• Milano
    • New York
    • Tokyo
  • PETROLIO
  • GAS NATURALE
  • ORO
  • NIKKEI
  • SP500

Brunello Cucinelli

RSS

Brunello Cucinelli, casa di alta moda italiana

Espandi

Brunello Cucinelli S.p.A. è un'azienda italiana, casa di alta moda apprezzata a livello mondiale e specializzata nel ramo della pregiata lavorazione del cashmere. Oltre il 70% della produzione totale di Cucinelli è Made in Italy.

Ultimo Aggiornamento:02/07/2014

ANAGRAFICA SOCIETA’
Nome societàBC
PaeseItalia
MercatoFTSE ITALIA MID CAP
SettoreBENI DI CONSUMO
Codice AlfaBC
Codice IsinIT0004764699
Codice ReutersBC.MI
Sito web societàhttp://www.brunellocucinelli.com/
Telefono+39075697071
Fax+390756970700
Sito web InvestorLink
E-mail Investorpietro.arnaboldi@brunellocucinelli.it
Indirizzo societàVia dell'Industria 5, 06073 Solomeo (PG)
Società revisioneReconta Ernst & Young
SINTESI TITOLO
Azioni in circolazione68.000.000
Capitale Sociale13.600.000
Tipo TitoloAzioni ordinarie
Valore nominale€ 0
Data di collocamenton.d.
Prezzo di collocamenton.d.
Ultimo dividendo€ 0.1100
Tipo dividendoOrdinario
Data pagamento19/05/2014
Ultima raccomandazione21/07/2014
EmittenteMEDIOBANCA
RaccomandazioneNeutral
Target Price€ 19.00
Andamento rating
 

CDA CONSIGLIERI
Cucinelli Brunello
Pontremoli Andrea
Ciarapica Moreno
Folsom Shawn
Manfredi Giovanna
Koo Candice
Labianca Giuseppe
Stefanelli Riccardo
Marzotto Matteo

COLLEGIO SINDACALE
Longobardi Gerardo
Castaldo Guglielmo
Ravizza Lorenzo
Galli Alessandro Giuseppe
Faina Eros

AZIONARIATO
FMR LLC5.78 %
Capital Research and Management Company2.05 %
Manfredi Giovanna2.51 %
Cucinelli Brunello63.32 %
Monterubello SS3 %

SINTESI DI BILANCIO
31/12/2013 Variaz. % 31/12/2012
TOTALE RICAVI 324,50 15,36% 281,30
MARGINE OPERATIVO LORDO (EBITDA) 58,10 35,75% 42,80
MARGINE OPERATIVO NETTO (EBIT) 46,90 31,37% 35,70
RISULTATO ANTE IMPOSTE 45,20 33,33% 33,90
RISULTATO NETTO 29,50 31,70% 22,40
POSIZIONE FINANZIARIA NETTA 16,10 1.793,89% 0,85
PATRIMONIO NETTO 145,20 21,40% 119,60
CAPITALE INVESTITO 161,30 33,97% 120,40
Raccomandazioni: Yoox, Sogefi, Banca Mps

Raccomandazioni: Yoox, Sogefi, Banca Mps

Oggi Piazza Affari si è svegliata in calo. Continuato da questa mattina. E il recupero è sempre minimo.

5) SOGEFI continua la scia positiva per la società di componentistica degli autoveicoli. Adesso è la volta di Fidentiis che si prefigge di comprare (buy [...]

Il lusso è da riscoprire in vista dei risultati trimestrali

Il lusso è da riscoprire in vista dei risultati trimestrali

In attesa dei conti del secondo trimestre che saranno diffusi nelle prossime settimane, i protagonisti del lusso a Piazza Affari vengono rivalutati, ma non tutti, dalle banche d’affari. Le previsioni degli analisti e le indicazioni sui titoli da preferire e da evitare.

Ferragamo accelera in Borsa

Ferragamo accelera in Borsa

Rally di Ferragamo in Borsa: il titolo segna un rialzo del 4,12% e si porta a 21,74 euro dopo aver toccato un massimo di seduta a quota 20,95 euro.

Raccomandazioni: Atlantia, Sogefi, Interpump

Raccomandazioni: Atlantia, Sogefi, Interpump

Mercati che anche dopo la sbandata di ieri tendono a restare in territorio positivo, ma la sensazione che sia solo un fuoco di paglia tende sempre più a diventare certezza.


Il mercato italiano invia un primo segnale incoraggianteIl mercato italiano invia un primo segnale incoraggiante

Anche per domani sono attesi importanti dati macro in America, dove l’attenzione sarà catalizzata al contempo da diverse trimestrali societarie. Spunti da seguire anche in Europa, tra le blue chips riflettori puntati su Fiat.

Il lusso perde brillantezza, ma ci sono temi ancora appetibiliIl lusso perde brillantezza, ma ci sono temi ancora appetibili

I titoli del comparto risentono delle incertezze del mercato, muovendosi quest’oggi lungo binari diversi, ma le banche d’affari segnalano diverse storie da cavalcare. Le indicazioni degli esperti sui titoli da preferire e da evitare nel breve.

Pericolosa flessione per Brunello CucinelliPericolosa flessione per Brunello Cucinelli

Pericolosa flessione per Brunello Cucinelli (-3,39%) che ha violato i minimi di metà maggio a 17,80 riattivando il downtrend partito a inizio anno in direzione di 16,80, quota pari al 61,8% di ritracciamento del rialzo dai bottom del 2012.