Anche l'ultima restrizione relativa all'emergenza Covid-19 è ormai prossima a cadere. Parliamo dell'obbligo di indossare mascherine su bus, metro e treni. La misura vale fino al 30 settembre e termina il 1° ottobre e il governo Draghi non è intenzionato a prorogare ulteriormente il provvedimento. Per il momento non si intravede infatti alcuna necessità di continuare con simili restrizioni. Per l'autunno invece, nel caso di un eventuale rialzo dei contagi, ad occuparsi della gestione Covid-19 ci sarà il nuovo esecutivo che uscirà dalle urne il prossimo 25 settembre. 

Addio mascherine su bus, metro e treni. Cosa cambia dal 1° ottobre

A partire da ottobre, con la scadenza dell'obbligo, si potrà finalmente dire addio alle mascherine su bus, metro e treni, gli ultimi mezzi di trasporto pubblico sui quali l'obbligo persisteva. A giugno erano state infatti rimosse le medesime misure per i voli aerei (oltre che per cinema, teatro ed eventi sportivi al chiuso) ma l'obbligo per gli altri mezzi di trasporto era stato invece prorogato. 

Tra i provvedimenti restrittivi ormai in scadenza rientra anche l'obbligo di indossare la mascherina all'interno di: 

  • strutture sanitarie
  • residenze sanitarie assistenziali (RSA)
  • hospice
  • strutture riabilitative
  • strutture residenziali per anziani
  • strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali, anche di ospitalità e lungodegenza 

Se in tutti questi luoghi vi si potrà accedere senza indossare alcun tipo di mascherina protettiva, permane invece fino al 31 dicembre l'obbligo di Green Pass per tutti gli operatori sanitari, ricoverati e visitatori, che potranno dunque accedere a queste strutture solo dopo aver effettuato un tampone.

Leggi anche: Influenza australiana, primi casi in Italia: sono questi i sintomi a cui fare attenzione

In scadenza anche i protocolli di sicurezza nei luoghi di lavoro

Sono invece in scadenza il 31 ottobre tutti i protocolli di sicurezza sui luoghi di lavoro. Anche qui non sembra all'orizzonte alcun tipo di proroga, in quanto sia governo che parti sociali non sembrano intenzionate a portare avanti le misure che, ricordiamo, tutt'ora impongono la misurazione della temperatura all'ingresso del luogo di lavoro e l'obbligo di mascherina al chiuso in tutti gli ambienti dove non è possibile mantenere il distanziamento consigliato.

Tuttavia a riguardo si terrà sicuramente in autunno un nuovo incontro tra sindacati e il nuovo governo che, dopo le elezioni, dovrebbe instaurarsi (salvo stalli) all'incirca nel periodo della scadenza dei protocolli.

Influenza australiana, primi casi in Italia: sono questi i sintomi a cui fare attenzione