L’Italia è tutta bellissima, siamo tutti a conoscenza di ciò. La nostra penisola ha una varietà incredibile di paesaggi: dalle alpi alle colline, fino poi agli appennini e alle coste rocciose e sabbiose, insomma, c’è scelta per tutti. Ma la caratteristica che molti Paesi invece non hanno è il fatto di custodire una lunga storia che parte fin dai Romani per arrivare a noi: storia di borghi, di affreschi e opere d’arte di ogni genere.

Tante piccole città medievali arricchiscono di storia la bellezza paesaggistica. È impossibile non soffermarsi su ciò che abbiamo intorno. Ma quali sono i borghi più belli d’Italia? Dove poter ritrovare quei luoghi dove il tempo sembra essersi fermato al medioevo e a quelle cittadelle fortificate da lunghe mura di cinta? Stilare una lista è davvero difficile perché sono centinaia i piccoli paesini da visitare almeno una volta nella vita, ma abbiamo fatto un’accurata selezione per voi.

Quali sono i 5 borghi più belli d’Italia

Partiamo dal profondo nord d’Italia: Gressoney-Saint-Jean è un piccolo borgo della Valle d'Aosta, ai piedi del Monte Rosa, noto per il Castel Savoia. D’inverno è completamente bianco, le case sono ricoperte da metri di neve e sembra di essere ben lontani dall’Italia. Le casette coperte di neve, le baite e le luci calde dai lampioni che spuntano fuori dal bianco per segnare la strada tra i muri di ghiaccio creano una poesia unica, per questo è anche una delle più ambite stazioni turistiche.

A seguire passiamo invece a Manarola, nelle Cinque Terre. Una delle coste più belle D’Italia, con il mare, le coste a strapiombo e i locali a picco sul mare di fronte agli spettacoli delle casette colorate arroccate sui costoni. Una zona incredibile da girare tutta in macchina. 

Andando avanti invece passiamo al Lazio con Sperlonga, un piccolo borgo sul mare nel sud pontino. Un incanto diviso tra parte vecchia e parte nuova. Nella zona vecchia si sale attraverso centinaia di scale che portano in piccoli vicoli bianchi a picco sul mare, nella zona nuova c’è una lunga spiaggia seguita da ristoranti di ogni genere: c’è un’atmosfera da incanto. Civita di Bagnoreggio, sempre nel Lazio, è invece un’attrazione tutto l’anno. Con i suoi pochissimi abitanti vede un lunghissimo pontile quasi sospeso nel vuoto perché porta sul picco della montagna dove si troverà il borgo arroccato con artisti e piccole botteghe. 

Scendiamo infine in Campania, nell’Isola di Procida. Da Casal Vascello, un piccolo quartiere dove trovare ancora i panni stesi e i bambini che giocano a pallone nel rione, fino alla parte più alta con il faro, l’ex carcere e Palazzo D’Avalos con all’interno anche una caratteristica opera d’arte, per poi andare sul lato degli stabilimenti con la sabbia bruna e il lato del porto a Marina di Corricella, con tutte le casette colorate e i pescatori che filano le reti mentre i ragazzi fanno l’aperitivo al sole. 

Qual è il borgo più bello d’Italia 2022

Si tratta di Soave, piccola realtà in provincia di Verona, che è stata scelta come Borgo dei Borghi 2022 e annunciato dal programma Kilimangiaro di Rai3, condotto da Camila Raznovich.

Soave ha un’impronta medievale, tutte le architetture infatti sono custodite tra le mura fortificate. La costruzione del castello infatti risale al X secolo D.C. quando il Re d’Italia Berengario I decise di far erigere le mura per contrastare le numerose incursioni dei predoni Ungari. Entrare in questo piccolo borgo è come essere catapultati in un’altra epoca perché tutto scorre talmente tanto lentamente che può sembrare totalmente fuori dal mondo. 

La capitale della cultura 2022

La capitale della cultura dopo Matera, è stata Procida, si replica anche quest’anno però, per via del Covid che l’anno scorso dovette bloccare i festeggiamenti. Pochi giorni fa sono stati in visita tanti scrittori italiani come Silvia Avallone, Chiara Gamberale, Emanuele Trevi e tanti altri.

La piccola isola l’abbiamo già ben descritta ma il Palazzo D’Avalos era un vero e proprio carcere con una storia particolare al suo interno. Ci sono ancora tutti i vestiti usurati dei carcerati, la sala dell’infermeria, le grandi camerate con i letti a schiera e i registri per le chiamate, sui quali alla voce “destinatario” si ripeteva all’infinito la parola “madre”. Procida è anche tanta storia oltre che cultura, ma quest’anno è sicuramente un motivo in più per visitarla. 

Dove si trovano i borghi più belli d’Italia 

I borghi più belli d’Italia sono davvero sparsi in ogni regione ma abbiamo forti concentrazioni in Toscana e in Umbria. Sembrano infatti essere proprio queste le regioni che nascondono la maggior concentrazione di paesini ricchi di storia e poche grandi città.

Sarebbe bello organizzare un tour enogastronomico in queste zone per visitarle tutte durante le ferie (evitando i mesi più caldi d’estate). Oltre alla bellezza paesaggistica, infatti, queste zone sono ricche di cultura culinaria, ogni paese ha un prodotto o piatto tipico, molto spesso con produzioni a Km 0: è questo che renderebbe il tour un weekend fuori porta davvero unico.