Putin minaccia l’Occidente: ecco cos’ha detto nel suo discorso annuale al Parlamento russo

Si è tenuto il discorso annuale del presidente Vladimir Putin al Parlamento russo, la Duma. Ecco quali sono i punti principali del suo intervento.

Il presidente Putin ha parlato di fronte ai parlamentari russi, ai membri del Governo e agli alti dignitari russi in un centro congressi nei pressi del Gostiny Dvor. Ha affrontato temi caldi riguardo alla situazione in Russia e soprattutto al rapporto della nazione con gli altri stati dell’Occidente. Ecco cosa ha affermato Putin nel suo discorso al Parlamento russo.

Il discorso di Putin al Parlamento Russo

Le elezioni del presidente russo sono fissate tra il 15 e il 17 marzo 2024. Poco prima delle elezioni, il cui unico candidato è l’attuale presidente Vladimir Putin, e a seguito della tumultuosa valanga mediatica che ha colpito la Russia in seguito alla morte del dissidente Navalny, ecco quali sono i punti principali che Putin ha sottolineato nel suo discorso presso la Duma.

La guerra in Ucraina

La Russia non ha iniziato questa guerra, ma faremo di tutto per sradicare il nazismo e per proteggere la sovranità dei nostri cittadini. La Russia continua a lavorare allo sviluppo di armi promettenti che verranno svelate presto.

Queste sono due delle affermazioni più eclatanti e sconvolgenti dell’intero discorso di Putin, incentrato nella prima parte sulla politica estera del Paese. Il presidente fa riferimento ai missili utilizzati nella guerra in Ucraina: i missili Sarmat. Lunghi più di 35 metri e con un peso che supera le 200 tonnellate, può toccare una velocità equivalente a 20 volte quella del suono.

Continua affermando che non intende porre fine alla guerra in Ucraina e, nonostante le perdite, la popolazione continua a sostenere “l’operazione speciale” sul territorio dell’ex repubblica sovietica.

Gli armamenti

I tentativi di un nuovo intervento in Russia rischiano di scatenare un conflitto su larga scala con l’uso di armi nucleari.

Putin ha dichiarato di avere a disposizione le risorse necessarie per poter colpire degli obiettivi al di fuori dell’Europa, facendo un implicito riferimento agli Stati Uniti.

Accusa anche gli stessi di aver condiviso e diffuso false notizie riguardo agli armamenti militari nello spazio. A detta di Putin, si tratta di supposizioni infondate.

Il rapporto con l’Occidente

Tutto ciò che l’Occidente escogita crea la minaccia reale di un conflitto con l’uso delle armi nucleari, e quindi della distruzione della civiltà.

Il presidente continua con la sua strategia di “difesa” e non di “attacco”. Se un conflitto, o peggio un conflitto nucleare, dovesse scoppiare non sarebbe colpa della Russia, che difende ideali di civiltà, ma dell’Occidente avido e capitalista.

L’economia russa

Nel 2023 la Russia è cresciuta a un ritmo superiore a quello globale. Siamo avanzati rispetto ai principali Paesi dell’Unione europea, ma anche a tutti i Paesi del cosiddetto G7.

L’economia russa è la quinta del mondo e in futuro si stima possa diventare la più grande potenza economica. La caduta del Pil nel 2022 sembra essere un lontano ricordo, con una ripresa del bilancio economico dello stato nell’ultimo anno.

Putin, inoltre, ha annunciato dei piani nazionali per raddoppiare il salario minimo a circa 355 euro.

Nuovi incentivi anche alle famiglie con la proposta di raddoppiare le detrazioni fiscali per il primo figlio per un equivalente di circa 28 euro e una detrazione di circa 60 euro per il terzo figlio e quelli successivi.

Redazione Trend-online.com
Redazione Trend-online.com
Di seguito gli articoli pubblicati dalla Redazione di Trend-online. Per conoscere i singoli autori visita la pagina Redazione Trend-online.com
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
778FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate