Multe non pagate: ecco a quanto ammontano gli interessi in caso di ritardi

Scopriamo a quanto ammontano gli interessi delle multe non pagate. Conseguenze drastiche per gli insolventi.

banconote da 50 euro

Le multe sono un vero e proprio danno per le tasche dei trasgressori di norme. Nella maggior parte dei casi le multe sono di natura stradale. Alcuni cittadini spesso non fanno caso ai verbali che ricevono e dimenticano di pagarli diventando insolventi. Sebbene le scadenze abbiano tempi molto lunghi, le persone più distratte vanno incontro a more e nei casi più gravi a sequestri. Scopriamo allora cosa succede a coloro che non pagano le multe e a quanto ammontano gli interessi in caso di ritardi.

Multe non pagate: a quanto ammontano gli interessi in caso di ritardi

Solitamente il limite massimo per pagare una contravvenzione stradale, che sia il superamento del limite di velocità o che sia un parcheggio in divieto di sosta, è stabilito a 60 giorni.

I conducenti dei veicoli sanzionati hanno quindi due mesi per prendere visione dell'indesiderata multa, fare ricorso qualora dovessero ritenere di essere stati ingiustamente sanzionati e infine pagare.

Inoltre, a coloro che pagano la sanzione entro cinque giorni dalla notifica si applicherà anche uno sconto del 30% sul prezzo finale. Insomma, un incentivo a saldare quanto prima le proprie multe.

Nonostante ciò, però, alcuni trasgressori sono soliti non curarsi delle multe ricevute e non saldare i conti con chi di dovere. Cosa succede in questo caso?

Trascorsi i 60 giorni di tempo per pagare la sanzione, alla cifra iniziale da versare si aggiungeranno le more e gli interessi, che sono pari al 10%. Questa percentuale non è mai fissa o applicata una sola volta: l’importo della sanzione, infatti, viene aumentato del 10% per ogni 6 mesi di ritardo.

Se questo non bastasse, le conseguenze di una multa non pagata possono essere anche peggiori. Oltre agli interessi e alle more, allo scadere dei 60 giorni, previo preavviso di 30 giorni, scatterà il sequestro della vettura con la quale si è effettuata l'infrazione.

Come extrema ratio, infine, in caso di mancato pagamento, si provvederà al pignoramento presso terzi dello stipendio o della pensione.

Per evitare dunque queste drastiche conseguenze non vi resta che pagare in tempo le multe nuove ed arretrate.

Come prendere visione delle multe e pagarle

Le multe si possono ricevere in diversi modi, dal classico invio postale alle notifiche telematiche. Nel primo caso sarà allegato un bollettino già compilato che si potrà pagare sia grazie alle app che abbiamo a disposizione sul nostro smartphone sia recandosi fisicamente in qualsiasi ufficio postale. Il pagamento, se effettuato in tempo, potrà essere rateizzato.

Esiste anche un altro metodo per pagare una multa in maniera telematica: basterà accedere con le proprie credenziali al sito dell'agenzia delle entrate. Dopo aver preso visione delle proprie sanzioni, sarà necessario seguire le istruzioni indicate ed effettuare il pagamento.

Leggi anche: Cellulare in auto nuove regole 2023: norme e sanzioni fino a 660€