Il passa parola e le campagne pubblicitarie a livello locale possono essere un ottimo modo pe attrarre clienti sul tuo territorio. Tuttavia, la ricerca su Google può avere lo stesso impatto, se non maggiore, sul tuo bacino di utenza. 

Social Media Today ha riscontrato che il 97% delle ricerche sui motori di ricerca come Google, Bing e Yahoo vengono fatte per trovare negozi, bar e ristoranti a livello locale. E il 46% delle ricerche su Google sono volte alla ricerca di informazioni sul territorio di appartenenza dell’utente. 

Il che ci fa capire che – se una piccola impresa non lavora sulla propria SEO locale, potrebbe perdersi montagne di traffico e – di conseguenza, di clienti. Ecco dove entra in gioco il SEO. In questo articolo ti spiegheremo come funziona quello locale, e come sfruttarlo al meglio per la tua start-up! 

Cos’è il SEO locale per le start-up?

Per capire la definizione di SEO locale, dobbiamo prima di tutto comprendere il razionale dietro a una ricerca locale. Si tratta di quell’intento di ricerca volto a trovare aziende, prodotti, servizi o informazioni rilevanti per un territorio specifico. 

Ad esempio “concerti vicino a me” oppure “miglior servizio di traslochi a Torino”. L’intento di ricerca è estremamente specifico, ed i risultati che Google farà comparire saranno altrettanti specifici, andando a favorire le attività locali. 

Quali sono i benefici del SEO locale per la tua start-up?

In altre parole, la ricerca locale è più specifica per un determinato territorio rispetto a quella globale. E il SEO locale si riferisce al processo attraverso il quale la tua visibilità online viene ottimizzata per comparire prevalentemente nei risultati di ricerca di coloro che digitano la tua parola chiave nella tua area di competenza. 

Il SEO locale risulta cruciale perché ti aiuta a: 

  • Incrementare la tua visibilità online verso il pubblico che ti serve
  • Portare più traffico alla tua sede fisica 
  • Portare più traffico rilevante al tuo sito web e alle tue piattaforme social
  • Incrementare la tua credibilità e la fiducia dei clienti verso di te

Risultati di ricerca organici e snack pack: i vantaggi per la tua start-up

Uno dei modi in cui il SEO locale va a incrementare la tua visibilità online è attraverso i risultati “snack pack”. Google ordina i risultati in tre sezioni:

  • Sponsorizzate, in testa alla pagina e con la dicitura “Ad” 
  • Snack Pack, un insieme di business locali con annessa mappa 
  • Risultati organici, ovvero non sponsorizzati ed ordinati attraverso criteri qualitativi e di rilevanza

Sebbene i risultati sponsorizzati siano più prominenti, sono anche più costosi. Gli snack pack no, e potete vederne un’esempio nell’immagine linkata qui. Appaiono come una finestra che va ad evidenziare le tre aziende locali più prominenti nel settore ricercato, andando a superare – a livello di visibilità – i risultati organici, il che li rende estremamente importanti. 

Inoltre, la parte migliore in tutto ciò è che la maggior parte delle ricerche a livello locale non presentano risultati sponsorizzati. Quindi la tua azienda potrebbe posizionarsi al primo posto proprio all’interno di uno snack pack, e diventare il primo risultato. 

I risultati organici andranno a posizionarsi sotto gli snack pack. Quindi anche se dovessi rankare al primo posto nei risultati di ricerca organici, potresti correre il rischio di non essere la prima scelta perché un competitor ti supera negli snack pack. 

Ecco perchè è importantissimo disporre di una strategia SEO locale, così da riuscire s sbaragliare la concorrenza sia nei risultati organici che negli snack pack, andando ad assicurarsi una visibilità completa e incrementando le opportunità di attrarre i clienti giusti. 

6 modi di incrementare il SEO locale per la tua start-up

Concentriamoci ora sulla parte più importante, ovvero come incrementare la SEO locale e migliorare il tuo posizionamento. Ci sono tantissimi modi di farlo, ma vediamo quali sono quelli fondamentali.

1. Crea e ottimizza un profilo su Google My Business

GMB, o Google My Business è essenzialmente la parte più critica della tua strategia SEO. Questo strumento, messo a disposizione da Google gratuitamente, è un elenco simile alle pagine gialle ma online. E si tratta di un fattore determinante che Google considera per posizionare le aziende nella SEO locale. 

Per cominciare, dovrai andare sul sito web Google My Business e creare il tuo profilo. Ti verranno chiesti i seguenti dettagli: 

  • Il nome intero della tua azienda
  • La sede fisica del tuo negozio o del tuo ufficio
  • La posizione esatta sulla mappa
  • La tua categoria di business
  • Il tuo sito web e il tuo numero di telefono 

Una volta pubblicato il tuo profilo, dovrai verificarlo. Di solito Google ti farà una telefonata o ti invierà una cartolina per sincerarsi che la tua azienda esista davvero. Ecco come ottimizzare il tuo profilo GMB dopo averlo verificato: 

  • Caricare più foto possibile della tua azienda, sia all’interno che all’esterno
  • Fornire gli orari di apertura
  • Fornire categorie aggiuntive rilevanti per la tua azienda
  • Fornire informazioni di contatto aggiuntive, se disponibili 

Potrai anche ottimizzare il tuo profilo pubblicando aggiornamenti frequenti e nuovi contenuti regolarmente. Questo ti aiuterà a rimanere in contatto con i tuoi clienti – e potenziali tali – sviluppando con essi una relazione più profonda e incrementando ulteriormente la tua visibilità.

2. Tieni a mente la componente mobile 

Gli smartphones sono ormai parte integrante della nostra quotidianità, ed è naturale che le persone utilizzino i loro per cercare informazioni locali, specie se sono fuori casa e all’ultimo minuto. L’82% dei possessori di smartphone lo hanno utilizzato per ricerche a scopo locale. Il che testimonia quanto le persone utilizzino effettivamente i dispositivi mobili per tutto. 

È quindi fondamentale che tu incontri le esigenze ottimizzando il tuo sito web per tutti i devices. Creare un sito web mobile-friendly è il modo migliore pe attrarre ancora più clienti verso la tua piattaforma, e – di conseguenza – generare più vendite. 

Non dimenticare di aggiungere bottoni CTA sul tuo sito e sul tuo account GMB. Questo può seriamente fare la differenza, perché il 60% degli utenti mobile dichiarano di contattare un’azienda direttamente dai risultati di ricerca. 

3. Raccogli più recensioni possibili 

Il numero di recensioni gioca un ruolo fondamentale nel posizionamento del tuo business nei risultati di ricerca. Quindi, disporre di un buon numero di recensioni autentiche – specialmente quelle positive – potrebbe incrementare la tua visibilità in maniera significativa nella SEO locale. 

Il che significa che dovrai lavorarci su. In questo articolo, parlo di come raccogliere le recensioni in diversi modi. 

Tuttavia, non concentrarti solo sulle recensioni Google, ma cerca di diversificare anche su altri siti web. Il che significa che potrai raccogliere recensioni anche su siti specifici come Tripadvisor, Booking, Foursquare etc., a seconda di quelli più rilevanti per il tuo settore. 

4. Concentrati sulle attività di link building a livello locale

I link vanno ad incrementare l’autorità di un sito web, e questo impatta sul suo posizionamento nei risultati di ricerca. Naturalmente, oltre alla qualità conta anche la qualità, e tutto ciò va a influenzare la tua posizione sia nei risultati organici che negli snack pack. 

Quindi, proprio come per un’ordinaria strategia SEO, anche la SEO locale richiede una buona strategia di link building per spingere il tuo profilo. L’unica differenza, è che dovresti concentrarti su siti web più rilevanti nel tuo specifico territorio. 

Il che significa che dovrai puntare su siti web popolari nella tua area, come ad esempio il sito web del tuo comune, un’agenzia turistica nel tuo territorio etc. Stringi relazioni con altre aziende locali per scambiare backlink e incrementare vicendevolmente la vostra visibilità. 

5. Assicurati che le tue informazioni siano consistenti su ogni piattaforma

Google considera anche il numero di volte in cui la tua azienda viene citata sul web, in particolare il nome, l’indirizzo e il numero di telefono, che dovrebbero essere uguali su tutte le piattaforme. Le tue informazioni dovrebbero quindi essere su ogni sito web rilevante, oltre a GMB. 

Social Media, Tripadvisor, Trivago, Pagine Gialle, Virgilio, ItaliaOnline: pensa a tutti i siti che fungono come “elenchi telefonici” virtuali, e crea una voce per la tua azienda su ciascuno di essi. Naturalmente, tieni in considerazione solo i più utilizzati!  

Ancora più importante, assicurati che le tue informazioni di contatto siano le stesse su tutte le piattaforme e i siti web. Tieni traccia di ciascuno di essi, così da poterli modificare quando necessario, e fai attenzione agli errori di battitura. 

Sfrutta al massimo i social media per la tua start-up 

Il social listening – ovvero l’attività attraverso la quale un’azienda analizza e scandaglia le piattaforme alla ricerca di conversazioni specifiche per il proprio business, settore e competitor – è da sempre utile per raccogliere dati utili alla creazione di strategie di marketing.

Tuttavia, esso potrebbe aiutarti anche a migliorare la tua SEO locale, se sai dove guardare e come sfruttare le informazioni raccolte. 

Utilizza il social listening per scoprire di cosa parlano i locali – sia in merito al tuo settore che in generale. Potresti anche utilizzarlo per raccogliere informazioni sugli interessi del tuo pubblico, priorità e molto altro, a seconda di ciò che ti serve. Dopodichè usa queste informazioni a tuo vantaggio. 

Ad esempio, qualcuno potrebbe lamentarsi su Facebook in merito alla mancanza di bar con posti a sedere all’esterno. In questo caso, se il tuo bar dispone di un dehor, specificalo sul tuo account GMB e sulle tue varie piattaforme social. 

Infine, le tue attività di social listening possono anche aiutarti a capire che tipo di contenuti piacciono al tuo pubblico e in particolare cosa cercano. Tramite le informazioni raccolte, potresti andare a sviluppare una strategia di content marketing robusta e specializzata per incontrare le esigenze dei tuoi clienti e potenziali clienti. Non dimenticare di scoprire quali sono le long-tail keyword per ottimizzare ulteriormente la tua strategia!