Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano a parametro zero. Potrebbe essere questa la frase che riassume il legame tra Paul Pogba e la Juventus. Il giocatore francese, dopo essere stato prelevato dalla Juve a parametro zero nel 2012 e rivenduto 4 anni più tardi per 105 milioni, tornerà in bianconero per la seconda volta da svincolato. 

Una grandissima operazione per la dirigenza bianconera, che si assicura a parametro zero - per la seconda volta - uno dei centrocampisti più importanti al mondo, seppur ultimamente in fase calante. L'annuncio ufficiale dovrebbe arrivare nei primi di luglio, ma Pogba potrebbe rivelare il suo futuro nella serie TV "The Pogmentary" che andrà in onda su Prime Video dal 17 giugno.

"The Pogmentary": serie TV e annuncio?

Dopo che le riprese erano iniziate qualche mese fa, recentemente Amazon ha diffuso le prime immagini e il primo trailer della serie TV - precisamente una docuserie - su Paul Pogba, che sarà disponibile sulla piattaforma streaming di Prime Video dal 17 giugno.

Filmati e testimonianze esclusive andranno ad arricchire la docuserie - formata da 5 episodi da 30 minuti ciascuno - che ripercorrerà l'ascesa personale e professionale del giocatore francese, il tutto da una prospettiva - più intima - mai vista prima.

Dall'infanzia passata a Roissy-en-Brie, fino all'ultima stagione al Manchester UTD, passando per la parentesi ricca di trofei alla Juventus e alla vittoria del Mondiale con la Francia. Non solo: la serie TV si concentrerà anche su una introspezione degli affetti più cari di Pogba, dalla famiglia al legame con Mino Raiola, procuratore del calciatore, recentemente scomparso.

Ma non sarà soltanto una serie TV che parlerà del passato di Pogba: i rumor sulla serie parlavano infatti di una "Decisione importante da prendere sul futuro" a detta del calciatore. Non si fanno menzioni esplicite della Juve, ma i tifosi sperano di ricevere il suo annuncio ufficiale quanto prima.

Pogba-Juve: quando l'ufficialità?

La serie, come detto, andrà in onda dal 17 giugno. Naturalmente i tifosi della Juventus sperano di avere l'annuncio ufficiale del ritorno di Pogba entro quella data, ma la realtà potrebbe essere diversa. Nonostante l'arrivo del "Polpo" alla Juve sia ormai cosa fatta, l'annuncio potrebbe slittare ai primi di luglio.

Poche settimane fa, con un comunicato sul sito ufficiale, il Manchester United aveva annunciato ai propri tifosi la separazione da Paul Pogba. Il francese lascia quindi la Manchester rossa dopo sei stagioni: per lui in tutto sono oltre 150 presenze con 29 gol, in cui il Polpo è riuscito a vincere soltanto un'Europa League e una Coppa di Lega Inglese.

Quelle a Manchester non sono state annate fortunate: infortuni, partite sbagliate, poco gradimento con i tifosi, hanno infatti minato la seconda avventura di Pogba con la maglia dello United. Con il cambio di allenatore dei Red Devils - che dal prossimo anno saranno guidati dall'olandese Erik Ten Hag - era chiaro che la sua avventura fosse conclusa.

Il contratto che lega Paul Pogba al Manchester United però, scadrà il 30 giugno. Il ritardo nell'annuncio della sua ufficialità alla Juventus è dovuto a questo fattore: Pogba alla Juve sarà annunciato i primi di luglio, cosi da poter raggiungere la squadra nel ritiro che inizierà il 4 dello stesso mese.

Pogba alla Juventus firmerà - secondo Julie Laurens di ESPN - un quadriennale da 8 milioni netti a stagione. Secondo alcuni rumor inoltre, il francese avrebbe già scelto il numero di maglia: la n°10. Il Polpo è dunque pronto a raccogliere l'eredità di Alessandro Del Piero e più recentemente di Paulo Dybala: tuttavia non va esclusa la possibilità di un ritorno alla maglia n°6.

Pogba ritrova la Jube: i numeri in bianconero

Il ritono alla maglia numero 6 sarebbe senza dubbio romantico, ed andrebbe a chiudere un cerchio iniziato nel 2012, a 10 anni di distanza. Proprio in quell'anno infatti, la dirigenza della Juve affonda il colpo per un giovane francese svincolatosi dallo United.

Il resto è storia: acquistato per dare il fiato ad Andrea Pirlo, Pogba si ritaglia presto un ruolo da mezz'ala, esordendo in Serie A nella partita vinta contro il Chievo per 2-0, il 22 settembre 2012. Nello stesso mese esordisce anche in Champions League e trova la prima rete italiana nel successo della Juve contro il Napoli.

Le sue prestazioni convincono l'allora tecnico della Juventus, Antonio Conte, a cambiare asset alla squadra così da concedere titolarità al francese. Alla fine della sua prima stagione in italia, Pogba conquista lo Scudetto e la nomina di miglior rivelazione del campionato.

Dopo quattro anni, Pogba mette insieme un palmares di tutto rispetto: ben quattro Scudetti vinti, tre Supercoppe Italiane e due Coppe Italia. A livello personale, il francese vince il Golden Boy nel 2013, e viene inserito nella Squadra dell'anno UEFA nel 2015, e nella Fifa/FIFpro World XI e si piazza quindicesimo nella classifica del Pallone d'Oro nella stagione 2015-2016, l'ultima a Torino.

L'unico rimpanto per Pogba e la Juventus porta il nome di UEFA Champions League. Il francese gioca la sua unica finale nella massima competizione europea nella stagione 2014-15 proprio con la maglia bianconera. 

Dopo una cavalcata trionfale della squadra allenata da Massimiliano Allegri, i bianconeri e Pogba - al rientro da un infortunio di due mesi - devono arrendersi per 3-1 dinnanzi alla corazzata del Barcellona, all'epoca la milgior squadra del mondo.

Seppur l'unico trofeo europeo per Pogba sia arrivato in maglia Red Devils, la certezze è che sia il francese sia la Vecchia signora ci riproveranno il prossimo anno: di nuovo insieme, dopo i quattro anni precedenti, conditi da 124 presenze e 28 gol. I tifosi della Juve possono tornare a sognare.

LEGGI ANCHE: Final Four di Champions League: UEFA pensa a un nuovo torneo