La nuova settimana si è aperta all'insegna delle vendite anche per Saipem che dopo quattro sedute consecutive in rialzo ha ceduto il passo alle vendite.

Saipem chiude in rosso, ma tiene meglio di Ftse Mib e settore oil

Il titolo, dopo essersi fermato poco sopra la parità giovedì scorso, ha trascorso quasi l'intera seduta in rosso oggi.
Nel pomeriggio ha provato a risalire la china in direzione della parità, salvo poi tornare indietro e fermarsi a 2,284 euro, con un calo del 2,43% e oltre 5,2 milioni di azioni transitate sul mercato, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 13,7 milioni di pezzi.

Saipem si è difeso meglio dell'indice Ftse Mib e ha mostrato anche più forza relativa rispetto agli altri protagonisti del settore oil.

Il titolo non si è lasciato molto condizionare dall'andamento del petrolio che dopo le perdite accusate in mattinata è riuscito a risalire la china e a cambiare direzione di marcia.

Saipem: nuovo contratto da 280 mln per progetto Baltic Pipe

Saipem ha trovato in qualche modo sostegno nella notizia diffusa questa mattina prima dell'apertura di Piazza Affari.
La società ha fatto sapere di essersi aggiudicata un contratto da parte di di Gaz-System per il trasporto e l'installazione di un gasdotto tra Danimarca e Polonia nel Mar Baltico. 

Il contratto, firmato dalla sua controllata nel Regno Unito Saipem Ltd, vale circa 280 milioni di euro.
Il progetto Baltic Pipe, stando a quanto si legge in una nota, è un'infrastruttura strategica sviluppata da una joint venture tra Gaz-System ed Energinet.dk ed è cofinanziato dall'Unione Europea per la realizzazione di un nuovo corridoio intereuropeo del gas che fornirà la materia prima direttamente dalla Norvegia in Polonia, Danimarca e nei paesi confinanti.

In particolare, il contratto comprende la realizzazione di un gasdotto rivestito di cemento di circa 275 km x 36" tra Danimarca e Polonia, a profondità comprese tra 4 e 57 metri, che sarà installato dalle navi Saipem configurate per la posa S-lay.

Inoltre, il contratto prevede attività di microtunneling e lavori civili in Danimarca e Polonia, attività di smantellamento rocce, nonchè di scavo e di riempimento pre e post-posa. I lavori previsti dal contratto inizieranno immediatamente.

Saipem: Equita commenta il nuovo contratto

Gli analisti di Equita SIM evidenziano che il contratto rappresenta il 4% della loro stima di raccolta ordini E&C per il 2020 e il 10% della divisione E&C offshore.

Con questo contratto la raccolta ordini E&C annunciata da inizio anno da Saipem raggiunge 1,5 miliardi di euro, contro la stima della SIM milanese pari a 6,3 miliardi di euro per il 2020, di cui 2,8 miliardi offshore e 3,5 miliardi onshore.

Resta immutata intanto la strategia suggerita da Equita SIM per Saipem, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo a 3,1 euro.

Saipem sotto la lente di Banca IMI

Bullish invece la view di Banca IMI che sul titolo oggi ha reiterato il rating "buy", con un target price a 3,4 euro.
Gli esperti hanno accolto con favore la notizia del nuovo contratto aggiudicato da Saipem e stimano che lo stesso possa avere un impatto positivo marginale sull'Ebitda del gruppo.