All'interno di questa guida, avrai il modo di andare a conoscere e di andare a scoprire tutto quello che riguarda il Business Plan ed, in particolare, i 4 step necessari per redigere un modello di progetto imprenditoriale a prova di bomba!

Nello specifico, andremo a dare, inizialmente, una breve definizione ed andremo a parlare, in particolare, di che cos'è il Business Plan ed andremo a vedere, anche, quale parte sintetizza questo modello di progetto imprenditoriale.

Dopodiché, andremo a parlare di quali sono gli elementi più critici di un Business Plan ed andremo a vedere, anche, quali sono le principali motivazioni per le quali bisogna redigere questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Successivamente, andremo a parlare, invece, di quando va redatto il Business Plan ed andremo a vedere, anche, chi sono i soggetti che sono destinatari di questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

In seguito, andremo a parlare di come si divide il Business Plan ed andremo a vedere, anche, l'argomento centrale di questo breve articolo, ossia quali sono le 4 componenti principali che bisogna necessariamente osservare per riuscire a redigere questo particolare modello di progetto imprenditoriale nel migliore dei modi.

Dopodiché, andremo ad approfondire questo specifico argomento, andando a parlare, anche, di che cosa sono gli allegati che fanno parte di questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Prima di andare a terminare questa mini guida, andremo a parlare, invece, della possibilità di farsi aiutare nella redazione del Business Plan, concentrandoci, dunque, su quali soggetti sono in grado di effettuare questa particolare tipologia di operazione.

Ed infine, per andare a concludere questo breve articolo, andremo a parlare di quanto tempo sia necessario per poter redigere un Business Plan ed andremo a vedere, anche, quanto costa questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Qua sotto potrete trovare un breve video di "Giulio Gaudiano", dove viene spiegato, in una maniera estremamente chiara e previsa, tutto quello che riguarda il Business Plan ed, in particolare, verranno trattate le seguenti tematiche: che cos'è veramente, in che modo può essere utile ad un imprenditore e, soprattutto, che cosa bisogna effettuare per poter fare un buon modello di progetto imprenditoriale.

Cos'è il Business Plan?

Il primo passo che ci appresteremo ad effettuare all'interno di questa breve guida, sarà quello di andare a dare, inizialmente, una breve definizione e di andare a parlare, in particolare, di che cos'è il Business Plan.

Nello specifico, quest'ultimo è una particolare tipologia di documento che sintetizza tutto quello che riguarda un progetto imprenditoriale, sotto i seguenti aspetti:

  • La pianificazione;
  • Il contenuto;
  • Le caratteristiche;
  • La gestione;
  • La comunicazione.

Il Business Plan serve, inoltre, a delineare, sotto l'aspetto economico e sotto l'aspetto finanziario, una determinata strategia e serve a fissare degli obiettivi da perseguire durante il corso della propria attività imprenditoriale.

Quale parte sintetizza l'intero Business Plan?

Dopo aver dato una breve definizione e dopo aver parlato, in particolare, di che cos'è il Business Plan, passiamo adesso a vedere, invece, quale parte sintetizza questo modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, il Business Plan tende a sintetizzare i seguenti fattori legati alla propria attività lavorativa:

  • Le strategie;
  • Gli obiettivi;
  • I mercati di riferimento;
  • Il piano operativo;
  • Le forniture;
  • La logistica;
  • Il marketing;
  • Le vendite.

Quali sono gli elementi più critici di un Business Plan?

Dopo aver parlato di quale parte sintetizza l'intero Business Plan, passiamo adesso a vedere, invece, quali sono gli elementi più critici di questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, questi elementi critici devono essere necessariamente presentati se ci si vuole differenziare dalla concorrenza e se si vuole redigere un buon Business Plan.

All'interno di questo ambito, bisogna descrivere al meglio il prodotto o il servizio che si offre, attraverso la propria attività imprenditoriale e, perciò, occorre analizzare i seguenti fattori:

  • I propri punti di forza ed i propri punti di debolezza;
  • Gli aspetti che permettono di differenziarsi rispetto alle attività concorrenti;
  • Le modalità con le quali la concorrenza affronta gli ostacoli che si pongono durante il corso della propria attività lavorativa.

Perché si fa il Business Plan?

Dopo aver parlato di quali sono gli elementi più critici di un Business Plan, passiamo adesso a vedere, invece, quali sono le principali motivazioni per le quali bisogna redigere questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, lo scopo principale che si intende perseguire andando a redigere un Business Plan è quello di descrivere al meglio la propria attività di impresa e di presentarla, dunque, agli stakeholders, ossia a quei soggetti terzi che in qualche modo sono interessati alla nostra attività.

Quando va redatto il Business Plan?

Dopo aver parlato di quali sono le principali motivazioni per le quali bisogna redigere il Business Plan, passiamo adesso ad approfondire questo specifico argomento, andando a vedere, invece, quando va redatto questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, come abbiamo accennato nel precedente paragrafo, infatti, il Business Plan consente di presentarsi al meglio verso l'esterno, in modo da attirare l'attenzione e da ottenere dei potenziali investitori.

Chi sono i destinatari del Business Plan?

Dopo aver parlato di quando va redatto il Business Plan, passiamo adesso a vedere, invece, chi sono i soggetti che sono destinatari di questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, abbiamo affermato, due paragrafi fa, che il Business Plan viene redatto per gli stakeholders, ossia per quei soggetti terzi che in qualche modo risultano essere legati alla nostra impresa. Ma chi sono realmente questi stakeholders?

Ecco quali sono i soggetti interessati al Business Plan:

  • L'imprenditore stesso;
  • Gli eventuali soci o comproprietari;
  • Collaboratori, dirigenti, funzionari e lavoratori dell'impresa;
  • I propri fornitori o partner commerciali;
  • I potenziali investitori;

Come si divide il Business Plan?

Dopo aver parlato di chi sono i soggetti che sono destinatari del Business Plan, passiamo adesso a vedere, invece, come si divide questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, il Business Plan presenta la seguente struttura e si divide in due parti:

  • La prima parte, cioè quella descrittiva;
  • La seconda parte, ossia quella economica e finanziaria.

Quali sono le 4 componenti principali per un Business Plan a prova di bomba?

Dopo aver parlato di come si divide il Business Plan, passiamo adesso ad approfondire questa specifica tematica, andando a trattare, invece, l'argomento centrale di questo breve articolo, ossia quali sono le 4 componenti principali che bisogna necessariamente osservare per riuscire a redigere questo particolare modello di progetto imprenditoriale nel migliore dei modi.

Nello specifico, ecco le 4 componenti che ti consentono di  redigere un Business Plan a prova di bomba:

  • Un riassunto descrittivo della propria attività imprenditoriale;
  • Il piano di marketing, il quale deve contenere un'analisi del mercato di riferimento, un'analisi della concorrenza e la definizione delle strategie;
  • La descrizione delle biografie delle personalità che consentiranno all'impresa di scalare il successo;
  • Il piano finanziario.

Cosa sono gli allegati del Business Plan?

Dopo aver parlato dell'argomento centrale di questo breve articolo, ossia quali sono le 4 componenti principali che bisogna necessariamente osservare per riuscire a redigere un Business Plan a prova di bomba, passiamo adesso a vedere questa specifica tematica, andando ad approfondire, per l'appunto, il fattore che riguarda che cosa sono gli allegati che fanno parte di questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, gli allegati devono rappresentare e descrivere in maniera approfondita e trasparente il curriculum vitae e la situazione patrimoniale dell'imprenditore e di tutte quelle personalità chiave dell'azienda.

Da chi farsi aiutare per fare il Business Plan?

Dopo aver parlato di che cosa sono gli allegati che fanno parte del Business Plan, passiamo adesso a vedere, invece, la tematica che riguarda la possibilità di farsi aiutare nella redazione di questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, ci andremo a concentrare, dunque, su quali soggetti sono in grado di effettuare questa particolare tipologia di operazione.

Il Business Plan deve essere redatto dall'imprenditore stesso, che è l'unico che sa come rappresentare al meglio la propria attività, ma che può farsi aiutare da:

  • Commercialisti;
  • Associazioni di categoria;
  • Esperti di strategie aziendali;
  • Esperti di finanza.

Quanto tempo ci vuole per fare un Business Plan?

Prima di andare a terminare questo breve articolo e dopo aver parlato della possibilità di farsi aiutare nella redazione del Business Plan, concentrandoci, dunque, su quali soggetti sono in grado di effettuare questa particolare tipologia di operazione;

Passiamo adesso ad approfondire questo specifico argomento, andando a vedere, invece, quanto tempo è necessario per poter redigere questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, per fare un Business Plan ci vogliono almeno 2/3 settimane.

Quanto costa un Business Plan?

Ed infine, per andare a concludere questa breve guida, dopo aver parlato di quanto tempo è necessario per poter redigere un Business Plan, passiamo adesso ad approfondire questo specifico argomento, andando a vedere, invece, quanto costa questo particolare modello di progetto imprenditoriale.

Nello specifico, il prezzo per la redazione di un Business Plan, pensato per una start-up oppure per le piccole imprese, può essere compreso tra i 500 euro e gli 800 euro.

Questo costo sale in base alla complessità della redazione, alla grandezza e all'importanza dell'azienda in questione.