Ravvedimento speciale: nuova scadenza versamenti entro il 2 aprile 2024

Un emendamento al Decreto Milleproroghe ha spostato i termini della scadenza del ravvedimento speciale al 2 aprile 2024.

Con l’approvazione della legge di conversione del Decreto Milleproroghe, la proroga per il ravvedimento operoso speciale diventa ufficiale.

Il ravvedimento speciale è stato introdotto dalla Legge di bilancio del 2023, in deroga all’ordinario ravvedimento operoso. Viene data la possibilità ai contribuenti di sistemare le irregolarità, le omissioni e le violazioni commesse, effettuando l’adempimento omesso e pagando l’imposta, gli interessi e le sanzioni.

Qual è il vantaggio? Alle sanzioni è applicata una riduzione: dovranno essere pagate in misura pari a un diciottesimo della sanzione base prevista per la violazione commessa. L’emendamento al Milleproroghe permette di usufruire del ravvedimento speciale per le eventuali ancora presenti violazioni nelle dichiarazioni annuali Iva, redditi e Irap del periodo d’imposta 2022.

I tempi sono un po’ stretti: quando scade la possibilità di regolarizzazione delle dichiarazioni?

Cosa si sana con il ravvedimento speciale?

Il Fisco sta diventando sempre più amico dei contribuenti, soprattutto di chi è in debito. Il calendario del ravvedimento speciale è stato ritoccato ancora una volta, permettendo di regolarizzare le violazioni commesse sulle dichiarazioni fiscali validamente presentate relative al periodo d’imposta 2022.

Un emendamento alla legge di conversione del Decreto Milleproroghe, approvata in via definitiva il 21 febbraio, estende la possibilità di applicare questo strumento, fissando una nuova scadenza al 31 marzo 2024. Scadenza che slitta al 2 aprile 2024, cadendo in un giorno festivo. Ricordiamo che il Decreto bollette aveva prorogato al 30 settembre 2023, la scadenza per accedere all’agevolazione della tregua fiscale.

Il Decreto Milleproroghe apriva nuovamente la possibilità di regolarizzare le violazioni attraverso il ravvedimento speciale fino al 20 dicembre. Fino all’emendamento alla legge di conversione del Milleproroghe, che ha previsto una nuova estensione dei termini.

Cosa si può sanare? Il Fisco permette di sanare le eventuali violazioni o omissioni sulle dichiarazioni annuali Iva, Redditi e Irap relative al periodo d’imposta del 2022, validamente presentate entro il 30 novembre 2023. Inoltre, è anche ammessa la possibilità di regolarizzare le dichiarazioni presentate con un ritardo non superiore a 90 giorni e, quindi, entro il 28 febbraio 2024. In questo caso, la violazione può essere sanata con il pagamento di una sanzione pari a 25 euro.

Quindi, il ravvedimento speciale può essere utilizzato per le dichiarazioni relative al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2022 e precedenti ed è perfezionata con il pagamento dell’imposta, degli interessi e delle sanzioni, in misura ridotta a 1/18 del minimo previsto dalla legge.

Non sono sanabili con il ravvedimento speciale le violazioni connesse al quadro RW ai fini monitoraggio fiscale.

Come funziona il ravvedimento speciale?

I contribuenti che intendono avvalersi di questo strumento introdotto nell’ambito della tregua fiscale devono pagare le somme dovute:

  • In un’unica soluzione entro il 31 marzo 2024;

  • In 4 rate di pari importo, con scadenza della prima entro il 31 marzo 2024.

Il termine slitta di due giorni, al 2 aprile 2024, considerando che la scadenza originaria del 31 marzo cade di Pasqua e il giorno successivo è festivo.

Quali sono le rate successive? Le altre tre rate restanti, per chi opta per la rateizzazione, devono essere perfezionate:

  • 1° luglio 2024;

  • 30 settembre 2024;

  • 20 dicembre 2024.

Per tutte e tre le restanti rate, devono essere corrisposti anche interessi del 2%.

Come effettuare il pagamento?

Come abbiamo spiegato, si può optare per il pagamento in un’unica soluzione o per la rateizzazione, in quattro tranches di pari importo.

Nel caso della rateizzazione, sulle rate successive alla prima, sono dovuti anche gli interessi in misura pari al 2%.

Così come previsto dal ravvedimento operoso ordinario, la condizione per regolarizzare le violazioni o omissione è che esse non siano state già contestate, alla data del versamento di quanto dovuto o della prima rata, ovvero il 2 aprile 2024, con:

  • Atto di liquidazione;

  • Accertamento;

  • Recupero;

  • Contestazione;

  • Irrogazione delle sanzioni, comprese le comunicazioni derivanti dai controlli formali delle dichiarazioni.

Cosa succede in caso di mancato pagamento?

Chi decide di fruire del ravvedimento speciale deve provvedere a perfezionare la regolarizzazione con il versamento di quanto dovuto prima o della prima rata entro il 2 aprile 2024. In caso di mancato pagamento anche di una sola delle rate successive alla prima, comporta l’immediata decadenza dal beneficio della rateazione.

La conseguenza è l’iscrizione a ruolo degli importi ancora dovuti, con l’aggiunta di una sanzione del 30% sul residuo e degli interessi del 4% annuo. La cartella di pagamento deve essere notificata entro il 31 dicembre del terzo anno successivo alla decadenza della rateazione. Il non rispetto del termine comporta la decadenza.

Leggi anche: Nuovo ravvedimento operoso speciale, come funziona e per quali debiti

Sara Bellanza
Sara Bellanza
Aspirante storica contemporaneista, classe 1995.Amante della lettura e della scrittura sin dalla tenera età, ho una laurea triennale in Filosofia e Storia e una laurea magistrale in Scienze Storiche, conseguite entrambe presso l’Università della Calabria. Sono autrice di alcune pubblicazioni scientifiche inerenti alla storia contemporanea e alla filosofia: "L'insostenibile leggerezza della storia" e "L’insufficienza del linguaggio metafisico" per la rivista "Filosofi(e)Semiotiche", e "Il movimento comunista nel cosentino" per la "Rivista Calabrese di Storia del '900".Nonostante la formazione prettamente umanistica, la mia curiosità mi ha spinto a conoscere e a informarmi sugli ambiti più disparati. Leggo, scrivo e fotografo, nella speranza di riuscire a raccontare il mondo così come lo vedo io.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate