l’esenzione, è possibile presentare ricorso presso la Corte di giustizia tributaria di primo grado.

La richiesta di accertamento dovrà tuttavia essere trasmessa entro i 60 giorni a partire dalla data in cui si è ricevuta la notifica di avviso.