Arriva il nuovo sconto in bolletta approvato dal Governo con il Decreto Aiuti, che alla fine si è stabilito sarà retroattivo. Resta invece in stand by la possibilità di estenderlo anche alle famiglie con Isee più alto fino a 14-15 mila euro.

In sostanza, il nuovo aiuto previsto dal Dl si estende al terzo trimestre dell’anno e il Consiglio dei Ministri ha votato anche per la retroattività della misura. In questo modo, chi non ha fatto in tempo a presentare l’attestazione, ora ha tempo per organizzarsi con la formulazione della richiesta, senza nulla perdere.

Lo sconto vale anche per le bollette già pagate e se c’è stata una quota in eccesso già versata, allora verrà rimborsata o compensata nella bolletta successiva.

Ecco tutti i dettagli.

Decreto Aiuti, lo sconto in bolletta diventa retroattivo: come funziona

Una serie di provvedimenti che fanno seguito al caro bollette ma, ora più che mai, soprattutto al conflitto tra Russia e Ucraina e alle conseguenze economiche che sta determinando in tutta l’Europa.

Il Governo allora ha approvato nella giornata del 2 maggio, un nuovo pacchetto di aiuti per famiglie e imprese, contenuti all’interno del cosiddetto Decreto Aiuti.

Il primo che salta all’occhio, pensando alle famiglie alle prese con le bollette di luce e gas da pagare, è il bonus sociale che cambia ancora.

Già dal 1°aprile, la soglia di reddito Isee era passata da poco più di 8 mila euro a 12 mila euro. Ora la platea dei beneficiari, pur non ampliandosi, potrà però beneficiare di sconti supplementari per il pagamento delle bollette di luce e gas.

Il bonus sociale, si legge nel comunicato del Consiglio dei ministri, già adottato per il secondo trimestre 2022, è esteso al terzo trimestre 2022.

L’ulteriore novità è che il bonus sarà ora retroattivo al primo trimestre del 2022, dunque tutti coloro che hanno già pagato le bollette di luce e gas, avranno un ricalcolo in loro favore, con il rimborso delle somme già versate ma a oggi, alla luce dell’emendamento, non dovute.

Il nuovo tetto Isee per ottenere il bonus sociale resta valido fino al 31 dicembre 2022.

Bonus sociale con Isee più alto: scatta in automatico! Ecco come verificare

Come abbiamo già evidenziato, la novità sta nel fatto che ora si potrà procedere a ritroso, per avere il bonus sociale spettante di diritto.

Non è necessario inoltrare alcuna domanda. Infatti, il bonus si applica in automatico, nel momento in cui il reddito Isee risulta compatibile con la misura.

L’importante però è accertarsi di aver presentato una Dichiarazione Sostitutiva Unica in maniera corretta, così da permettere al sistema di avere a disposizione un’attestazione Isee aggiornata e in corso di validità.

Come fare per verificare? È necessario accedere al portale MyINPS con le proprie credenziali di identità digitale o Spid, quindi controllare l’Isee precompilato.

In alternativa, è possibile rivolgersi a un Caf sul territorio.

Nella pratica, è l’Inps direttamente che seleziona le famiglie che avranno diritto al bonus

trasmette i dati all’Acquirente Unico che collabora con Arera e che comunica - attraverso il Sistema Informativo Integrato - le informazioni agli enti che si occupano di erogare energia elettrica e gas.

È così che si giunge allo sconto diretto in fattura. 

Decreto Aiuti contro il carovita: ecco cosa fare subito per ottenere il bonus sociale

Una maxi manovra che ha raggiunto i 14 miliardi di euro, con risorse che proverranno dal l'extra-gettito delle imprese energetiche e che non ha richiesto uno scostamento di bilancio. Vale la pena ricordare che ogni volta che si approva uno "scostamento" da quello che è il Bilancio iniziale per l'anno in corso, vuol dire che il Paese contrae sempre più debiti.

I provvedimenti di oggi affrontano il caro-vita, l'accelerazione dei prezzi dipende in larghissima misura dai prezzi dell'energia. E questo significa che si tratta di una situazione temporanea che va affrontata con strumenti eccezionali. 

Ciò che si è ipotizzato fino all’ultimo era un innalzamento della soglia di reddito Isee, fino a 14-15 mila euro, per consentire ad altre famiglie di beneficiare del bonus sociale.

Invece al momento si è stabilita la proroga del bonus e la retroattività al primo trimestre del 2022, ma pur sempre per gli stessi beneficiari.

Tutti coloro che dunque non hanno ancora presentato l’attestazione Isee possono comunque farlo adesso, in maniera tale da poter beneficiare da subito dello sconto, ma non solo.

Infatti, per tutte le bollette già pagate, si effettuerà il ricalcolo a partire da gennaio 2022 e tutte le somme pagate in eccesso, verranno restituite.

A seconda dei casi, si potrà procedere con la compensazione nella bolletta successiva oppure con un rimborso vero e proprio di quanto già pagato.

Decreto Aiuti e nuove misure attive contro la crisi energetica: chi sono i beneficiari

Con l’innalzamento della soglia Isee fino a 12 mila euro, le persone con la possibilità di usufruire del bonus sociale, passavano da 4 milioni a circa 5,2 milioni.

Ma non sono gli unici nuclei familiari che si avvantaggiano di tale agevolazione. 

Infatti, ricevono il bonus sociale in bolletta luce e gas anche le famiglie numerose. Nella fattispecie, per tutte le famiglie che invece hanno almeno quattro figli a carico, la soglia di reddito, per godere del beneficio, resta invariata a 20 mila euro.

Ci sono anche altre tipologie di persone che usufruiscono dello sconto diretto nella bolletta dell’energia elettrica, vale a dire tutti coloro che hanno necessità di utilizzare macchinari elettromedicali per curarsi e sopravvivere.

Si tratta del bonus elettrico per disagio fisico, di cui abbiamo già fornito tutti i dettagli, in un contenuto di approfondimento dedicato alla tematica.

Se i diretti interessati rientrano anche nei parametri di reddito Isee previsti per il nuovo bonus sociale, possono cumularlo con il bonus elettrico per disagio fisico.

Inoltre, hanno diritto in automatico al bonus sociale anche i percettori di Reddito di cittadinanza o della pensione di cittadinanza.

Il Governo ha inoltre previsto un ulteriore bonus del valore di 200 euro, per contrastare il caro bollette, ma in questo caso si rivolge solo ai pensionati e ai lavoratori dipendenti, se la soglia Isee non supera i 35 mila euro.

Nuovo bonus sociale del Decreto Aiuti valido per tutto il 2022: gli importi

Come abbiamo già avuto modo di illustrare, c’è un meccanismo che permette in automatico di applicare lo sconto diretto in bolletta, per ciò che concerne le fatture di luce e gas.

Ciò però non significa che gli importi siano uguali per tutti.

Innanzitutto perché è Arera che si occupa di aggiornare, in maniera periodica e costante, le tabelle degli sconti, in maniera tale da rendere congrui gli importi, in linea con l’inflazione.

A oggi, ecco quali sono le somme spettanti per il bonus elettrico in bolletta, come da dati riportati da ilsole24ore, ai quali rimandiamo.

Per ciò che concerne invece lo sconto per la bolletta del gas, entrano in gioco anche altri fattori, tra cui gioca un ruolo fondamentale quello della zona climatica in cui si risiede. 

Tra i criteri per calcolare l’importo del Bonus per il gas rientrano anche le zone climatiche di residenza che vanno dalla A alla F e sono divise tra quelle più calde e quelle più fredde.

Infine, si procede a un’ulteriore distinzione, per applicare lo sconto, che riguarda la finalità di utilizzo, vale a dire se il consumo è legato alla produzione di acqua sanitaria o per la preparazione dei pasti o invece destinato al riscaldamento domestico.