Chalamania, perché tutti amano Timothée Chalamet? Svelati i 5 motivi

Timothée Chalamet è uno degli attori più talentuosi e più amati degli ultimi anni. Ecco i 7 motivi di questo innamoramento collettivo.

timothée chalamet-perche-piace

Timothée Chalamet, a soli 26 anni, è in grado di suscitare nei fan reazioni da vecchia Hollywood, come è accaduto il giorno della presentazione di Bones and All a Milano, il 15 novembre.

In questa occasione, la folla che si era radunata per l'attore è stata infatti tale da spingere la sicurezza ad annullare il suo red carpet.

Ma cosa rende Timothée Chalamet così speciale, e perché è in corso una sorta di Chalamania (per citare il libro di Billie Oliver)? Ecco i 5 motivi per tutti siamo un po' innamorati di Timothée Chalamet.

I 5 motivi per cui ci piace così tanto Timothée Chalamet

Potremmo andare avanti a parlarne per ore, ma ecco i 5 principali motivi del successo di Timothée Chalamet:

  1. 1.

    Ottime scelte di ruoli.

    Non è facile per un attore così giovane fare sempre la scelta giusta. Ma che si tratti di un agente con i controfiocchi, magari unito a una naturale sensibilità per il mondo del cinema, Timothée Chalamet finora non ha sbagliato un colpo.

    Da capolavori del cinema di fantascienza filosofica, come Interstellar e Dune, a film in costume come The King (in cui interpreta un giovane Enrico V) o Piccole Donne, o l'hollywoodiano Un giorno di pioggia a New York, Chalamet ha infatti saputo ritagliarsi ruoli memorabili, sempre diretto da ottimi registi.

    Fra tutti, il suo ruolo più iconico resta forse quello in Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino (con cui ha lavorato anche in Bones and all, horror romantico sul cannibalismo). Elio, diciassettenne alle prese con il primo amore, è infatti un giovane intelligente, colto e molto sensibile; caratteristiche che, pur con varie declinazioni, hanno anche gli altri personaggi che ha interpretato.

  2. 2.

    Un look audace.

    Come il quasi coetaneo Henry Stiles, Timothée Chalamet non esita ad indossare abiti e a fare scelte di stile che lo collocano pienamente nella generazione gender fluid: basti pensare all'abito rosso fuoco con schiena scoperta indossato a Venezia, o alle gonne che ha portato in altre occasioni.

    Non va poi dimenticato che si tratti dell'unico uomo ad essere comparso da solo sulla copertina di Vogue.

    Chalamet ha inoltre mostrato una certa propensione ai gioielli e agli accessori unici e originali, sfoggiando in più di un'occasione Cartier e Rolex.

  3. 3.

    Non ha paura di prendere posizione.

    Che si sia d'accordo o meno sulla controversa vicenda che ha visto protagonista Woody Allen, Timothée Chalamet non ha esitato un attimo, dopo che sono emerse diverse accuse di molestie al regista, a prendere posizione, e a devolvere il suo compenso a diversi centri anti violenza.

  4. 4.

    Una bellezza unica.

    Su questo punto non c'è molto da dire. Dotato di una bellezza androgina e acerba, Chalamet è sicuramente uno dei sex symbol della sua generazione. Occhi verdi e riccioli ribelli completano il ritratto dell'attore, che unisce una raffinatezza e una grazia tipicamente francesi (grazie al padre) con una disinvoltura pienamente americana (dalla parte di sua madre).

  5. 5.

    Un bravo ragazzo.

    Sia gli attori che i registi che hanno avuto la possibilità di lavorare con Chalamet hanno sempre parlato in ottimi termini della sua professionalità e della correttezza sul set.

    Inoltre, nonostante la fama, Timothée Chalamet si mostra sempre imbarazzato nel momento in cui riceve gli elogi da parte dei colleghi, e mantiene un profilo piuttosto riservato anche sui suoi social, dimostrando di non avere troppa voglia di apparire fuori dal set.

    Infine, in più di un'occasione Timothée ha dato prova di grande dolcezza, come quando ha portato sua sorella alla cerimonia del Golden Globe.

Timothée Chalamet: un amore reciproco nei confronti dei fan

Timothée è anche uno degli attori che più si è mostrato disponibile nei confronti dei fan, senza mai dare prova di snobbismo o di superiorità.

Celebre è rimasto l'episodio del 2019, quando una sua fan, Alankrutha Giridhar, ha viaggiato per ben 3 ore in aereo accanto a lui (da notare che l'attore stava viaggiando in seconda classe), durante le quali i due hanno chiacchierato amabilmente, e Chalamet si è genuinamente interessato ai progetti e alla vita della ragazza, senza nemmeno pretendere che non condividesse il ricordo sui social.

Oppure la notte in cui, alla prima italiana di Chiamami col tuo nome, Timothée Chalamet ballò con alcuni fan nella città di Crema, luogo delle riprese. Non va poi dimenticata la passione di Chalamet per il nostro paese, che lo rende particolarmente simpatico al pubblico italiano (ha studiato un po' di italiano per Chiamami col tuo nome e tifa Roma, andando a sostenere la squadra anche allo stadio).

Insomma, un personaggio che nonostante la fama e la bellezza è riuscito a mantenere una grande semplicità e naturalezza, il perfetto esponente dei valori della generazione Z e un ottimo attore in grado di soddisfare anche i critici più severi: che Chalamania sia.

Leggi anche: Lady Bird: la trama, il significato del film e una spiegazione del finale