Brutta giornata ieri per Campari che è stato colpito da forti vendite, occupando la penultima posizione nel paniere delle blue chips.

Campari in forte calo dopo il rialzo di martedì

Il titolo, dopo aver guadagnato oltre due punti percentuali martedì, ha accusato un forte calo ieri.

Campari si è fermato a 10,305 euro, con un ribasso del 3,78% e volumi di scambio elevati, visto che a fine giornata sono transitate sul mercato oltre 3,3 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 2,7 milioni.

Campari: i conti del 1° trimestre. Il commento di Equita SIM

Il titolo ha perso quota all'indomani dei conti del primo trimestre, chiuso con un utile pre tasse in rialzo del 65% a 107 milioni, mentre il fatturato è salito dl 34% a 535 milioni di euro.

L'ebit adjusted è aumentato del 67% a 114 milioni di euro, mentre il debito è stato pari a 835 milioni di euro.

Gli analisti spiegano che la sorpresa sul fronte organico è quasi interamente spiegata da acquisti anticipati del trade in vista di importanti aumenti prezzo previsti dal secondo trimestre, con impatto in particolare sugli aperitivi e sul mercato italiano.

L'Ebit organico adjusted è salito grazie al maggior fatturato e a migliore tenuta del margine lordo, supportato dal mix, forza degli aperitivi e dell’Italia.

Il debito è stato leggermente più alto, per aumento magazzino in risposta alle tensioni logistiche.

Campari: spunti dalla call

Equita SIM evidenzia anche il buon tono della call, da cui è emerso che gli acquisti anticipati sono attesi riassorbirsi nei prossimi trimestri.

Il secondo trimestre è partito bene e gli analisti pensano che i volumi siano in leggera crescita anno su anno.

La guidance stabile di EBIT margin sull'intero anno è pienamente confermata, puntando compensare l’intensificarsi delle pressioni inflazionistiche con ulteriori aumenti prezzo nel secondo semestre e mix positivo.

Gli analisti di Equita SIM hanno deciso di alzare le stime di fatturato, Ebit e utile 2022 del 4%-3% grazie a forex, mentre le stime organiche rimangono sostanzialmente invariate.

La SIM milanese conferma la view positiva su Campari, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo alzato del 3% a 12,5 euro. 

Campari: diversi broker alzano stime e target

Si sono mossi in maniera analoga anche i colleghi di Bank of America che da una parte hanno ribadito la raccomandazione "buy" e dall'altra hanno incrementato il target price da 12,3 a 13,3 euro. La banca USA ha alzato le stime sulla crescita organica dei ricavi 2022 dal 6,5% all'8,1%.

Ad incrementare il fair value è stata anche Intesa Sanpaolo, passando da 10,9 a 11,6 euro, con un rating "add", sulla scia di una partenza dell'anno inattesa e dell'outlook incoraggiante.

Bullish anche la view di UBS che consiglia di acquistare Campari con un prezzo obiettivo a 14,3 euro, sulla scia della trimestrale forte.

Buone notizie da Banca Akros che da una parte consiglia di accumulare il titolo, con un target price che passa da 11 a 12,3 euro.
Alla luce dei conti dei primi tre mesi dell'anno, gli analisti hanno alzato le stime sui ricavi del 2022 dal 7,5% al 9%.