Ftse Mib fa ben sperare: quali scenari? Eur/Usd buy o sell?

Il Ftse Mib mantiene una buona intonazione e lascia la porta aperta a ulteriori allunghi: ecco fin dove secondo Antonello Marceddu.

ftse mib scenari

Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Antonello Marceddu, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sui principali indici azionari, con una particolare attenzione rivolta a Piazza Affari.

Il Ftse Mib resta poco sotto i massimi di periodo. Come valuta l'attuale fase del mercato e quali i possibili sviluppi nel breve?

Sono ancora convinto che il rialzo sia nelle corde del Ftse Mib, pur prendendo atto della pausa che c'è stata nelle ultime due settimane.

Ricordo che anche io avevo ipotizzato una pausa che probabilmente è solo momentanea, visto che per ora ha prodotto solo un lieve ripiegamento dell'indice, mantenutosi ben sopra i 24.000 punti.

La progressione rialzista potrebbe essere ancora in atto e resto in attesa della chiusura del gap già indicato nell'ultima intervista, con riferimento alla finestra aperta tra il 23 e il 25 febbraio scorsi tra i 25.773 e i 25.955 punti.

Investire non deve essere così difficile. Scopri i piani di risparmio di Scalable Capital.

➔ Attiva piani di risparmio in azioni e in più di 1700 ETF, su cui non pagherai mai commissioni. Puoi anche scegliere di attivare piani di risparmio in crypto.

➔ Scegli il tuo piano di risparmio, l'intervallo d'investimento e la data di esecuzione. Piano di risparmio creato in pochi click!

Con la promozione Scalable tutti i nuovi clienti che apriranno un conto, riceveranno gratuitamente un’azione o un Etf sostenibile.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Se il Ftse Mib dovesse colmare questo gap, potrà spingersi quindi fino ad area 26.000, grande resistenza davvero molto interessante e potente.

Ftse Mib: quali scenari?

La mia view resta positiva e sono ancora fiducioso in una ulteriore salita del Ftse Mib che a mio avviso prima o poi potrà raggiungere la soglia dei 26.000 punti.

Osservando l'indicatore della volatilità si nota che quest'ultima è molto bassa e come sappiamo questo è un segnale che la tranquillità sul mercato può fare solo bene e che un rialzo quindi è ancora possibile.

Euro-Dollaro può salire ancora?

L'euro-dollaro sta provando a salire nuovamente verso quota 1,04 in attesa dei verbali della Fed a breve. Cosa può dirci di questo cross?

Sono positivo anche sull'euro-dollaro, segnalando in primis che la giornata di ieri è stata inside rispetto a quella della vigilia.

Il cross si è portato vicino ai massimi dell'apertura di lunedì e oggi si sta spingendo in avanti, ma c'è un ostacolo con cui fare i conti, ossia i massimi del 10-11 agosto scorso, già visti la scorsa settimana quando c'è stato un avvicinamento di area 1,05 nella giornata del 15 novembre.

Sarà importante la conferma del superamento di quota 1,035 per poter assistere a un primo approdo in area 1,04, oltre la quale ci sarà spazio per salire fino a 1,05.

Questo livello è l'unione di una trendline che collega il minimo del 14 luglio, il massimo del 12 settembre e quello del 15 novembre.

La trendline che si ottiene unendo i tre riferimenti appena indicati dovrebbe fungere un po' da resistenza, ma credo che l'euro-dollaro possa raggiungere quota 1,05.

Non ci sono al momento segnali che possano indicare una frenata delle quotazioni e quindi un cambio del trend in corso, motivo per cui è lecito attendersi ulteriori sviluppi positivi nel breve per il cross.

La view sull'oro

L'oro è tornato sotto quota 1.750 dollari. Si aspetta ulteriori cali nelle prossime sedute?

Sul grafico dell'oro sono presenti delle divergenze "nascoste" che potrebbero portare a una probabile continuazione ribassista del movimento in atto.

In altre parole, per il gold la discesa potrebbe non essere finita e farei attenzione in primis alla tenuta dei 1.730 dollari.

L'eventuale cedimento di tale soglia porterà a un test di area 1.710 dollari, con successivi ripiegamenti fino ai 1.680/1.670 dollari nella peggiore delle ipotesi.

Al momento ritengo poco probabile il raggiungimento di quest'ultima soglia di prezzo, tenendo presente che una discesa fino a 1.710/1.700 dollari non dovrebbe dare teoricamente molto fastidio.

La soglia indicata, infatti, corrisponderebbe a un 50% di Fibonacci, quindi tutto sommato non sarebbe un'ipotesi di disturbo se l'area poc'anzi citata venisse raggiunta.

Potrebbe trattarsi infatti di un supporto da cui eventualmente l'oro avrebbe la possibilità di ripartire al rialzo.