Lavazza in espansione, presentata un'OPA per MaxiCoffee

Lavazza punta al mercato francese e all'on-line e lo fa con un offerta d'acquisto per il rivenditore online Maxicoffee.

Lavazza punta al mercato Francese e all'on-line

Lavazza, già presente sul mercato Francese da tempo, ha deciso di attuare una strategia di consolidamento della propria posizione in Francia, e per farlo, la sua "prima" mossa è stata un offerta di acquisto per rilevare il 1000% di MaxiCoffee, rivenditore on-line francese multimarca, proprietario di oltre 60 punti vendita fisici nel paese.

Maxicoffee

Maxicoffee è un rivenditore multimarca, proprietario di circa 60 punti vendita, e dei marchi école du café e Concept Store, oltre che di una piattaforma e-commerce, un vero e proprio Amazon del Caffè, operante su tutto il territorio francese.

La società si occupa della rivendita di caffè a 360 gradi, rivolgendosi sia a clienti privati attraverso la vendita al dettaglio, possibile nei negozi fisici e on-line, sia ad attività commerciali come fornitore, attività che viene svolta prevalentemente on-line.

Il capitale della società è attualmente detenuto da due azionisti di maggioranza, il fondatore Christophe Brancato e il gruppo 21Invest, vi sono poi una serie di altri azionisti di minoranza.

Espansione di Lavazza

Il progetto di espansione di Lavazza ha visto diversi episodi negli anni, ma l'offerta di acquisto di MaxiCoffee rappresenta il primo grande investimento del gruppo piemontese in Europa.

L'idea, stando alle dichiarazioni dell'amministratore delegato Antonio Baravalle, è quella di consolidare la posizione del gruppo in Francia, che, sottolinea l'AD, da sempre è un mercato chiave per Lavazza.

L'acquisizione di MaxiCoffee consentirebbe a Lavazza di rafforzare non solo la propria posizione in Francia, attraverso i 60 punti vendita nel paese e partner distributivi, ma anche, di rafforzare la propria posizione on-line, accrescendo il presidio nel mercato B2C/consumer.

Il futuro di Maxicoffe

Baravalle guarda al futuro di Maxicoffee e sottolinea l'interesse di Lavazza a mantenere chiara l'identità di Maxicoffee che, una volta acquisita dal gruppo piemontese, manterrà invariato il proprio modello di Business che si è dimostrato un modello di successo.

L'intento di Lavazza non è solo rilevare Maxicoffee per rafforzare la propria posizione, ma anche aiutare Maxicoffee a sviluppare il pieno potenziale, continuando a crescere ed espandersi sul modello attuale, anche sul piano internazionale.